Mia sorella con 30 anni e sposata, ma non va via di casa ed io non sopporto questa situazione

DambDamb
modificato October 2020 in Terapia familiare

Ciao a tutti,

vorrei esporvi una situazione difficile e capire, insieme, come poter agire.

Mi presento, sono Chiara e ho 19 anni. Dalla quarantena ( febbraio ) ad oggi ( quasi Novembre ) mia sorella ( 30 anni ) e suo marito ( sposati da ottobre ) vivono nel soggiorno di casa mia e dei miei genitori nonostante abbiano un attico proprio.

Io non riesco più a vivere in questa situazione, piango ogni giorno e anche solo l'idea di tornare a casa mi fa venire la gastrite e mi fa sentire in gabbia, oppressa cosa che non succede se stanno via per qualche giorno. È come se ci fosse un disturbo costante di fondo che all'inizio non da problemi ma a lungo andare strema.

Ho già provato più volte a parlarne con i miei genitori, mia mamma sembra capire ma non fa assolutamente nulla. Mio padre dice che è mia sorella, non posso mandarla via di casa, che sto esagerando, che sono stupida a stare male, come se potessi controllare le mie sensazioni.

Ora, sono sempre stata abituata a vivere con tanta gente ( ho 2 sorelle e 1 fratello, la sorella in questione è la più grande e l'altra vive in Francia ).

Vorrei chiedervi se sto sbagliando io, se dovrei semplicemente rassegnarmi a questa situazione e stare male. O se è possibile trovare una soluzione. Dunque: Come posso agire per mandarli via ?

Commenti

  • Giada224Giada224

    Ciao Chiara!

    Prima di tutto, c'è un motivo per cui tua sorella e suo marito stiano a casa dei vostri genitori dato che dispongono di casa propria?

    Se c'è un motivo ed è un'emergenza allora penso che dovrai sopportarlo finché non si risolvi la situazione.

    I tuoi genitori non la manderanno mai via di casa perché è sempre figlia loro.

    È una situazione particolare perché bisognerebbe sapere i motivi e poi anche capire perché ti danno fastidio, se fanno qualcosa in particolare che ti dá fastidio o semplicemente non sopporti la loro presenza.

  • DambDamb
    modificato October 2020


  • DambDamb

    Ciao, innanzi tutto ti ringrazio per la risposta.

    Il motivo per cui entrambi non vanno a vivere nella loro casa è perché lei non riesce ad allontanarsi da casa nostra.

    I motivi per cui mi danno fastidio sono molti.

    A partire da come si comporta lei:

    -Mi insulta e sminuisce continuamente dal sei brutta, sei storta al sei mediocre. Col tempo ho imparato a non ascoltarla dato che a mio parere insulta essendo scontenta di se stessa. Comunque una persona che ti insulta continuamente i dubbi, anche se provi a ignorarla te li fa venire.

    - Vengo giudicata da lei qualcune cosa io faccia il che non mi fa sentire a casa dove si ha la libertà di essere se stessi.

    - Non commentano solo me ma anche altri familiari o essere viventi, generalmente non in presenza ( ad esempio mia sorella che abita in Francia, o il suo ragazzo ) cosa che lui ( suo marito ) non avrebbe il diritto di fare, potrebbe anche farlo ma magari in intimità.

    - Non posso mangiare per casa perché poi sporco, non fai in tempo a cucinare che ti spruzza il disinfettante nel piatto.

    -Interferisce nel mio ( e dei miei fratelli ) rapporto coi genitori, dicendogli cose all'orecchio su di me in mia presenza ( è come essere costantemente in una scuola superiore americana, i meccanismi sembrano essere quelli ).

    È come se fosse in costante competizione per poi non si sa che cosa.

    - Loro urlano, litigano spesso il che genera tensione ed energia negativa in casa.

    - Sono una coppia egocentrica, se provi a parlare, ti parlano sopra. Non c'è possibilità di dialogo con i miei genitori in loro presenza a tavola.

    - Lei è molto prepotente quindi se sta in una stanza non puoi starci insieme perché l'ha "occupata" prima.

    - Ha delle idee molto bigotte del tipo " le donne non possono fare strada nel mondo del lavoro, devono trovare un marito ricco".

    - Fanno costantemente rumore, anche di notte, quando le persone vogliono forse dormire.

    - Stanno perennemente in soggiorno ( anche a dormire ) il che non mi permette di utilizzarlo o di girare per casa in mutande o di fare qualunque cosa io voglia fare. Mi mancano quelle piccole cose che ti fanno sentire al sicuro, che ti fanno sentire a casa.

    - Vengo serviti e riveriti da mia madre che tornata da lavoro stremata deve cucinare per tutti.

    - Sono in un periodo delicato della mia vita in cui devo prendere decisioni importanti, ho paura che in qualche modo possano condizionare le mie scelte e questo non mi va bene.

    Non solo l'unica a percepire queste cose, mia sorella quando torna non si sente a casa, mio fratello è arrivato a dormire e basta in casa e stare sempre fuori. Anche mia madre a volte non c'è la fa più, nonostante le voglia molto bene. Nonostante queste cose anche io le voglio bene e avremmo un rapporto migliore se stessimo lontane.

  • Giada224Giada224

    Mamma mia! Ma non si può convivere in questo modo.

    Ci credo che vuoi che vadano via di casa.

    Purtroppo chi deve prendere la decisione e parlare con tua sorella sono i tuoi genitori, però voi figli potete comunque parlare con loro tutti insieme così capiscono che il problema è di tutta la famiglia.

    Se ha una casa sua, un posto dove vivere, non capisco perché debba stare a casa dei tuoi.

  • DambDamb

    Ciao, ti ringrazio molto della riaposta. Speriamo possa funzionare.

Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie