Problemi universitari e famigliari

LaraBassiLaraBassi
in Orientamento scolastico

Buongiorno

Ho 20 anni e a settembre ho iniziato il mio secondo anno di ingegneria. Da quando ho iniziato l'università, niente è andato come avrei sperato andasse. Mi spiego.

Nel 2018 mi sono diplomata al liceo classico con dei buonissimi voti e non ho mai avuto dubbi sulla scelta universitaria in quanto dal terzo anno di liceo ho capito che mi interessavano molto di più materie come la matematica e la fisica piuttosto che latino o storia. Sapevo che non sarebbe stato per nulla facile frequentare una facoltà scientifica, visto che non ho buonissime basi di matematica ma ho sempre pensato che se ad una cosa ci tieni e ti piace basta impegnarsi per riuscire ad avere successo. I primi mesi del primo anno mi sembrava di essere quasi rinata, in quanto mi rendevo conto che a differenza degli anni passati, avevo molto più tempo per me stessa e per le mie amiche dal momento che non ero più costretta a studiare tutti i giorni per 9 ore. Mi sono trovata molto bene in ambito universitario, ho trovato molti amici ed ero entusiasta di andare alle lezioni. Finito però il primo semestre non ero riuscita a passare nessuna delle tre materie di cui avevo seguito le lezioni e cominciai ad andare in crisi. Cercai di tirarmi su di morale, dicendomi che erano materie per cui forse mi sarebbe servito più tempo per studiarle e per prepararle e cominciai allora a frequentare il secondo semestre. Andò sempre peggio. Tornavo a casa dalle lezioni disperata perché mi rendevo conto di fare una fatica atroce e di riuscire a capire davvero poco. facevo fatica a studiare con i miei compagni di corso perché non riuscivo a stargli dietro e mi vergognavo a chiedere di rispiegarmi le cose più e più volte. Ho cominciato a chiudermi in me stessa e a passare le giornate a disperarmi senza arrivare ad alcuna conclusione. In più i miei genitori vedendomi così hanno cominciato a criticarmi, dicendomi che non ero in grado di affrontare materie del genere, che non potevo farcela. A fine del primo anno non avevo superato ancora nulla e mi ha mandato davvero in crisi perché ho cominciato a pensare di essere un incapace e una fallita. Purtroppo o per fortuna, le materie di ingegneria mi affascinano molto e ho deciso di iscrivermi comunque al secondo anno nonostante i miei volessero che cambiassi facoltà. Arrivati ad oggi ho dato un solo esame e so per certo di non essere passata e arrivata a questo punto non so davvero cosa fare. Continuano le discussione con i miei genitori ed io ogni giorno che passa sono sempre più distrutta dall'idea che sono davvero una fallita e sono in crisi in quanto non ho idea di che facoltà potrei andare a fare in cui potrei anche riuscire o se a questo punto, i 5 anni di liceo in cui andavo molto bene erano solo un'illusione e dovrei solo abbandonare tutto e trovarmi un lavoro

Commenti

  • Maria7810Maria7810

    Ciao Lara,

    Non buttarti già giù. Forse, avendo fatto il liceo classico, non hai avuto una buona base per materie scientifiche ed è per questo che adesso hai delle difficoltà.

    Perché non provi a farti aiutare da un professore privato? Che ti dia le basi ed il metodo di studio adatto perché, a volte, si tratta solo di imparare a saper studiare.

    Facci sapere come andrà.

    In bocca al lupo!

Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie