Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Aiutatemi... sono disperata

Inviata da anonima242526 · 5 nov 2019 Terapia di coppia

Salve dottori.

Avevo già scritto su questo forum per lo stesso problema, ma mi piacerebbe ricevere altri pareri da voi professionisti.

Cercherò di sintetizzare il più possibile il racconto, ma se avete bisogno di più informazioni ve le do volentieri.

Parto col dire che sono fidanzata da 2 anni e 8 mesi col mio ragazzo, e abbiamo 18 e 19 anni.

La nostra storia è sempre stata bellissima, siamo fatti l'uno per l'altra, tranne che per alcune litigate dovute alla mia possessività e gelosia estrema.

Ci siamo conosciuti a 16 anni: lui, prima di me, non ha avuto neanche un bacio... io, invece, ho avuto molte storielle sessuali del quale tutt'ora me ne pento.

Questa cosa, purtroppo, lo fece molto soffrire, perchè essendo la sua prima storia non riusciva ad accettare il fatto che io prima di lui ebbi certe esperienze.

Questo, quindi, mi portò a mentirgli su alcune cose, nonostante lui me le chiedesse... solo per il fatto che avevo paura di essere lasciata.

Per 2 anni ho avuto ansia, ogni giorno, che lui venisse a scoprire qualcosa in più...

Avevo paura quando usciva di casa, quando parlava con certe persone che avevano a che fare con QUELLE persone, e tantissime altre paranoie.

In più, io canto, e vorrei portarlo come lavoro, quindi queste storie mi frenavano tantissimo pure in questo mio sogno... perchè è normale che se diventi un personaggio pubblico, molte persone "tornano" solo per vantarsi di aver fatto certe cose con te.

Infatti molte volte ho voluto rinunciare, solo per la paura di perdere il mio ragazzo.

Ho convissuto con questa ansia fino a 2 mesi fa.

Eravamo al mare da 2 settimane, stavamo benissimo, avrei voluto non finissero mai perchè ero contenta di vederlo tutto il tempo e fare ogni cosa con lui.

Una sera però, esattamente il 18 agosto, non so cosa sia successo.

Ho iniziato a pensare a tutto ciò che non gli avevo detto, rivedendo tutte le scene nella mia testa, e sentendomi estremamente una bugiarda ... così cominciai ad avere tantissimi sensi di colpa.

Tutto è partito specialmente per il sogno che ho nel cassetto, iniziandomi ad immaginare quante cose sarebbe potuto venire a conoscenza.

La cosa bruttissima però... è che ho iniziato a sentire un vuoto inspiegabile quando stavo col mio ragazzo.

Son passata dall'amore folle al, quasi, niente.

Non è stato un crescendo graduale, perchè in quei giorni ero esattamente come sono stata in questi 2 anni.

Avevo in mente tutte queste cose, e non riuscivo a guardarlo, a mangiare, avevo la tachicardia e per questo non riuscivo a stare ferma un attimo, e in più c'era questo vuoto bruttissimo.

Quindi decisi di raccontargli tutto.

2 giorni dopo gli raccontai ogni cosa, dalla più stupida alla più seria, e lui, dopo un momento di rabbia iniziale dovuto al fatto che per 2 anni non gli dissi niente, fu comprensivo... dicendomi frasi come "ti amo sempre allo stesso modo e ti vedo sempre con gli stessi occhi"

Fui contenta di questa cosa.... ma il vuoto non se n'è mai più andato.

I giorni successivi continuavo a svegliarmi con la tachicardia, non ho mangiato per 2 settimane e piangevo di continuo.

Gli raccontai di questa bruttissima sensazione e lui mi disse che mi sarebbe stato vicino e che sicuramente era solo una crisi passeggera.

Il punto è che ancora non mi è passato.

Vado ad alti e bassi, ma anche quando sono più spensierata sento che ci sia qualcosa che si è spento, e non capisco come riaccenderlo.

Il mio ragazzo va da una psicologa per suoi problemi personali, e le ha parlato di questo mio problema.

Le ha raccontato di tutti i miei traumi passati dovuti ai problemi che ho avuto in famiglia (e sono davvero grandi), e infatti è per questo che in giovane età sono finita tra le "braccia" di gente sbagliata.

Lei le ha risposto che è impossibile che il sentimento si sia spento letteralmente da UN SECONDO all'altro, e che è certa che c'è ancora, ma per ritrovarlo dovrei fare un percorso di psicoterapia per ritornare a stare bene con me stessa... perchè io, appunto, fin'ora non lo sono mai stata.

E lei dice che è sicuramente dovuto a tutti i problemi che ho dovuto affrontare in passato.

Il mio ragazzo continua a starmi vicino. ogni volta che piango ci mettiamo a tavolino e mi spiega, per tranquillizzarmi, tutto quello che gli ha detto la psicologa.. dicendomi che mi aiuterà a tornare come prima e che è sicuro che ci riuscirò.

In più, ce la dobbiamo cavare da soli con i pagamenti per le sedute, perchè mio padre oltre a non credere agli psicologi, mi paga già tante cose, e mia mamma ha problemi economici.

Quindi dobbiamo aspettare fin dopo Natale perchè useremo le paghette che le nostre rispettive famiglie ci daranno.

L'unica seduta che farò prima di allora, sarà una seduta dalla psicologa del mio ragazzo che è seriamente preoccupata per il mio stato d'ansia dovuto a questa situazione, e mi aiuterà a capire che il mio sentimento c'è ancora e che è tutto un problema di testa.

Perchè io, infatti , sono sempre stata una ragazza molto ansiosa e paranoica.

Ora chiedo a voi... è possibile perdere un sentimento da un secondo all'altro? Perchè, appunto, prima di quella sera ero innamoratissima del mio ragazzo e non ho MAI dubitato del mio amore per lui.

E in base al racconto che vi ho fatto, riuscirò a tornare ad essere felice con lui se mi faccio aiutare da uno psicoterapeuta?

Io non voglio perderlo, è la cosa più importante della mia vita, e ho fatto 2 anni di amore intenso con lui... voglio che diventi il padre dei miei figli un giorno, e voglio un futuro con lui e solo con lui.

Aiutatemi, non ce la faccio più con questa situazione... sono 2 mesi che ho perso il sorriso e piango tutti i giorni, perdendo la voglia di fare qualsiasi cosa... sto anche andando male a scuola per questo problema :(


P.s. come ho detto all'inizio, io ho avuto un serio problema di attaccamento verso il mio ragazzo, ero possessiva al punto di non riuscire a non vederlo per 1 giorno.

Ero anche estremamente gelosa, e per farvi capire il grado di gelosia, non riuscivo neanche a sopportare che uscisse a mangiare con sua mamma.

Purtroppo questi erano altri problemi che non riuscivo proprio a controllare, e sarei dovuta andare molto prima da una psicologa...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 NOV 2019

Buongiorno,
Devo concordare con la psicologa del suo ragazzo. Lei dovrebbe iniziare un percorso individuale, non soltanto per tornare ad stare bene con il suo fidanzato, ma per trovare una felicità ed un equilibrio che in lei manca.
Da quanto ci racconta ci sono stati tanti episodi nella sua storia che non ha avuto modo di affrontare e può essere che alcune di queste emozioni non elaborate siano la causa del suo blocco oggi.
Quindi provi a fare in modo di iniziare, non per la coppia, ma per lei stessa, che poi quando ritroverà una pace interiore la situazione in coppia si migliora o al meno sarà più facile da affrontare.
Rispetto alla situazione economica: provi a cercare e scegliere uno psicologo che li vada bene, e poi provi a parlarne delle sue difficoltà, magari trovate un accordo per i pagamenti (già sia a rate, o concentrate nel mese che lei dice avrà i soldi.. o altro).

Le porgo un cordiale saluto.
Dt.ssa Paola Dorado, Como

Dott.ssa Paola Dorado Psicologo a Casnate con Bernate

57 Risposte

29 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21850

domande

Risposte 82350

Risposte