Non mi sento più presa sul serio dagli altri

Chiara305Chiara305
modificato January 2019 in Obiettivi personali
Salve, scrivo perché ormai, alla soglia dei 30 anni: non ho un lavoro , non ho finito l’università, in generale non ho uno scopo. Il problema è che adesso, se provo a fare qualcosa (vorrei fare un corso di formazione, provare a cercarmi un lavoro diverso da quello che facilmente potrei - negozio dei miei genitori - avere ma che non mi piace), sento un senso di inadeguatezza e mi vedo già come una povera “scema” se solo penso di voler fare qualcosa che mi piace. In passato ho fatto molti corsi ed anche esperienze universitarie fallimentari nei campi più diversi, quindi credo che questo sia il motivo per cui la gente pensa che io sia una ‘credulona’ che abbocca all’idea di poter trovare la propria identità in cose che esulano da quelle impostemi (dai miei genitori soprattutto). La gente vuole che mi sistemi, che lavori (qualsiasi lavoro, per loro). Io ho deciso pochi giorni fa di riprendere l’università lasciando momentaneamente il lavoro nel negozio dei miei. Accanto allo studio vorrei provare nel frattempo a cercare un altro lavoro, come già ho fatto in passato senza successo. Vorrei provare un (ennesimo) corso di formazione. Non so se questi desideri sono però dettati solo dalla mia “volontà” di rimandare le mie responsabilità o da una reale volontà di cercare ciò che realmente può farmi star bene...

Commenti

  • rererere
    Ciao Chiara
    Intanto mi complimento con te per la scelta di riprendere l'università. Anche a me piacerebbe.
    Anche quella di staccarsi dalla tua condizione familiare è un buon passo per la tua crescita.
    Mi pare di capire però che tu non sia ancora pienamente convinta della tua scelta anche perché gli altri si muovono in un'altra direzione.
    Il mio consiglio per non mollare tutto è quello di iniziate qualche colloquio con uno psicologo. Già le università hanno un servizio gratuito oppure puoi rivolgerti alla tua Asl con ricetta per una visita psichiatrica del tuo medico di base (Non ti spaventare è solo la prassi buricratica) e paghi solo il ticket. Oppure puoi trovare uno psicologo privatamente, ricorda però che il tariffario minimo è 40-45 euro.

    Comunque hai fatto una scelta coraggiosa e ti faccio i complimenti. Non mollare!
  • Chiara305Chiara305
    Ciao Reby,
    grazie per la risposta... sono già da uno psicologo da diversi anni ormai.... grazie per i consigli e per l'incoraggiamento... credo però che anche il mio intestardirmi con l'università, sia più un voler fuggire dalle mie responsabilità, ovvero il lavoro che ho già bell'e pronto, e che mi intestardisco a non voler fare, cercando altre strade...
  • rererere
    La vita è tua e la decidi tu...
    Nessuno ti obbliga davvero a fare quel lavoro.
    Se poi credi che quel lavoro pronto faccia per te puoi sempre farlo e fare l uni da non frequentate.
    Anche se una cosa non vogliamo farla un motivo ci sara no? Può essere semplice paura ma se solo lite è ci infastidisce...c'è sicuramente altro.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie