Mi sento una brutta persona per l'errore commesso

anonimoo12anonimoo12
modificato November 2020 in Crisi adolescenziali

Mi sono lasciata a maggio dopo una relazione di un anno e mezzo.

Dopo nemmeno due settimane un ragazzo fidanzato mi ha iniziata a corteggiare, io come una ragazzina ingenua ci sono andata dietro e vi è stato un qualcosa che è durato 5 mesi fino a poco tempo fa, quando mi disse che si era lasciato , dopo scoprii che era tutto falso, aveva solo avuto una discussione con la ragazza..

Ma il fatto è che questa cosa che c'era si è venuta a sapere, e anche la mia famiglia ha scoperto il tutto e sono tutti molto delusi da me.. Sono giorni che non parlo con i miei genitori e sto veramente male perché non mi rivolgono la parola, sto avendo nuovamente attacchi di panico... Non riesco a sopportare tutto questo, è una qualcosa che mi uccide dentro.

Solo ora ho realizzato quello che ho veramente fatto e mi sento una brutta persona. Non so come andare avanti perché torno sempre a pensarci

Commenti

  • Sebastian8Sebastian8

    Io penso che il problema sia più di questo ragazzo che tuo sinceramente. Era lui ad essere fidanzato.

    É vero che non dovremmo fare ciò che a noi non piacerebbe ricevere, ma eri convinta che lui l'avesse lasciata.

    Lascia passare del tempo e dimenticheranno l'accaduto, ma non affliggerti nessuna colpa.

  • [Utente Cancellato][Utente Cancellato]

    Ciao anonimo,

    quel che ti è capitato è capitato veramente a molti e continuerà a capitare. Ma non perché siamo ingenui o brutte persone. Ma perché siamo esseri umani. Non dimentichiamoci di questo.

Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie