A 36 anni come riprendere in mano la propria carriera?

Inviata da milla il 16 set 2014 Crisi esistenziale

Buongiorno,
sono una donna di 36 anni, colta, sensibile, e misantropa. nata con numerosi talenti, ma non in grado di perseguire nessuna strada con determinazione, manchevole come sono di ambizione vera, insofferente all'autorità e appunto, alle persone, schiva dei palcoscenici e, fondamentalmente, con un'etica e una morale d'altri tempi.
alle spalle ho un rapporto familiare disfunzionale, un'adozione, la mia, andata molto male, e della quale non posso più parlare con i miei genitori, morti entrambi.
ma per la quale ho abusato di droghe da adolescente, cercando in quelle non la compagnia, ma il divertimento con me stessa, l'alleviare il dolore, e infine la mia stessa morte. nel periodo più prolifico della vita di una persona per la strutturazione di una carriera, ho sviluppato un attaccamento insano verso il mio compagno di allora. persa la mia famiglia, preferii non seguire la mia realizzazione personale, ma cercai di mantenere viva la mia relazione. non volevo essere sola al mondo e l'affermazione sociale, lavorativa, non era per me prioritaria. ma non era quella la scelta che avrei dovuto fare, se sono qui ora, probabilmente. perché adesso, un nuovo compagno che amo moltissimo e a cui non rinuncerei comunque mai, senza lavoro ma con una piccolissima rendita personale e qualche risparmio, la mia vita mi sembra inutile. mi sento una fallita. circondata da intellettuali che nulla avevano più di me quando siamo per così dire "partiti" verso questo percorso di sviluppo umano, e che adesso sono "arrivati", o raggiungono, belle soddisfazioni lavorative, mi sento una m***a, una persona con cui non v'è motivo di (con)vivere. non io mi sto realizzando professionalmente. ed io spiccavo molto più degli altri. ho ritenuto, ad un certo punto, importante per me risolvere i miei problemi, una lunga depressione per la quale cominciai il percorso di assistenza psicologica, incontri che che durano tutt'ora, e lentamente piano piano di nuovo il respiro. nel frattempo però gli anni sono passati, non ho lavorato se non a progetti artistici, e non so più come fare a dare fiducia a me stessa, a disincagliarmi da questa pigrizia, da questa vecchiaia. non voglio la luna, vorrei tornare ad essere produttiva (un lavoro qualunque, d'altronde volevo essere "normale" più d'ogni altra cosa) e creativa (intellettualmente, tornare a scrivere a dipingere e fotografare, magari pubblicare). ma non so più farlo. non so concedermelo. è come se mi fossi punita, ed insieme avessi punito tutta la vanità di questo mondo di personalità egotiche, che hanno sempre bisogno di esprimersi, qualunque cosa sia. cosi, io, ho smesso di farlo. convinta che nessuno, né tantomeno la sottoscritta, abbia da dire cose davvero interessanti o sia un genio di cui vale la pena leggere.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Ringrazio per le risposte, molto gentili. Ma nessuna delle due è una risposta alle mie domande. Chiedo per cui che qualcun altro provi a darmi una risposta attinente a quello che ho scritto.
Grazie

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima Milla,
ciò che mi ha colpito della tua bella lettera è quello che scrivi alla fine, la punizione che ti stai affliggendo. Questa punizione ti blocca, ti fa sentire vecchia pur avendo solo 36 anni, cancella il tuo valore e ti impedisce di occuparti di ciò che ti contraddistingue e ti rende una persona unica.
Sicuramente il tuo passato costituisce un fardello pesante da portarsi addosso, ma è necessario che tu prosegua il percorso di sostegno psicologico che hai intrapreso, per arrivare a dare un significato e ad elaborare i tuoi lutti.
In bocca al lupo!
Dott.ssa Cristina Pavia
Bologna

Dott.ssa Cristina Pavia Psicologo a Bologna

22 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Rispondo alla tua domanda: lo hai già fatto iniziando a scrivere qui, racconta la tua storia, i tuoi vissuti, e correda questo "libro della tua vita" delle illustrazioni che sai fare.
Ti aiuterà a rivedere te stessa sotto un'altra luce. Il libro della vita di ciascuno di noi è interessante, ognuno di noi ha vissuti e lenti diverse con cui guarda il mondo.
Dai vita a questa nuova te, scrivendo potrai chiudere il capitolo "passato" e ideare il prossimo "futuro", grazie al momento attuale che ti fa essere così presente a te stessa.
Ciao!

Claudia Popolillo - Studio Logos Psicologo a Lodi

213 Risposte

205 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77200

Risposte