Aiutare un compagno ansioso e con poca autostima, aggressivo.

Inviata da Alessia · 29 mar 2021

Buonasera, come potrei aiutare il mio compagno ansioso, con poca autostima, che reagisce ai miei tentativi di capirlo con aggressività verbale? Ho provato a consigliargli uno psicologo ma dice di esserci già stato in passato e non ha fiducia (forse perché come soluzione gli prescriveva antidepressivi). Ha vissuto un infanzia con genitori litigiosi, il padre padrone imponeva ai figli e alla moglie tutto ciò che voleva. Il mio compagno da giovane ha reagito con un rifiuto a qualsiasi imposizione che ora manifesta anche nel lavoro : vede ogni lavoro come una forma di schiavizzazione, ripete sempre che non può fare quello che vuole della sua vita. Siamo insieme da 12 anni. Sono riuscita a convincerlo nel tempo a venire a vivere con me e a provare dei nuovi lavori, ma da un paio d anni, soffre di attacchi d ansia. Trema, a volte piange, ho già traslocato 2 volte perché attribuiva alla casa le colpe delle sue ansie. Dice che sta bene solo a casa dei suoi genitori. Aggiungo che sono riuscita ad avere un cambio in lui solo drasticamente un paio d anni fa quando L ho lasciato e sono uscita con un suo amico. Lo shock ha attivato in lui il volermi dimostrare che è in grado di assumersi responsabilità, e’ venuto a vivere con me, ha iniziato a lavorare, a pagare L affitto, ma ha iniziato anche ad avere gli attacchi di panico (mi ha raccontato di averlo avuti anche da bambino). Preferivo quasi vederlo prima, che era menefreghista, stava sempre con gli amici e non cercava lavoro ne mi aiutava, ma era allegro. Io vorrei solo vederlo felice, con o senza di me. Come posso aiutarlo, o convincerlo a parlare con uno psicologo magari adatto al suo caso ? Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 MAR 2021

Buona sera cara Alessia!
Dal suo racconto la situazione richiederebbe che il suo compagno decidesse di affrontare seriamente un percorso di psicoterapia per sanare tutta una serie di conflitti che evidentemente lo tormentano.
Nella precedente esperienza immagino che si sia rivolto ad uno psichiatra, perchè nessuno psicologo o psicoterapeuta (non medico) avrebbe potuto prescrivergli degli psicofarmaci.
Temo che lei non possa fare molto per aiutarlo, poiché deve essere lui a decidere di seguire una psicoterapia.
Se lo ritiene utile, resto a sua disposizione per ulteriori approfondimenti.
Le auguro ogni bene!

Dr.ssa Erika Conti Psicologo a Savona

82 Risposte

91 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18300

psicologi

domande 28900

domande

Risposte 98900

Risposte