Aiutatemi a capire chi sono

Inviata da ST · 11 gen 2016 Orientamento sessuale

Buongiorno,
scrivo per capire qualcosa di più del mio orientamento sessuale. Sono un ragazzo di 23 anni con dubbi profondi sul suo orientamento sessuale. Iniziai a masturbarmi intorno a 11 anni e da principio le mie fantasie erano rivolte ad una compagna di classe. In seguito ad una gita, vidi un mio compagno masturbarsi e la cosa mi turbò ed eccitò. Mi masturbai molte volte pensando a quel gesto e la cosa si protrasse per un bel pò. Arrivai al liceo. Iniziai ad accedere al materiale pornografico e qui notai che il materiale omosessuale mi eccitava e molto. Per diversi anni mi masturbai con quello e mai ho capito il perché. Erano anni in cui ero molto chiuso, timido e soffrivo perché questo mi portava ad essere isolato dagli altri. Arrivai ad affermare di volermi suicidare talmente non accettavo la situazione in classe e ancora oggi se ripenso a quegli anni soffro. Sentivo attrazione per alcuni ragazzi ma se mi guardo indietro capisco che per alcuni era stima profonda perché si erano avvicinati a me non isolandomi, per altri era un ammirazione. Spiego la situazione ai miei genitori, le mie fantasie e vengo accompagnato da uno psicologo e da una psichiatra da cui vengo seguito per due anni. Non mi dicono nulla sull'orientamento sessuale, loro vogliono agire sulle mie insicurezze. E fu così. Da quel momento molte insicurezze sparirono, la mia autostima aumentò e molte fantasie omosessuali persero la loro intensità. Scoprì che mio padre intorno ai 12 anni mi lasciò completamente a mia madre, smise proprio d'interessarsi a me vedendo il mio rapporto conflittuale nei suoi confronti a causa della sua mentalità. Con calma perdonai, e ripresi i legami con lui. Termino il liceo, vado in università e qui, mi innamoro di una ragazza. Non era bella esteticamente, ma caratterialmente tutto mi piaceva di lei. Aveva quella testardaggine e quella sicurezza che io non avevo in quel momento. MI avvicinai sempre di più a lei e ci mettemmo assieme. Avevo 19 anni. Con lei ebbi il mio primo rapporto sessuale, all'inizio ne ero infatuato, ma l'effettivo innamoramento arrivò dopo qualche mese. Lo capì quando pensando a lei o andando solo da lei avevo un erezione dall'emozione che provavo. O il solo baciarla mi suscitava emozioni. La vedevo con occhi totalmente diversi. Si lamentava dei suoi difetti come il "sedere troppo grosso" ma a me tutto esteticamente piaceva di lei,...anche il suo carattere scontroso e prepotente. Accettai molti difetti per amore, mi chiese diverse volte delle pause e soffrivo moltissimo ma l'amavo e continuavo ad andare avanti, sebbene la cosa mi mettesse in uno stato di angoscia. La vedevo affianco a me, un giorno, passato un anno e mezzo di relazioni, le dissi pure che vedevo un reale futuro con lei e se a lei questo le avesse fatto piacere. Si spaventò, ma non mi lasciò ma aveva capito quanto l'amassi. Premetto che mentre sono stato con lei mai ho avuto fantasie omosessuali sia durante l'atto sessuale che fuori dallo stesso. Desideravo il suo corpo, desideravo lei. Mi ricordo nitidamente che una volta , mentre facevamo l'amore lei mi disse " sei molto sicuro quando siamo in intimità perché non lo sei fuori?". Quella domanda ancora non so spiegarmela. Mi piaceva il suo corpo non eccessivamente magro ma in carne, la sua fisicità. Tutto. La desideravo moltissimo. La nostra storia si concluse un anno a mezzo fa per fattori esterni, combinati con un "non ti amo più". Sono stato male per quasi un anno intero, tentai di riparare ma ogni volta una botta secca sul muso. Di quella storia, mi è rimasto un ricordo comunque positivo perché ho realmente capito che cosa volesse dire amare ed accettare i difetti per amore...ma ad oggi ho tante domande dovute ad insicurezze che mi sorgono sul mio orientamento sessuale. Non mi sono mai etichettato ma ammetto che sono una persona ansiosa. Ripensare al mio passato e alla mia adolescenza basata su forti fantasie omosessuali e attrazioni anche di questo tipo e vedere la mia storia sentimentale mi porta a domandarmi "ma chi sono?". Sono gay, sono bisessuale, sono un etero insicuro. Non lo so più. Da quando la mia ex mi ha lasciato, non ho avuto più fantasie omosessuali. Ripenso all'intimità con lei, a quello che facevamo e mi masturbo pensando a lei. Ho provato a vedere video omosessuali, non mi eccitano più moltissimo come una volta, a volte ci impiego di più e altre volte, quando vengono fatte vedere pratiche anali, chiudo gli occhi, non pensando ad un uomo ma alla penetrazione con la mia ex. Come è possibile tutto questo?. Ammetto che sono un ragazzo molto ansioso ed insicuro di sè e nei rapporti umani. Mi ricordo che al liceo soffrivo molto l'ansia dell'interrogazione, tanto che quando facevo colazione dopo vomitavo. Evitai il problema per anni non facendo colazione. Un'altra volta nel sonno, mi dicevo di chiudere le palpebre ma non riuscivo, passai due settimane senza riuscire a dormire. Un'altra ancora invece talmente avevo paura della fine del mondo, che per mesi mi documentai dove potessimo andare io e la mia famiglia a salvarci ( se ci penso ora mi faccio pena...). Aiutatemi a capire se è possibile che queste mie insicurezze ed ansie possono essere associate al mio percorso adolescenziale, al mio sentirmi inferiore rispetto ad altri, così insicuro e schivo o se sono, a questo punto un "bisessuale" che ha provato l'amore vero e la complicità per una donna, in una parentesi importante della sua vita.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 OTT 2016

Gentile utente, le fantasie etero-omo-bisessuali sono presenti in ogni persona. Non solo le persone che si definiscono eterosessuali possono avere fantasie omosessuali, ma è vero anche il contrario. Ciò significa che tutti non sanno più chi sono? No, caro ragazzo. Un conto è il mondo interno delle fantasie pulsionali e ciò che possono rappresentare anche a livello simbolico, un conto è l'assunzione ed il riconoscimento di un orientamento sessuale, che va a far parte dell'identità personale. E l'orientamento riguarda sì vissuti di attrazione fisica e sessuale, ma anche i sentimenti, l'amore, il desiderio di avere relazioni e di costruire futuro. Condivido l'idea di lavorare sugli aspetti di maggiore insicurezza e di fragilità psicologica personale, che, forse (è solo un'ipotesi) in qualche modo lei associa alle fantasie omosessuali.
Un saluto cordiale,

dr. Enrico M. Ragaglia
Arona e Milano

Dr. Enrico Maria Ragaglia Psicologo a Arona

13 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 GEN 2016

Gentile utente,
stando a quello che lei scrive, le fantasie omosessuali della preadolescenza e adolescenza sono rimaste tali e da collocare appunto in un periodo di formazione ed evoluzione verso la maturità sessuale.
In realtà lei non ha mai avuto un vero vissuto omosessuale mentre ha avuto un vissuto eterosessuale anche abbastanza coerente ed intenso sia pure con una sola ragazza.
Vero è invece che ha sempre avuto una certa fragilità psicologica e di questo si era accorta anche la sua ex ragazza.
E' certo che la fine, da lei subìta, di questa relazione l'ha destabilizzato facendo ritornare i dubbi e fantasmi omosessuali che lei aveva superato mettendolo di nuovo adesso in allarme riguardo a questo aspetto dell'orientamento sessuale.
Ritengo che lei debba farsi aiutare in psicoterapia soprattutto per superare le sue insicurezze e migliorare la sua autostima.
Consideri che il mondo è pieno di belle ragazze e cerchi di fare delle conoscenze finchè non riscoprirà interesse per qualcun'altra.
E' importante che durante questa fase sia in terapia e si faccia consigliare e seguire.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20221 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GEN 2016

Caro St.
dalla tua lunga lettera ben si comprende il tuo percorso e penso di poterti dire che il tuo orientamento sessuale mi sembra essere quello etero.
Non hai motivo di metterti in questo stato mentale dubbioso ripensando al passato e a quello che è stato.
Il passato è passato e tu hai fatto nuove esperienze e da come descrivi il rapporto con la tua ragazza e di quanto il suo corpo fosse attraente per te, io credo proprio che tu non debba nutrire altri timori in merito.
Sappi che, nell'adolescenza, spesso capitano casi di identificazione verso compagni del proprio sesso, ma questo non significa essere omosessuali ma, anzi spesso è un modo per "affinare" la propria mascolinità, per interiorizzarla, e questo credo proprio che sia quello che è sucesso a te rispetto alle tue esperienze prima di avere la relazione con quella ragazza.
Ora la fine della storia con lei deve averti risvegliato un senso d'insicurezza e ti ha messo in questo turbinio di pensieri.
Io ti dico che non devi affatto assecondare il tuo disorientamento, causato anche dal senso di solitudine interiore, ma devi percorrere la tua via rafforzandoti con esperienze nuove in tutto quello che ti piace e che ti fa stare bene.
Tieni aperti gli orizzonti e le possibilità della vita ...non chiuderti solo in riflessioni a carattere sessuale.
Stai sereno.
Spero averti fatto comprendere e riflettere su cose utili per te.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7011 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 GEN 2016

Buongiorno St,
mi sembra,da quanto ha scritto,che le perplessità sulla sua identità sessuale siano più dettate da ansie e insicurezze personali più profonde. Le consiglieri di iniziare una terapia individuale per affrontare tali insicurezze e superarle, per poi eventualmente vedere anche l'aspetto sessuale. Così avrà una visione più 'libera' della sua sessualità. Buona giornata. Rimango a disposizione per qualsiasi richiesta e chiarimento.

Dott.ssa Valeria Bugatti Psicologo a Roma

105 Risposte

47 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Altre domande su Orientamento sessuale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86950

Risposte