Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Mia figlia non socializza

ElizabethOrtizElizabethOrtiz
modificato July 2017 in Psicologia infantile
Ho una figlia di 4 anni che da molto piccola è sempre stata timidina. Ci siamo trasferite in italia a dicembre 2016... Lei parla già benissimo la lingua italiana ma solo con sua sorella, il mio compagno e me. Non riusciamo a farla socializzare con altri bambini. Al asilo sebbene gioca ed esegue le ordini delle maestre non parla mai. Non so cosa fare.
«13

Commenti

  • Franco587Franco587
    Io credo xhe in quel non so xosa fare c'e' scritto il problema della Mamma da contatto.Io credo che ci sia in Famiglia dell'aggressivita' inconscia molto elevata.La bambina puo' esprimersi come vuole o ci dobbiamo angosciare con il controllo gia` a 4 anni?Chi dice che la timidezza ammesso che sia timidezza sia un problema?Le persone introverso hanno solitamente una intelligenza superiore alla media per motivi evidenti..riescono subito a rappresentarsi l'altro a a giustapporsi in modo tale da nn recar danno al prossimo.Io onestamente nn saprei cosa fare con una Mamma che nn sa cosa fare.Un disastro!Ti rimando la percezione che mi hai dato ma rivolta contro di Te.Fammi sapere come ti senti se ti faccio sentire cosi' spesso...
  • Franco587Franco587
    Puo' darsi che diventi timida anche Tu..chi puo' dirlo..
  • Franco587Franco587
    Ma poi tu quante lingue parli?Almeno quattro mi auguro!E a Lavoro?Come ti muovi?Mi auguro Bene!E Quanti Amici hai?Mi interessa sapere se hai almeno 23amici.Se ne hai meno di 23 onestamente la nostra equipe si sta seriamente preoccupando che stai sbagliando qualcosa.Mi chiedo..tu con queste informazioni fuori casa ci usciresti?
  • Franco587Franco587
    Aggiungo ma come ti percepisci Tu rispetto al Trasferimento In Italia?Nn vorrei che tu stia spostando..tu in Italia come ti sei ambientata?
  • Franco587Franco587
    Socializzi?Da dicembre ad oggi quante nuove amicizie hai?Moltissime credo
  • Tania28Tania28
    Buongiorno, I bambini hanno una grande abilità nel socializzare. Il trasferimento e forse anche l'ostacolo iniziale di una lingua nuova (anche se dominata) possono crearle un piccolo blocco, ma in tempi brevi è assai probabile che lo risolva. In ogni caso, fa bene a tenere sotto controllo la situazione e magari a parlarne con le maestre. Un saluto
  • Fra_GuidaPsicologiFra_GuidaPsicologi
    Ciao Elizabeth,
    benvenuta nella Comunità di GuidaPsicologi. Mi sembra che tua figlia abbia sempre avuto questo lato del suo carattere un po' timido, aggravato poi dal trasferimento. Ho capito bene? Ti consiglio di inserire una domanda pubblica rivolta ai professionisti presenti sul nostro portale: https://www.guidapsicologi.it/domande
    Oppure puoi consultare direttamente il nostro elenco di professionisti specializzati in Psicologia Infantile presenti a Mantova e provincia: https://www.guidapsicologi.it/studio/psicologia-infantile/mantova

    Facci sapere!
    A presto,
    Francesca
  • Paoletta1Paoletta1
    Ciao Elisabeth, io so che quando in casa si parlano due lingue, all'inizio i bambini ci mettono di più a parlare e magari devono capire a modo i contesti in cui parlare una lingua e quelli in cui parlarne un'altra. A 4 anni hanno già la loro personalità per cui devono avere il tempo di adattarsi a un cambiamento così grande come il trasferimento in un nuovo paese.
  • GianninaGiannina
    da dove vi siete trasferiti per curiosita e non e che la bimba magari ha subito un piccolo trauma dovuto al trasloco.
  • Mafalda2Mafalda2
    Io a 13 anni mi sono trasferita (solo 30km) e ho dovuto cambiare scuola. All'inizio è stata dura perché ero la straniera.... Poi però mi sono integrata e non ho nemmeno perso i vecchi amici. Secono me a 4 anni i bimbi fanno abbastanza presto a reinserirsi.
  • Franco587Franco587
    In onesta' A 4 anni un bambino non ha una personalita' integrata,nn diciamo sciocchezze.Se il Genitore o Caregiver e' una base insicura il Piccolo si percepisce insicuro.Il Genitore e' il filtro sul Mondo e se l'occhio Materno e' ansiogeno la piccolina per traslato si relazionera' alla rappresentazione Materna.Costruire la propria individualita' e' un processo che inizia dopo l'adolescenza con la messa in discussione dei Dogmi introiettati.E' un processo che dura tutta la Vita.Non condivido mai la visione generalizzata/generalizzante o sociale ma io credo che esista solo una visione che e' quella individuale.Tutto il resto sono introietti da rielaborare.Come mi sento rispetto all'Autorita'?Beh dipende da come percepisco l'Autorita' e da come e' l'Autorita'.Se e' Allarmante o Allarmata io da cittadino bambino mi percepisco Allarmato e io stesso Allarmante.Quando vado a scuola mi sento Allarmato e davanti ad un Allarme si scappa.Questo avviene perche' il bambino nn ha ancora una elaborazione cognitiva per dare significato all'emozione che vive:Paura dell'Ambiente che non conosce.E' un meccanismo che ha anche l'Adulto se nn impara a verbalizzare e a dare un significato al come si sente rispetto al momento che vive.Nel caso del Bambino nn ci puo' arrivare ma se ha una famiglia che nn descrive il Lupo Cattivo nel mondo dubito che avremo una Cappuccetto Rosso in Cerca di un Salvatore e con buona probabilita' eviteremo un adulto borderline che gioca con il triangolo di Krapelin (Vittima Salvatore e Carnefice)e tanta ansia e angoscia o rabbia.Io nn amo incavolarmi ma in onesta' presentare una bambina di 4 anni come una bambina che parla correttamente l'Italiano ma che non socializza significa non possedere empatia ovvero riuscire a sincronizzarsi su come si sente la piccola rispetto al momento che vive.Gli ossessivi di solito confondono il Giudizio di Valore con il senso di efficacia.Della serie..nn socializza?Bene ha un problema.Punto.Sono disperata.Ma l'Empatia dove sta?
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Ringrazio tutti tranne Franco che mi è sembrato piuttosto aggressivo nelle sue risposte, molto gratuitamente. In verità tutti gli altri commenti mi hanno aiutata un po. E' la prima volta che io partecipo di un foro di questo tipo. Sofia è la mia figlia più piccola e la verità ogni figlio è diverso ed unico quindi non potrei mai permettermi di dire ad altri genitori che non stanno facendo bene il proprio lavoro.
    @Fra_GuidaPsicologi ti ringrazio. La verità avrei bisogno di essere indirizzata bene perchè non vorrei sbagliare e vorrei tanto aiutare Sofia. Un trasferimento non è una cosa poca, a casa va tutto bene e con noi è molto estroversa, ma quando siamo fuori casa smette subito da parlare. Comunque, come dici bene te lei è sempre stata timida, impara velocemente, è molto sveglia. Solo che non parla nemmeno con le sue maestre a scuola. Parlando con loro abbiamo deciso che io avrei cercato orientamento da uno psicologo solo per verificare che ci sia tutto a posto. Ora controllo la lista di psicologi in provincia di Mantova.

    Paoletta, Giannina e Mafalda grazie mille dei vostri commenti. Ci siamo trasferite dal Cile. Entrambe le bambine parlano sia Italiano che Spagnolo. Io in più parlo anche Inglese. Mia figlia maggiore (14) ed io avevamo già vissuto in Italia tempo fa, lei è arrivata in Italia a 4 anni ed il suo adattamento fu molto diverso a quello di Sofia, ma questo è anche perché come avevo detto prima hanno personalità abbastanza diverse.
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Grazie anche a Tania!
  • Fra_GuidaPsicologiFra_GuidaPsicologi
    Elisabeth, Franco può sembrare aggressivo ma in realtà semplicemente si esprime in maniera piuttosto diretta. O almeno io la vedo così. Non te la prendere :)

    Mi fa piacere che in generale i commenti ricevuti ti siano stati utili a riflettere. Penso che un professionista in psicologia infantile potrebbe aiutarti! Anche perché, come giustamente dici, un trasferimento non è roba da poco. Anche perché in questo caso è importante: dal Cile all'Italia! Ricorda che qualora volessi puoi inserire una domanda pubblica nella sezione Lo Psicologo risponde!
  • Franco587Franco587
    Beh i genitori fanno bene e fanno malissimo fanno benissimo e fanno Male.Pensare che a 4 anni una bambina abbia una personalita' definita significa stravolgere l'infanzia.A me nessuno toglie dalla testa che il problema nn e' la bambina ma la Mamma che occupa il suo spazio vivendo con disagio il movimento della bambina.Conosco le Madri spaventate spaventanti e in onesta' mi interesserebbe conoscere la socializzazione della Mamma in Italia piu' che della figlia.Personalmente come feedback credo che sulla figliola si proietti invece di accettare la diversita'.Ma come si puo' confrontare una bambina di 4 anni con un adulta e una adolescente?Ma stiamo scherzando..e' una bambina!A 4 anni cosa dovrebbe fare?Una partita di pallavolo?E poi altro aspetto la rete sociale si crea anche tra Mamme si invita alle feste le bimbe si relaziona tra piu' nuclei ma queste sono dinamiche riscontrabili verso i cinque sei anni.Mio Padre era angosciato che a due anni non camminavo.Arrivarono al paradosso che io forse ero nato con deficit psichici a differenza dei miei cugini piu' simili a loro.Bene media del 10,marzialista con molte soddisfazioni alle spalle e piacevolmente in contatto con se stesso.Odio le discoteche mi annoiano i luoghi comuni e ho una intelligenza superiore alla media.Dovrei preoccuparmi?No rispetto la mia identita' sono cosi'.Mo a 4 anni dobbiamo fare un processo su come mai una bimba nn socializza come vorrebbe la mamma?Curiamo la mamma..questo penso perche' e' la Mamma che vuole stare in Cile nn la figlia.Sposta..per me la verita' e' sotto traccia.
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Per avere una intelligenza superiore sei piuttosto limitato. Soprattutto perché parlandone con uno psicologo oggi mi ha detto che ho fatto bene in cercare aiuto in modo di aiutare mia figlia. In questo momento sta passando per una fase di mutismo selettivo che si può cambiare in modo positivo per il corretto sviluppo di Sofia lavorando con i genitori in modo di riuscire ad aiutarla, che è stata la mia richiesta iniziale: non so come aiutare mia figlia e voglio aiutarla. Rispetto il fatto che tu sia felice cosi come sei, e che forse ti piace anche partecipare a questi fori, io credo che nella vita tutto si può dire, ma l'importante è il modo. Non è la mia prima figlia. E mia figlia maggiore 10 anni fa è arrivata anche lei in Italia ed il suo inserimento è stato completamente diverso, solo per quello mi sono preoccupata, come chiunque che fa la mamma e vede il proprio figlio a disagio. Ti ripeto, ho già parlato con un professionista.

    Io sto benissimo in Italia, non sono per niente homesick. Ho una vita che mi piace, una famiglia che amo. Buoni amici (visto che insisti tanto in saperne di più della mia vita sociale).

    E d'altronde, Franco, non mi conosci e tanto meno conosci mia figlia. Quindi ti ringrazierei che tu smettessi di credere di avere la verità assoluta su questo caso poiché ne io ne mia figlia siamo niente di ciò che hai descritto. Io avevo solo bisogno di orientamento e magari condividere esperienze con altri genitori che abbiano avuto esperienze simili. Tutto qua.

    Grazie ancora Francesca!!! Ho già contattato la Dott.sa de Luca chi mi ha indirizzato benissimo. HO avuto la possibilità di parlare con lei e prendere un appuntamento insieme al mio compagno in modo di affrontare questa situazione come famiglia e fare del meglio per Sofia se ci fossi qualcosa da fare.

    Grazie Ancora!
  • Franco587Franco587
    Ascolta io ho lavorato molto ma veramente molto e ho letto la tua presentazione.Io ho contattato 8 psicologi piu tre psichiatri e nessuno aveva capito niente tranne un Cognitivo;prenderei con le pinze cosa ti ha detto lo psicologo visto che nn esistono casi di mutismo fuori casa e di normale funzionamento in casa,penso che sia ovvio salvo ti nn abbia rapprsentato una realta' diversa; se ti dico che nn me la conti giusta Tu lo scrivo per come organizzi i concetti e quando si riscontra un tratto di personalita' ossessivo ti dico che la cosa migliore da fare e' stanarlo.Io nn conosco Te ma ho letto come esprimi te stessa rispetto a tua figlia.Tu come personalita' non me la conti giusta
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Io faccio veramente fatica a seguirti Franco. Non capisco perché la preoccupazione di una mamma sia paragonata ad un ossessione. Soprattutto perché prima di porre la mia domanda qua ho anche parlato con le sue insegnanti chi hanno infatti consigliato chiedere ad uno psicologo se il comportamento di Sofia fossi normale o se non ci fossi niente da preoccuparsi. Quindi, non ho capito il tuo malessere e pseudo diagnostico nei miei confronti.

    Quanti figli hai? (ho già capito che hai contattato tanti analisti)
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Magari questo ti può aiutare a capire quello che volevo spiegare ed che oggi è stato spiegato a me dalla psicologa: http://www.pianetamamma.it/il-bambino/nido-asilo-e-scuola/mutismo-selettivo-bambini-cause-terapia.html
  • Franco587Franco587
    Che rappresenta essere fuori casa?Che rappresenta essere lontano da Mamma?Che rappresenta essere lontano dai Genitori?Che rappresenta l'Italia?Come mi sento rispetto a queste rappresentazioni?Ma io continuo a chiedermi che senso ha esordire con lei e' diversa da me e dalla piu' grande?Diversa e' un valore sicuramente nn aggiunto cioe' e' un giudizio di valore.Che senso ha registrare che la bambina non si inserisce nell'ambiente senza sincronizzarsi emozionalmente su come si sente su come si percepisce su quali rappresentazioni la zittiscono?Sebbene esegue gli ordini?E credo che sta bambina funzioni con gli ordini..io da qui percepisco un tratto ossessivo molto chiaro.A me come mamma nn me la conti giusta.Cmq evito ulteriori riflessioni ho rianalizzato il feedback che mi invii e nn cambio opinione.Nn sono il Verbo ma manco Tu.Mi godo il mio essere limitato.
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Il mio riferimento agli ordini è al asilo.. del tipo Andare in bagno, lavarsi le mani, disegnare ecc. il che vuol dire che capisce bene la lingua, cosi come il fatto che a casa è sempre solare, parla senza sosta ecc. Credo che non hai letto cosi bene quel che ho scritto.

    E faccio fatica a seguirti perché non ce punteggiatura nei tuoi paragrafi, mischi le idee cosi. abbrevi le parole come se fossi un SMS.

    Comunque su una cosa siamo d'accordo. Siamo su due parallele che non troveranno mai un incrocio.

    Prima dovresti risolvere i problemi ed il rancore che hai nei confronti di tuo padre che pensava che tu avevi problemi psichici. Una volta risolti quelli probabilmente riuscirai a provare un po di empatia. Io non sono tuo padre, il mondo non è tuo padre.

    Buona notte!
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Se tu fossi un genitore (non solo biologicamente parlando, ovviamente), avresti già capito le risposte a tutte le domande che hai fatto retoricamente nella tua ultima risposta.
  • Fra_GuidaPsicologiFra_GuidaPsicologi
    Nessuno ha/è il verbo :) Questo è uno spazio libero dove ci si possono scambiare opinioni e punti di vista. O dove ci si può sfogare o si possono esprimere le proprie preoccupazioni!

    Elisabeth: mi fa piacere che tu abbia già preso contatti con un professionista e che abbia avuto una buona prima impressione! Facci sapere come va! A quando il primo incontro?
  • Franco587Franco587
    Ecco qua..e' uscito il tratto.Mischi gli sms,su scrivilo:Non sai scrivere,Asino:)Questo e' il tratto ossessivo.Si chiama curva di Lacan.Stai salendo in cattedra.E' un funzionamento che conosco benissimo e so riconoscere il feedback immediatamente.Sotto stress esci fuori come sei Tu.Posso solo dire di iniziare a riflettere non sulla bambina che molto probabilmente sta benissimo ma sul tuo problema rispetto alla lingua.Sembrerebbe una ossessione.Io sono stato nell'albo d'onore del mio liceo per tre anni.Scrivo malissimo nel web e va benissimo cosi' per me.La differenza tra la liberta' di espressione e il far fatica a comprendere sta tutta li.Io sento il come e riesco a rappresentarmi la tua posizione interna.Ora so che il tuo problema e' la Lingua italiana.Tu quando ti sei trasferita in Italia nn credo fossi nata gia' italiana.Hai dovuto apprendere l'Italiano.Come ti sentivi a sembrare muta?A non capire?Sono tutti feedback che rimandi io mi limito solo a ridarteli
  • Franco587Franco587
    Io continuo a credere che ci sia uno spostamento di un tuo vissuto..che non vedi
  • Tania28Tania28
    Franco, capisco che il suo obiettivo sia quello di aiutare, ma forse si dovrebbe dubitare un po' prima di giudicare le persone dal poco che possono scrivere qui. Non abbiamo elementi sufficienti.
  • Franco587Franco587
    Tania se io parlo di un problema di un terzo con Pre -occupazione significa che io sto controllando il movimento di una terza persona.Per me una persona che controlla il libero movimento della figlia e lo giudica come un Pericolo senza interagire sintonizzarsi con la figliola per me deve vivere la stessa minestra.Deve essere controllata nel suo libero movimento compreso porre una domanda su un sito web sul suo controllo sulla figlia.Le risposte sono di fastidio di rifiuto.Se nn capisce la Mamma dove la porto io nn ci posso far nulla.Il fatto che qualcosa non va in termini di empatia almeno a me e' evidente.Fa paragoni tra se che e' un Adulto la figlia adolescente e la figlia di 4 anni;insiste con la lingua la punteggiatura e si rivolge ad uno psicologo che nn da altro che un riferimento ovvio:la bambina non parla in ambienti che non trova familiare.Ora andare ad allarmarsi su una evidenza del genere,porta al senso di colpa verso il trasferimento e alla nostalgia dal Paese di origine.Lo dice la Mamma a livello inconscio secondo Me e il xontrollo che ha su di Se lo sposta sulla figlia.La Figlia a sua volta controlla l'Ambiente e secondo Me si crea una Catena dove il liet motiv e' Attenzione pericolo.Ora sicuramente nn posso conoscere la persona ma vedo un frammento.Giudicare e' un Tabu' mi pare di capire beh rompiamo questo tabu' quando controlliamo altre persone come un figlio di 4anni.
  • Franco587Franco587
    Altra cosa sw giudichi cosa sto scrivendo io nn ho alcun problema.Limitato o qualsiasi altro riferimento per me nn assume nessun significato perche' sono io consapevole dei miei limiti e non colludo con chi me li viene a dire.Se risuono nella Mamma e' perche' vado a pescare la disorganizzazione psichica che mantiene sotto traccia con il comportamento.Ma pensaci un attimo..Mi trovo un compagno Italiano,porto mia figlia in Italia e si integra poi arrivo con la piccolina di 4 anni e mi allarmo che dopo 5 mesi si estranea in un ambiente nuovo?E le riflessioni quali sono?Non e' come me e la grande e la preoccupazione e' che parla benissimo l'italiano per cui nn capiamo il problema?Cioe' la bambina e' un robot?La cosa poi che nn mi quadra e' l'inversione del Ruolo dove sembra che la Madre sia Vittima di una forma di autismo infantile della bambina e arriva una angoscia molto forte.A questo punto nella disperazione si affida al web.Io ricostruisco cosi' la dinamica e attacco la Mamma che fa la Vittima e si preoccupa senza interagire emozionalmente con la bambina facendo da base sicura per le interazioni.La Mamma e' il filtro sul Mondo.Ora esistono interazioni inconsapevoli tra Mamma e Figli che non risultano uguali ma cambiano a seconda delle percezioni della Madre e delle risposte della prole.Lei dice xhe non e' come Lei..io aggiungo meno male.Viva Dio esiste la biodiversita' e non l'omologazione standard
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Franco... cercati una vita dai!
  • ElizabethOrtizElizabethOrtiz
    Almeno con i tuoi ultimi commenti mi sono fatta una risata... quante c****e parli!
Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie