25 anni e paura di crescere

Inviata da Giada · 28 giu 2020 Autorealizzazione e orientamento personale

Salve, ho quasi 26 anni e mi sento insoddisfatta. Sono iscritta all'università e sono fuori corso da due anni. Al liceo sono sempre andata bene, ed il "declino" è iniziato all'università. Il primo anno diedi solo un esame e mi cadde il mondo addosso perchè, avendo cambiato città per studiare, non riuscivo a reagire: sono figlia unica di genitori iperprotettivi, e probabilmente da sempre ho associato il mio valore come persona all'andamento scolastico. Questi anni di università si sono svolti tra alti e bassi, ma ora sento di essere arrivata al "capolinea". Non ho intenzione di mollare, ma allo stesso tempo tutte le abitudini disfunzionali che ho acquisito negli anni mi hanno portata a pensare che non potrò migliorare e che non potrò mai affrontare le responsabilità della vita adulta. Mi sento cresciuta a livello d'età, ma mi sento in trappola ed impaurita, come una bambina; come una farfalla che non riesce a spiccare il volo. Ho cercato tanto di riflettere, e credo che la mia sia tutta paura di crescere. E' come se rimandassi anche le piccole responsabilità (esami e studio) per non far fronte ai problemi. Sento di non avere più la stima che avevo prima di me stessa. Come si può cambiare?
Se si cresce iperprotetti, si può ad un certo punto liberarsi delle catene e spiccare il volo? Spero in un vostro utile consiglio, grazie in anticipo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 GIU 2020

Cara Giada, c'è un mondo da costruire e una traiettoria di vita da scegliere in modo responsabile, personale, autentico. Le esperienze passate non ci determinano completamente: ha modo di certo di farlo, a patto che investa in un percorso su di sè. Adesso Lei è "persa": non sa bene chi sia, se non per difetto, e il futuro è poco chiaro e, per quanto ne sa, spaventoso. E' bloccata in un presente che significa alla luce di un passato con tematiche di "disfunzionalità" e "iperprotettività", ma questi stessi significati concorrono a bloccare possibilità d'azione viabili. Lo scopo della terapia è proprio aprirne, alla luce di Chi Lei è. Contatti uno psicoterapeuta, si può cambiare, ed è l'obiettivo ultimo del percorso psicologico. A disposizione, DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

1000 Risposte

1019 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27750

domande

Risposte 95700

Risposte