Elaborazione di un lutto

Mia mamma e ' morta due mesi fa, dopo quattro di assistenza giornaliera e dolore infiniti. Era ammalata da più di sei anni, durante i quali e ' stata il mio pensiero dominante per cercare di farla stare bene. Ho un lavoro e una famiglia di quattro persone e ho già passato periodi di depressione per questo. Adesso va sempre peggio. Mi sento sul orlo di un baratro ed ho paura

Commenti

  • Buongiorno Sabrina, per prima cosa le consiglio una terapia di appoggio per superare il momento, poi mi chiederei se questo senso di vuoto dipenda più dall'assenza di sua madre o dal fatto di aver dedicato la sua vita alla sua malattia durante tanto tempo ed ora fa fatica a riorganizzarla. Credo che la sua famiglia le sarebbe di gran aiuto.
  • Crede, in cuor suo, di aver trascurato (comprensibilmente, forse) la sua famiglia durante la malattia di sua madre?
  • Ciao Sabrina,
    benvenuta nella Comunità di GuidaPsicologi. Mi spiace enormemente per la tua perdita, vorrei avere parole adatte ma so bene che non esistono...

    Ti consiglio vivamente di prendere in considerazione la possibilità di iniziare una terapia. Ti lascio di seguito il nostro elenco di professionisti specializzati in elaborazione del lutto a Venezia e provincia: https://www.guidapsicologi.it/studio/elaborazione-del-lutto/venezia

    Puoi anche inserire una domanda pubblica qui, gli psicologi del portale sapranno orientarti al meglio: https://www.guidapsicologi.it/domande

    Vorrei anche consigliarti la lettura di qualche articolo:
    - https://www.guidapsicologi.it/articoli/lasciar-andare-il-lutto-in-eta-adulta
    - https://www.guidapsicologi.it/articoli/cosi-ho-superato-il-lutto-per-mia-madre-testimonianza-reale

    Coraggio!
    Ricorda che noi siamo qui.
  • Le morti per malattia sono sfiancanti. Ora devi abituarti al vuoto della persona e della preoccupazione che ti generava. Hai la fortuna di avere lavoro e famiglia, per cui puoi indirizzare le energie che dedicavi a lei a queste due aree. Mantieniti attiva!
  • Sabrina: non tenerti tutto dentro...sfogati, parla...noi siamo qui!
  • Sabrina, senti più la mancanza di tua madre o una specie di 'fallimento' per non averla potuta salvare?
  • Grazie a tutti, di cuore.
    Per rispondere non ho il dolore di non averla potuto salvare. I medici hanno dato sei di vita a una persona con un tumore incurabile ed io ho fatto tutto il possibile. Voi mi dite di pensare alla mia famiglia ma le mie figlie sono grandi e distanti, mio marito lavora...non vorrei sembrare lamentosa ma e ' brutto cercare in internet qualcuno che ti dia conforto. Per tutti il peggio e ' passato e se manifesto la mia sofferenza sembro esagerata. Allora faccio finta di nulla e vado avanti con un peso nel cuore
  • Ciao, forse una terapia di sarebbe utile per superare il vuoti che ti ha lasciato non solo la morte di tua madre ma tutta l'energia che ci hai messo. Ora la difficoltà e concentrarti di nuovo su te stessa.
  • Sabrina: non sembri assolutamente lamentosa, ci mancherebbe. Ognuno reagisce al dolore a modo suo, ed è per questo che non dovresti fare finta di nulla! Hai bisogno di ascoltare il tuo dolore e di accettarlo, senza fingere che non esista.
Accedi oppure Registrati per commentare.

Categorie