Non credo che ne uscirò mai...

Maurizio_967Maurizio_967

Avevo sempre immaginato e temuto quel momento, sapevo che prima o poi sarebbe arrivato. Ma immaginavo che avvenisse più tardi. Una telefonata dall'ospedale invece mi ha gelato il sangue nelle vene e nulla sarà più come prima.

Ho sempre avuto un amore morboso nei confronti di mia mamma e lei con me. Leggo in certi siti che la prima parte dell'elaborazione del lutto può durare fino a 18 mesi. Se penso di vivere così il prossimo anno e mezzo, impazzisco. Del resto cosa vuoi che ti dica una psicologa/psicoterapeuta: che tua mamma aveva dei difetti. E chi non ha dei difetti? A volte una persona piace proprio così, la accetti in toto. Se volete che sia sincero fino in fondo, temo che la raggiungerò prima del previsto. Questo è un timore, non un incitamento a farvi del male, perché siamo tutti diversi. Io, nonostante l'aspetto sono debole, e sento troppo la sua mancanza.

Scusate per il mio sfogo e un caro saluto a tutti.

Commenti

  • Morena341Morena341

    L'elaborazione di un lutto e la sua superazione è vero che può durare molto tempo, dipende dal tipo di persona e dal rapporto che si aveva con questa persona.

    So che è difficile, ma si esce, bisogna avere tanta forza.

    Perché non ne parli con qualcuno a te vicino?

  • Maurizio_967Maurizio_967

    Ciao,


    Intanto ti ringrazio. Sai qual è il problema? Finché le cose vanno bene siamo tutti amici, quando la nave affonda, i topi scappano miseramente. L'affetto era abnorme, per questo temo che sarà difficile/impossibile uscirne fuori.


    Grazie,

    Maurizio.

  • Morena341Morena341

    Lo so che è difficile, quasi impossibile, ma QUASI. Dipende molto da te secondo me, da come affronti questo tipo di dolore. Pensa a ciò che avrebbe voluto lei, non penso che vorrebbe vederti così no?

    Forza!💪

  • Maurizio_967Maurizio_967

    Grazie Morena, hai ragione di sicuro. Adesso si tratta di rendere razionale ciò che è impulsivo di natura: un sentimento d'amore. Già ci sono persone che finiscono in terapia per una storia d'amore che finisce, immagina la consapevolezza che non vedrai mai più tua madre...

  • MiettaMiaMiettaMia

    Ciao Maurizio, come va adesso?

  • Maurizio_967Maurizio_967

    Ciao Mietta,


    Scusa se ti rispondo adesso ma ho avuto una giornata abbastanza movimentata.

    Sai quando si dice oltre al danno la beffa? A mio padre che era in cura per una polmonite bilaterale. Oggi sono due settimane che non c'è più, gli hanno diagnosticato un tumore ai polmoni e in quindici giorni mi ha lasciato.. E' inutile che ti dica come sto, troppo facile immaginare di perdere entrambi i genitori in 80 giorni, ma gli ultimi 15 giorni vissuti all'Hospice, l'anticamera della morte, sono stati straordinari. In quella stanza, l'amore si percepiva nell'aria, ho dato tutto me stesso e altrettanto ha fatto lui verso suo figlio. Oggi sono due settimane senza il mio eroe, dal fisico esile ma dal cuore e dalla mente d'acciaio che mi consolava e mi diceva di stare sereno accarezzandomi la mano...

    Per questo e per altro sono orgoglioso di essere stato suo figlio, e gliel'ho detto. Lui mi ha sorriso, che uomo...

    Spero che esista una vita ultraterrena e mi piace l'dea del ricongiungimento con mia madre.

    Ma quanto dolore e sofferenza...


    Grazie per avermi scritto.

    Maurizio

  • MiettaMiaMiettaMia

    La mia mamma mia ha lasciato oggi ...ditemi come si può sopravvivere con questo dolore , sino a stamattina ho sperato nel miracolo...stava un po' meglio, poi un altro arresto cardiaco, quello fatale .

    Ho vissuto per lei, non era solo mia mamma ma anche una figlia...Come si può andare avanti senza la mia mamma? Non mi sono voluta creare una mia famiglia per badare ai miei genitori. Ora mi sembra di non avere più nulla per cui vivere. Il dolore è troppo forte.

  • Maurizio_967Maurizio_967

    Mietta,


    Ti prego di accettare le più sentite e sincere condoglianze per la perdita della tua amata mamma.

    Io non ho ricette magiche, ho perso mia mamma per la quale avevo rinunciato al mio avvenire, e lo rifarei per altr cento volte.

    E' un dolore lancinante, come se ti strappassero il cuore con degli artigli.

    Ma qualcuno mi ha fatto riflettere su un punto: tua mamma sarebbe contenta di vederti in questo stato? Penso proprio di no... Le nostre mamme e i nostri padri che ho perduto in soli 80 giorni l'una dall'altro, resteranno per noi un punto di riferimento indelebile. Il nostro compito penso che sia quello di non dargli altro dolore, ma quello di vederci affrontare una nuova vita. Quella attuale gliel'abbiamo donata con un amore immenso, che purtroppo non si può quantificare.

    Pian piano il nostro ricordo nei loro confronti cambierà. Dal pianto e la disperazione diventerà orgoglio, certi momenti che pra ci fanno disperare, li vivremo con un sorriso, ma tutto ciò purtroppo richiede dei tempi variabili da individuo ad individuo.

    Il mio dolore è stato attenuato solo per la consapevolezza di aver fatto tutto quanto potessi fare e anche di più facendo causa all'ospedale, al chirutgo, perché i medici spesso sono diversi dagli eroi che qualcuno ci lascia credere, come in tutti i campi. Ma qui c'è di mezzo la vita delle persone...


    Se ti viene da piangere, da rompere dei piatti, fallo pure. E' normale, umano e serve per mitigare la tua rabbia.

    Ti auguro il meglio,


    Maurizio

  • MiettaMiaMiettaMia

    Maurizio anche io ho rinunciato al mio avvenire per i miei , perché li amo più di quanto abbia amato tutti gli altri, persino più di me stessa .

    Posso lasciarti il mio indirizzo email?

    Per favore scrivimi come hai fatto a sopportare questo dolore perché io non so come andare avanti. Per favore, dammi consigli perché ho paura di non riuscire più a vivere dal dolore

    Il mio indirizzo email :

    mietta10mia@gmail.com

  • Andrea_C_3Andrea_C_3

    Cari miei.

    Grazie per le vostre testimonianze.

    In un periodo duro dove l'umanità ha subito un duro colpo, in cui in molti non sono potuti essere vicini ai loro cari malati in isolamento, in cui non potevano neanche svolgersi funerali e messe... Auguro a voi che ai vostri cari sia lieve la terra. Stringetevi attorno ai vostri familiari. Che il ricordo possa essere di vitale speranza per tutti. C'è n'è bisogno.

  • Maurizio_967Maurizio_967
    modificato 4 August

    Caro Andrea,


    Grazie per la tua testimonianza opportuna e significativa.


    Maurizio

  • MiettaMiaMiettaMia

    Grazie Andrea ...io non ho potuto neanche accarezzare la mia mamma perché all'ospedale ci sono ancora le restrizioni Covid..

    Un dolore atroce.

Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie