Aiutare i figli in caso di separazione

Inviata da Daniela · 5 giu 2013 Psicologia sociale e legale

Vorrei conoscere, se esiste, il metodo migliore per dire a mia figlia di 9 anni che il babbo ha un'altra e vuole andarsene

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 GIU 2013

Gentile Daniela, non credo ci sia "il" metodo migliore, ci sono però sicuramente tante accortezze che un genitore può avere nelle proprie modalità comunicative. Una di queste, vista la sua frase "il babbo ha un'altra", ritengo sia lasciare i figli fuori dalle proprie dinamiche personali di coppia non coinvolgendolo nel proprio rancore verso il coniuge, per quanto lei possa essere comprensibilmente arrabbiata con suo marito, la cosa migliore che può fare per suo figlio è tutelarlo dalla sua rabbia nei confronti di suo marito. Che il babbo lascia la mamma per un'altra donna credo sia un contenuto dal quale il bambino va tenuto fuori, oltretutto, e questo lo dico a lei, se il babbo lascia la mamma, nonostante ci sia un'altra donna, significa comunque che tra voi le cose non andavano bene. Pertanto credo che questo sia quello che può dire a suo figlio, ovvero che la mamma e il papà hanno deciso di nono stare più insieme perché non vanno più tanto d'accordo ma che comunque continueranno ad essere per lui mamma e papà e che per lui ci saranno sempre allo stesso modo.

Dott. Luca Altieri Psicologo a Perugia

29 Risposte

57 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 GIU 2013

buongiorno Daniela
da ciò che ha scritto deduco che lei sta vivendo un periodo molto difficile e credo che sua figlia se ne sia già accorta. i bambini sono molto sensibili e capiscono molto, per questo si consiglia sempre di parlare e spiegare cosa sta accadendo.
nel vostro caso però lei è molto arrabbiata e delusa e la comunicazione potrebbe essere difficile e dolorosa per entrambe. le consiglio di farsi aiutare da una psicologa specializzata in età evolutiva sia per spiegare a sua figlia che cosa sta avvenendo alla sua famiglia, sia per sostenerla. inoltre anche lei potrebbe trovare un sollievo nell'avvalersi di un lavoro individuale: il tradimento procura sempre una ferita difficile da guarire.

cordiali saluti
dott.ssa Manuela Vecera

Dott.ssa Manuela Vecera Psicologo a Torino

131 Risposte

147 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 GIU 2013

cara Daniela, non sa quanto vorrei darle la ricetta giusta, la formula perfetta che vada bene per tutte le situazioni e per tutti i bambini, ma purtroppo non la conosco....
Però lei conosce sua figlia, conosce il vostro rapporto e la cosa più importante sarà starle vicino dopo, stare attenta alle sue emozioni e pensieri quando dovrete gestire la separazione. Eviterei accuratamente di esporla a litigi di coppia, cosa che può avvenire quando le ferite sono ancora aperte, come forse è nel suo caso.
In bocca al lupo per tutto

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

167 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 GIU 2013

Cara Daniela, immagino quello che prova, la rabbia e il dolore, la ferita che sente. Ma per il bene di sua figlia è importante conservare un'immagine positiva del papà. Il tradimento e il fallimento sono del rapporto di coppia. Il rapporto di coppia finisce ma sarete genitori tutta la vita, è di questo che ha bisogno vostra figlia. La comunicazione ai figli della fine del rapporto di coppia andrebbe fatta da entrambi i genitori insieme, senza dare dettagli su quello che è successo, perchè appartengono alla coppia, ma semplicemente dicendo che mamma e papà non si amano più e che non è assolutamente colpa dei figli. Cordialmente. Dott.ssa Silvia Arnaldi, Vicenza

Dott.ssa Silvia Arnaldi Psicologo a Monteviale

18 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 GIU 2013

Cara Daniela,
le comunicazioni ai figli solitamente devono essere ben pensate, veritiere e adeguate all'età...dovrebbero avvenire da parte di entrambi i genitori...ma in questo caso mi sembra che ciò non possa avvenire. Una simile comunicazione dovrebbe essere prima ben digerita dalla mamma e poi filtrata per non caricare la sua "incazzatura" sulla sfera emotiva della bimba. L'aria d'altronde non si vede, ma si respira...

Cordialmente,

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

784 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 GIU 2013

Gentile Daniela,
in questi casi non ci sono metodi standard e efficaci. Quello che posso dirle è di comunicare alla bambina che mamma e papà vivranno in case separate, tranquillizzandola riguardo al fatto che sarete ugualmente presenti per lei. Per ora ometterei di specificare la presenza dell'altra donna, che potrà dirlo in un secondo momento.
Un saluto
dott.ssa Cristina Mencacci

Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa Psicologo a Perugia

366 Risposte

191 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 GIU 2013

Cara Daniela,
nella relazione con i nosti figli, ambiguità e scarsa chiarezza sono da evitare.
La verità è per i bambini fortemente rassicurante ed è dunque di fondamentale importanza "spiegare" assieme a suo marito che "mamma e papà non vivranno sotto lo stesso tetto, ma nulla cambierà".
Contatto e vicinanza saranno validi alleati; non bisogna rimandare un clima di astio e conflittualità coniugale.
Cordialmente,
Dott.ssa Raffaella Orlando

Dott.ssa Raffaella Orlando Psicologo a Napoli

201 Risposte

105 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 GIU 2013

Cara Daniela,
nelle situazioni di separazione, purtroppo, non ci sono strade "facili" da percorrere. I figli dovranno comunque gestire la sofferenza che ne deriva. Il sostegno più importante è di far sentire ai figli che non sono soli in questo percorso e che la conclusione del matrimonio non coincide assolutamente con la fine dell'amore e delle cure rivolte a loro. Infine per venire al Suo quesito (premetto che non amo i consigli poichè sono dell'avviso che solo la coppia è consapevole del tipo di rapporto e di dialogo che è stato istaurato ed in base a questo ci si dovrebbe realzionare), ad ogni modo se prorpio devo sbilanciarmi propendo sempre per un'"autenticità empatica", cioè, se possibile affrontare la tematica insieme, coniugi e figli, con molta onestà adottando un linguaggio alla portata della maturità della figlia e con molte rassicurazioni sul dopo.
Cordialmente
Dott.ssa Mariella Genovese psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Mariella Genovese Psicologo a Reggio Calabria

44 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19300

psicologi

domande 31150

domande

Risposte 106900

Risposte