Accettare di essere stata lasciata perché sono madre

Inviata da Cristina · 23 set 2014 Terapia di coppia

Sono una donna di 29 anni, ho un figlio di otto e ho interrotto la relazione con il padre circa un anno e mezzo fa, a seguito di un sentimento ormai spento da tempo, soprattutto da parte mia. Dopo qualche mese ho iniziato una nuova storia, bellissima in ogni aspetto, c'era amore, profondo rispetto e comprensione. Mio figlio inizialmente non accettava questa nuova figura ma poi ha sciolto le sue tensioni e si è affezionato molto. Il mio compagno invece, pur adorando mio figlio ha sempre vissuto con il malessere di nn essere il genitore naturale e da un paio di mesi ha interrotto la relazione dicendomi che nn può superare questo blocco, che il suo psicologo gli ha confermato che se in un anno nn è riuscito a superare questo ostacolo è altamente improbabile che ci riesca ora. Eppure sono certa del suo sentimento, mi ha detto di essere sicuro che fossi la persona giusta, mi ha presentato alla famiglia, che a loro volta mi hanno accettato e amato. Cosa non riesco a capire? Come posso accettare questo rifiuto nel mio cuore così incomprensibile, sapendo di aver interrotto un rapporto così pieno e appagante?
Grazie
Christina

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 SET 2014

"il malessere di nn essere il genitore naturale"...
Dietro alla Sua genitorialità ci sono i fantasmi di rapporti sessuali pre-esistenti (origine dell'esistenza del bambino), di un amore pre-esistente (il padre del bambino), di una vita pre-esistente nella quale lui non c'era.

E' frequentissima la difficoltà nell'accettare tutto ciò. Va capito.
Se nemmeno il suo psicologo ha potuto aiutarlo a farci i conti, è così purtroppo.

Dr.Brunialti, psicoterapeuta, sessuologa, psicologa europea Psicologo a Rovereto

215 Risposte

736 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2014

Carissima,
non riesco concepire ed accettare la motivazione per la quale questo tuo 'lui' non ce la fa a continuare la storia con te. Non regge, perché potreste comunque mettere al mondo insieme un'altra creatura. Ritengo più che probabile che sia un banale alibi e che con il suo psicologo siano state affrontate altre problematiche. Se ti dice che lo psicologo ha fatto una prognosi così negativa, significa che in lui per primo è cambiato qualcosa nei tuoi confronti per qualche motivo che non posso nemmeno immaginare, dato che non si tratta di persona che conosco profondamente. Ti suggerisco di farti sostenere da qualche Mio/a Collega delle tue parti, per non scivolare in uno stress che potrebbe danneggiare lo sviluppo psicologico di tuo figlio. A tua disposizione, se lo riterrai opportuno.
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

653 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25600

domande

Risposte 90200

Risposte