Non capisco il suo pensiero perché dopo tutto ha deciso di chiudere con me per tornare da lei

NaomiDionigiNaomiDionigi
modificato November 2020 in Dipendenza affettiva

Buongiorno,

ho una relazione extraconiugale da due anni con un uomo fidanzato da 16 e sposato da uno.

In questi due anni il nostro legame si è rafforzato sempre di più al punto che negli ultimi sei mesi ha avuto tre crisi con la moglie: nella prima e nella seconda è andata via di casa lei per una settimana, quando è tornata di sua spontanea volontà lui si è convinto di "riprovarci" ma alla fine è tornato al punto di partenza. L'ultima volta è andato via di casa, è stato dai suoi genitori per un mese alla fine del quale ha preso la decisione di chiudere con me e di tornare da lei, stavolta ha scelto lui stesso.

Quello che non capisco, che non me ne fa fare una ragione, sono le sue motivazioni:

  1. io non ho scelto tra te e lei, non avrei mai voluto lasciarti
  2. provo per te e per lei lo stesso sentimento
  3. la amo, mi mancava
  4. per me fare le cose con lei è bello esattamente come farle con te

Ma soprattutto, quella che più di tutti mi fa ammattire, è "SONO 16 ANNI E UN MATRIMONIO". Questa è quella che ripete ciclicamente. "Se fossi stato sposato con te avrei scelto te". Come se si sentisse in obbligo e in dovere di farla funzionare a tutti i costi.

Io non dubito del suo affetto verso di lei, stanno insieme da 16 anni, stanno bene insieme ma lui nel tempo le cose che prova davvero le ha dette. "Mi sono sposato senza pensarci bene, non mi sono mai fermato a riflettere, lei è dipendente da me, lei non ha una famiglia ha solo la mia" e a lei in faccia ha anche detto "ti amo come si ama una sorella, ormai mi sento come fratello e sorella".

Non dico che ami me e non lei, ma quello che abbiamo passato insieme a livello sentimentale, di cose condivise, di pazzie fatte, di limiti che lui ha superato mettendosi a rischio, di fantasie e di progetti futuri...Lo hanno portato in crisi tre volte con la moglie, eppure è ancora li.

Se la moglie sapesse cos'ha fatto per me, cosa mi ha detto, fino a che punto di non rispetto nei suoi confronti si è spinto...

Lo ha detto anche lui prima di tornare a casa "se lei mi avesse lasciato andare o se i miei genitori mi avessero compreso da subito appena me ne sono andato, quasi sicuramente sarebbe andata in modo diverso".

Non voglio illudermi di niente in assoluto, vorrei solo capire per favore cosa gli passa per la testa davvero. Sto diventando matta, quando vedo come mi guarda, quando lo sento piangere al telefono con me, mi chiedo solo perchè non sia qui con me.

Grazie

Naomi

Commenti

  • delusadelusa

    Ciao Naomi , non sono forse io la persona più adatta a darti un consiglio ,ma leggendo la tua lettera mi chiedo fino a che punto si può arrivare quando non ci si vuole bene.Lui mi sembra un uomo senza volontà che si crogiola in questa situazione.Non riesce a scegliere.E' una situazione di comodo che gli sta bene .E a te sta bene?Non credi che a questo punto dovresti prendere la tua vita nelle mani e chiudere tu definitivamente con lui?E pensare solo alla tua vita finché sei in tempo?Altrimenti un giorno ti accorgerai degli anni che sono passati in questa attesa ,ma non potrai più tornare indietro.

Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie