Agitazione fuori casa

Inviata da Francy · 13 lug 2020

Nell'ultimo anno ogni volta che devo uscire di casa anche con gli amici soffro di attacchi di agitazione. Ho paura di stare male una volta fuori casa. Credo sia dovuto dal fatto che in passato mi è capitato di stare male fisicamente durante alcuni viaggi. Purtroppo è diventata una situazione insostenibile perché ogni volta che devo uscire anche per una semplice cena fuori inizio ad avere crampi allo stomaco.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 LUG 2020

Buongiorno Francy,
descrive un disagio significativo che comporta delle forti limitazioni alla sua vita sociale e alla sua qualità di vita. A far da padrone sembra essere la situazione ansiosa, dove l'anticipazione di stare male la porta a cercare una risoluzione dell'ansia nell'evitamento delle uscite. Tale circuito, tuttavia, può diventare una trappola, in quanto, se da un lato l'evitamento della situazione ansiogena genera una immediata riduzione dell'ansia, dall'altra comporta un aumento progressivo della paura e dell'ansia all'idea di uscire.
Descrive la situazione come insostenibile, sottolineando la pesantezza di questa situazione. Le suggerisco pertanto di non esitare a richiedere consulenza di tipo psicologico. Esplorare i possibili significati alla base di questa agitazione è importante per poter trasformare questi vissuti e contenerli.
Se ritiene che l'attuale stato di ansia sia insostenibile, può valutare eventualmente di affiancare l'intervento psicologico a un supporto di tipo farmacologico (da valutare previa visita specialistica). Per la fase iniziale potrebbe essere utile integrare con tecniche di riduzione dell'ansia (come per esempio la mindfulness) e strategie di tipo cognitivo-comportamentale, in modo da dare un iniziale contenimento ai sintomi.
Rimango a disposizione. Un cordiale saluto
dr. Luca Flesia

Dott. Luca Flesia Psicologo a Belluno

53 Risposte

173 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 LUG 2020

Gentile Francy,
In alcune fasi di vita è opportuno mettere ordine nelle proprie emozioni, in tal modo il mondo interno ne ottiene beneficio.
In passato lei è stata male fisicamente, ora ogni volta che deve uscire vive lo stimolo di minaccia, occorre superare tale schema emotivo ricorrente. Il timore e la paura dell’evento uscita le crea ansia intensa e ripropone un circolo ripetitivo da cui è difficile venirne fuori.
E’ necessario un lavoro su di se per uscire da questa situazione di empasse, per diventare consapevole dei meccanismi che utilizza ed imparare a gestire l’ansia,
Cari saluti
Dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2762 Risposte

2296 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 LUG 2020

Buongiorno Francy,
mi sembra descriva attacchi di agitazione e paura di uscire per timore di stare male, dalla breve descrizione colgo un ansia con manifestazioni fisiche. L’ansia è un disagio interiore che non preso in considerazione può dare nel tempo un coinvolgimento del corpo ed attivare circuiti che si ripropongono. Proverei a pensare a un aiuto psicoterapeutico per conoscere l’origine e significato dei sui vissuti e affrontarli.
Rimango a disposizione
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

504 Risposte

174 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 LUG 2020

Salve. Sembra da quel che racconta che si sia instaurato un ciclo vizioso di ansia legato a delle esperienze negative pregresse di malessere. Queste hanno fatto da esperienza negativa per innescare un ansia che si autoalimenta, portando a meccanismi di evitamento che vengono messi in atto con lo scopo di evitare ulteriore disagio ma che in realtà lo alimento, facendo si che nel tempo cresca la paura e venga allo stesso tempo limitata la vita quotidiana. Un percorso terapeutico potrebbe sicuramente aiutarla ad uscire a piccoli passi da questo circolo e nello stesso tempo a non alimentarlo facendolo diventare piu forte. Rimango disponibile per ulteriori informazioni e feedback e le auguro una buona giornata. Dott.ssa Laura Paniccià

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

109 Risposte

44 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 LUG 2020

Buongiorno, dato il grado di limitazione delle possibilità esistenziali causate dal problema consiglierei un consulto psicoterapeutico. Questo Le permetterà di comprendere i motivi degli attacchi d'ansia e i significati sottesi, per impostare un percorso volto a risolverli. Benché certamente si instaurino circoli viziosi alla luce di episodi pregressi di malessere fisico, analizzare modi e tempi di queste difficoltà permettono di dare un senso che, come è naturale che sia, adesso probabilmente Le sfugge. In bocca al lupo, DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

998 Risposte

1022 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18300

psicologi

domande 28900

domande

Risposte 98900

Risposte