Aiuto, per favore, non so cos'ho...

Inviata da Annalis · 9 lug 2019

Passo letteralmente tutti i giorni a casa a cercare sintomi su internet, ora ho paura perché da un paio di giorni mi sento strana ma non riesco a spiegare come; non ho più l'ansia allo stomaco, ce l'ho nel petto e mi crea un groppone alla gola come se dovessi vomitare. Ho paura perché penso che, non riuscendo a spiegarmi, nessuno possa aiutarmi e temo di poter solo peggiorare fino ad impazzire o cadere in depressione profonda. Non mi fido della mia testa e del mio stato d'animo, vorrei piangere per sentirmi un po' sollevata, ma non ci riesco; non mi sento lucida né riesco a focalizzarmi su niente, se non al mio malessere e all'individualizzazione di esso. Ho la testa talmente incasinata che non riesco neanche ad immaginare, mi vengono in mente solo scenari tragici di me in balìa della disperazione, costretta a rivolgermi ad uno psichiatra (ci tengo a precisare che non voglio mancare di rispetto, solo preferirei evitare perché vorrei non dover prendere farmaci che portano dipendenza e assuefazione), il problema è che ora come ora non riesco a trovare metodi di soluzione. Ho la testa annebbiata, grigio cenere, e un peso sulle braccia che mi porta sempre a sospirare perché mi sembra di non respirare bene. Sono convinta al 100% di avere una malattia mentale, ma non so quale, e vivo nella paura che non ci sia cura. La cosa va avanti da un po', ma almeno prima avevo dei sintomi e sapevo, a grandi linee, individuare e spiegare cosa mi stava succedendo.
Posso solo riassumere il tutto con: HO PAURA.
Vi prego, qualcuno sa dirmi cos'ho e se posso guarire?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 LUG 2019

Gentile Annalisa,
procrastinare nel medesimo comportamento non risolverà la situazione, lei ha necessità di essere quantomeno supportata dal punto di vista psicologico. Purtroppo il senso comune fatica a riconoscere il disagio psichico come una manifestazione da ascoltare e trattare in tempi brevi. Il supporto farmacologico in alcuni casi è necessario, viene poi scalato con opportuna gradualità quando la persona sta meglio.
Resto a disposizione per approfondimenti
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2664 Risposte

2208 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 LUG 2019

Gentile Signora,
nel momento in cui si sente un disagio è utile occuparsene evitando cosi il rischio di cronicizzazioni. Potrebbe richiedere una prima consulenza così da poter fare una diagnosi più precisa anche in base alla sua storia o eventi particolari che possano averla turbata e capire se il farmaco può o meno essere necessario/d'aiuto.

Dott.ssa Elda Selleri Psicologo a Portogruaro

1 Risposta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16850

psicologi

domande 23700

domande

Risposte 85700

Risposte