Abbandono che genera problemi fisici e psicologici

Inviata da Anna. 2 ott 2012 11 Risposte  · Terapia di coppia

Buonasera, ho 32 anni e cercando in internet ho visto il vostro sito che spero dia consigli utili da parte di esperti. Sono stata lasciata dopo 1 anno e mezzo di storia d'amore intensa. Alti e bassi dovuti al suo carattere un pò rude e ai miei problemi di disturbi alimentari, ansia, uveiti etc. Purtroppo ora vivo malissimo questo abbandono con sfoghi soprattutto fisici (dolori, insonnia, nausee, ansie, coliti) che mi stanno distruggendo. Faccio joga, mi distraggo con il lavoro e i familiari, ma purtroppo avendo pochi amici/che single non esco molto. Con lui è finita, non mi vuole più ed io cerco di non chiamarlo ed evitarlo, ma come posso vincere questo dolore grande che si manifesta con infiammazioni oculari e intestinali? Come posso sfogare la rabbia interiore? Grazie dr.ssa A.

lavoro , amici , rabbia

Miglior risposta

Gentile Anna, credo che questo momento difficile della sua vita possa essere l'occasione per occuparsi di se stessa affrontando così i "problemi" a cui accenna e che probabilmente celano un disagio più profondo che merita di essere accolto e compreso. Rivolgendosi ad un professionista, potrà "vincere questo dolore grande" "sfogare la rabbia interiore" ma anche riscoprire le sue risorse e potenzialità. Un saluto. Dott.ssa Annalisa De Filippo - Psicologa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Per un problema di tipiche somatizzazioni, consiglio di affiancare il percorso psicoterapico a tecniche di gestione dello stress e dell'ansia, visualizzazioni psicocorporee, tecniche yoga in psicologia, ipnosi clinica e tecniche di auto ipnosi e di training autogeno. Naturalmente i benefici arrivano, ogni paziente ha comunque un percorso terapeutico a se', con modalità' e tempi diversi. Dr.ssa Federici

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

8 LUG 2013

Logo Studio Di Psicologia, Psicoterapia Studio Di Psicologia, Psicoterapia

7 Risposte

3 voti positivi

Gentili dottori, vi ringrazio per la cortese risposta. Lo yoga aiuta molto, ho già seguito due psicoterapeute per 5 anni spendendo soldi e la conclusione del percorso è stato : "devi farcela con le tue forze!! Se non ti aiuti tu non ti aiuta nessuno". Sinceramente come voi avete studiato sui libri per apprendere anche io credo che le letture e il confronto con altre persone con problemi simili siano una soluzione. Grazie del sostegno

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

9 OTT 2012

Anonimo

Salve Anna, il modo migliore per non somatizzare il proprio malessere, è affrontarlo e parlarne. Spesso noi riversiamo sul corpo tutta una serie di dolori che non riescono a emergere attraverso altri canali, cerchi uno psicoterapauta che abiti a lei vicino, potrebbe aiuarla a uscire da questo malessere in cui è orami bloccata da tempo. Cotesi daluti, D.ssa Paola Liscia

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

9 OTT 2012

Logo Studio di Psicologia e Psicoterapia della D.ssa Paola Liscia Studio di Psicologia e Psicoterapia della D.ssa Paola Liscia

20 Risposte

13 voti positivi

Gent.le Anna,
dalle sue parole " sfogare in altro modo" la sua sofferenza, mi sembra di capire che mette in relazione i suoi disturbi fisici (manifestazioni) con il dolore interiore che sta vivendo per la chiusura della relazione. mi sembra però anche che tali disagi fisici (ed emotivi) ci fossero anche prima o durante la relazione ("alti e bassi dovuti al suo carattere e ai miei problemi di disturbi alimentari...").
Allora , oltre a canalizzare questa sofferenza attraverso attività (yoga ecc, che va benissimo), direi che è il momento di prendersi cura anche della sua parte interiore in modo mirato, con un percorso di psicoterapia, che la aiuti a comprendere da dove arriva questo disagio, di cosa è fatta questa sofferenza, emotiva e fisica, per poterle conoscere, capire, rileggere e trovare altri modi, altre parti di sè da mettere in gioco e riprendere in mano con più serenità i suoi giorni e i rapporti con gli altri.
un grosso augurio

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2012

Logo Dott.ssa Elisa Fagotto Dott.ssa Elisa Fagotto

334 Risposte

180 voti positivi

Buongiorno gentile Anna,
la sua rabbia ha già trovato il canale di sfogo attraverso la somatizzazione. Ma lei già è predisposta a questo come ci spiega poco sopra. Nel suo caso è necessario un percorso di psicoterapia de visu dove con calma e pazienza possa giungere a comprendere il suo focus relazionale e come questo infliusca nel rapporto con se stessa e verificare quanto possa essere più o meno disfunzionale anche al suo equilibrio psicofisico.
Ottimo lo joga ma probabilmente non risolutivo per lei in questo momento della sua vita.
Resto a disposizione per ulteriori delucidazioni, non esiti a contattarmi cliccando sul form di contatto che vede qui sotto.
Cordialmente
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2012

Logo Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta

1715 Risposte

2778 voti positivi

Cara Angela, l'abbandono è sempre molto doloroso, ed affrontare il dolore in maniera sana può essere occasione di crescita. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo che può accompagnarla in un percorso di elaborazione di ciò che sta vivendo. Sarà un momento per capire anche il collegamento che potrebbe esserci tra i suoi disturbi alimentari ed ansia ed il suo vissuto attuale.
Saluti,
D.ssa Angela Bianco da Bologna.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2012

Logo Dott.ssa Angela Bianco Dott.ssa Angela Bianco

17 Risposte

7 voti positivi

Gentile dottoressa Anna,
non si tratta di sfogare "diversamente" la sua rabbia interiore: si tratta invece di capirne le cause, le dinamiche interne, misurarla con opportuni test nella sua intensità, durata e frequenza, infine ridurla nei limiti della cosidetta normalità. Comunque è da valutare (prima di intervenire in modalità mirata e risolutiva) come mai dopo essere stata lasciata esita una serie di sintomi spiacevoli che la fanno stare male. Lo psicoterapeuta cui accederà dovrà occuparsi pure di capire le sue caratteristiche personologiche che l'anno fatta reagire in tale modo e probabilmente per situazioni simili reagirà ancora in futuro cosi maladattivamente. Quindi modificare quanto di maladattivo è stato individuato
dr Paolo Zucconi, psicoterapeuta e sessuologo comportamentale a Udine

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2012

Logo Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia)

1087 Risposte

1546 voti positivi

Gentile Anna,
il suo dolore è tanto forte da coinvolgere, oltre la sfera affettiva ed emotiva, anche il corpo, con sintomi fisici che la disturbano in diversi momenti della giornata; da quanto scrive ci sono però problematiche di sofferenza psicologica precedenti, che sicuramente vengono peggiorati dalla situazione difficile attuale dopo questo abbandono. Potrebbe essere proprio questa l'occasione per affrontare queste difficoltà e questi motivi di disagio per trovare un nuovo e più funzionale equilibrio personale. Le suggerisco quindi di rivolgersi ad un professionista della sua zona per iniziare un percorso di conoscenza di sé in un ambiente capace di sostenerla e supportarla. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

4 OTT 2012

Logo Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani

992 Risposte

452 voti positivi

Salve Anna, quando finisce una storia in cui si è creduto e investito è difficile affrontare il dolore, ma possibile. La sua rabbia forse non parla solo di questa separazione. Tutti possiamo aver bisogno, in momenti particolarmente faticosi, di prenderci cura di noi, della nostra sofferenza, con l'aiuto di uno specialista.
In bocca al lupo.
Marianna Bonanni

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

3 OTT 2012

Logo Anonimo-121116 Anonimo-121116

7 Risposte

10 voti positivi

Gentile Anna,

un percorso di consapevolezza e metabolizzazione del dolore le sarebbe certamente utile. Il dolore merita il suo tempo. Il corpo e la mente sono legati e spesso i disagi di natura psicologica vengono sfogati attraverso i sintomi fisici. In clinica questo processo viene chiamato "somatizzazione". Fa bene a praticare discipline come lo yoga che facilitano il rilassamento (anche il training autogeno è una pratica molto utile per i disagi legati all'ansia). se ha la possibilità si faccia sostenere anche in un percorso come quello citato che le dia anche del supporto per superare al meglio il momento che sta vivendo.
Cordiali saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

3 OTT 2012

Logo Dott.ssa Roberta De Bellis Dott.ssa Roberta De Bellis

231 Risposte

129 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Come uscire da una violenza fisica e psicologica?

16 Risposte, Ultima risposta il 10 Luglio 2017

Ho qualche problema o lui mi sta facendo violenza psicologica?

5 Risposte, Ultima risposta il 10 Luglio 2017

Correlazione tra dolori fisici e problemi psichici?

5 Risposte, Ultima risposta il 08 Aprile 2016

Non riesco a districarmi fra i miei problemi emotivi e psicologici

1 Risposta, Ultima risposta il 08 Agosto 2019

Come posso affrontare questo problema psicologico?

1 Risposta, Ultima risposta il 08 Maggio 2019

Come aiutare la mia ragazza a superare la Sindrome di Abbandono?

1 Risposta, Ultima risposta il 21 Giugno 2018

Depressione, giubilio, abbandono.

1 Risposta, Ultima risposta il 24 Dicembre 2018

Sintomi fisici prima di dormire?

1 Risposta, Ultima risposta il 09 Agosto 2017