Dubbi e panico! Non mi sento più me stessa

fiore45fiore45
modificato August 2020 in Orientamento sessuale


buongiorno, cercherò di spiegarmi meglio. Sono diversi giorni che mi sono resa conto di provare strane sensazioni quando vedo una ragazza o quando vedo foto in costume, vestite o anche solo di faccia. Inizialmente avvertivo il bisogno di stare lontana, come ora mi sento a disagio a stare vicino ad una donna. Poi mi rendo conto di provare delle sensazioni al livello dei genitali ma allo stesso tempo se dovessi immaginare me con una ragazza in una relazione ad esempio non mi ci vedo, non mi sento più me stessa ed inoltre non mi interessa essere guardata da una donna.Ho sempre avuto relazioni con uomini sia sessuali che emotive e fino a qualche settimana fa ho subito una delusione da parte del mio ex uscente. Non so se sia questa delusione che mi stia portando a questi complessi ma mi rendo conto che sto per chiudermi in un mondo tutto mio, non sento più bisogno di uscire o muovermi dal letto. Le persone intorno a me non riescono a capirmi bene e questo mi fa sentire peggio. Spero di essermi spiegata meglio e spero che lei possa darmi una risposta che mi faccia sollevare l’umore. Ps:premetto che questa notte ho fatto l’ennesimo sogno erotico con un uomo,in questo caso il mio ex fidanzato!

Commenti

  • Valentina768Valentina768

    Il fatto che tu sia stata sempre con uomini non vuol dire che non puoi essere attratta da una donna.

    Se stare accanto ad una donna ti provoca certo effetto, c'è un motivo e sta a te avere il "coraggio" di capirlo o che resti un dubbio per sempre.

    A volte, senza rendercene conto, viviamo delle emozioni nuove che in qualche modo ti fanno paura, ma per la società in cui uno vive.

    Se il tuo corpo ti manda queste vibrazioni, io seguirei l'istinto fossi in te, poi se non ti piace almeno ne avrai avuto la conferma.

    Abbi il coraggio di vivere ciò che senti senza paura del giudizio altrui.

  • fiore45fiore45

    Il fatto è che io queste “sensazioni” tipo eccitamento le provo in ogni istante della giornata anche quando non sono a contatto con una donna,ma anche solo a sentire la parola “donna” oppure a parlare di qualcosa che riguarda il mondo femminile è come se all’interno mi attraversasse un brivido che finisca come pulsazione poi al livello dei genitali! Non riesco a distinguere la paura dalla vera attrazione

  • Valentina768Valentina768

    Guardati dentro, a volte bisogna seguire l'istinto.

    Perché non provi a stare con una donna? Ti toglieresti qualsiasi dubbio. Non aver paura di ciò che puoi arrivare a sentire. Preferisci conoscere la verità o restare per sempre nel dubbio?

    Le emozioni e le sensazioni che uno prova non si possono nascondere, non a te stessa.

  • LuisafusaroLuisafusaro

    Mi sento molto vicina alla tua esperienza.

    Personalmente non sono mai stata attratta dalle donne, ho avuto in adolescenza i miei momenti di riflessione su chi fossi e cosa mi piacesse, ma non c'è mai stato dubbio sul mio orientamento.

    Durante quest'anno ci sono stati degli immensi cambiamenti, prima fra tutti ho dovuto dire addio ad un ragazzo che amavo veramente e che non mi faceva pensare ad altro che a noi.

    Il contraccolpo è stato duro, ma nei mesi successivi ho provato ad andare avanti con la mia vita.

    Ho trovato un altro ragazzo, abbiamo iniziato a sentirci senza impegno, ed è nata la nostra storia in modo un po' confuso.

    Da una parte avevo voglia di dimenticare il mio ex, di andare avanti da sola, dall'altra provavo affetto per questo ragazzo e non volevo perdere un'occasione che poteva tramutarsi in una bella relazione.

    Nonostante tutto, ancora non ero pronta a stare insieme a qualcuno e mi sono forzata da sola chissà per quale motivo..mi sentivo insoddisfatta sotto alcuni aspetti con lui, "eppure è un ragazzo dolce e rispettoso",mi dicevo. Mi stavo così tanto forzando a superare il dolore per il mio ex che addirittura era strano che io non trovassi al 100% attraente questo nuovo ragazzo, non pensavo al fatto che non potesse piacermi e basta e che dovevo troncare, ho mandato avanti questa conoscenza perché pensavo che la mia parte insoddisfatta fosse legata al mio ex ancora e che io dovessi stare con questo nuovo ragazzo perché era teoricamente "un tipo" che poteva piacermi.

    Vado avanti con questa convinzione chiaramente tossica, però proseguo la mia vita da ventunenne in modo normale.

    Una notte durante la quarantena, sogno che io e una ragazza che conosco di vista ci scambiamo dei baci, comportandoci come fossimo fidanzate.

    Sognare di baciare qualcuno del sesso opposto, se avviene in maniera sporadica o comunque una volta e basta, può essere interpretato con numerosi significati : accettazione della propria parte femminile, mancanza di passione nella propria vita etc. È un sogno ricco di significati, ma non è incluso il dubbio sull'orientamento sessuale nella stragrande maggioranza dei casi, soprattutto se è un sogno che avviene in modo sporadico ( il mio caso).

    Io questo l'ho capito solo dopo. Purtroppo sono ipocondriaca, ansiosa e perennemente spaventata da qualcosa di nuovo : oggi può essere la paura di essere dissociata in maniera clinica, domani quella di poter essere lesbica o bisex.

    Sia ben chiaro, ho parenti e amici che hanno questo orientamento e non mi importa, la questione è che io non sono così.

    Non ho mai provato più che affetto per qualche ragazzina, amica o altro e né ho desiderato di unirmi con una donna. Mai in 21 anni.

    Il dubbio è sorto soprattutto perché, data la mia allora condizione di scarso interesse per quel ragazzo, insieme a questo sogno, mi son detta : "non ti piace lui perché sei lesbica ".

    Io so di tante amiche lesbiche che hanno vissuto senza vergogna dei sentimenti per le ragazze fin da quando ne hanno memoria, di amici bisessuali che apprezzavano molto entrambi i sessi dal punto di vista del feeling, ma trovavano più appagante il sesso etero. Altri il contrario. Altri invece non distinguevano per nulla chi avevano davanti.

    In ogni caso avevano maturato spontaneamente una consapevolezza, avevano fatto delle riflessioni fondate dopo aver sperimentato, o semplicemente dopo aver ascoltato a fondo loro stessi in periodi normali, comuni. E quando arrivavano alla conclusione di capirsi a fondo, si sentivamo bene e non spaventati dal loro orientamento in sé, dal giudizio circostante magari si in alcuni casi, ma questo non ha mai impedito loro di sentirsi attratti verso chi volevano.

    Tu stessa hai specificato il fatto che non hai mai avuto interesse per lo stesso sesso. Non è una bestemmia, per carità è vero che alcune persone sperimentano altri aspetti della loro sessualità anche in tarda età (casi rari e per lo più di persone che hanno soppresso sensazioni piuttosto chiare che avevano già avvertito prima) però si a volte capita che emerga anche un lato contrastante a quello che si è sempre conosciuto, ma non è matematico che il risvolto di queste sensazioni ti portino a relazioni homo, o bi,stabili. Molte volte sono fasi di passaggio.

    Io ho passato mesi davvero devastanti, perché sentivo di essermi persa. Ho cominciato ad avere paura delle donne, a non guardare le loro foto e come te ho cominciato ad avere delle strane pulsazioni nella zona genitale. Non importava chi avessi davanti, bastava che fosse una donna, anche particolarmente vecchia o di 50 anni, o più giovane.

    Visualzizzavo immagini controvoglia di me e donne, avevo perennemente paura, sono arrivata a vomitare ed evitare di mangiare. Senso di nausea, depressione e smarrimento.

    Non so se tu abbia avuto la stessa reazione così pesante, ma penso che sia una situazione analoga alla mia in forma più lieve. Dopo una delusione o comunque una batosta come la mia, hai maturato chissà per quale motivo questo dubbio. Può essere stato un pensiero fugace, hai cominciato a girarci intorno, ti ha spaventata e ora sei qua. Niente di più facile di innescare dei pensieri ciclici.

    Ad oggi ho maturato la consapevolezza che nonostante tutto, possiamo avere degli interessi anche minimi per l'altro sesso e provare in qualche modo attrazione se qualcuno è particolarmente speciale, bello, in cui troviamo delle caratteristiche che vorremmo avere o anche no, semplicemente qualcuno che ci fermiamo a guardare e su cui possiamo fare qualche pensiero. Per questo si dice che siamo tutti un po' bisessuali, chi più chi meno. Magari il più e il meno si quantifica in base alle nostre personali esperienze e conoscenze.

    Ma tutto questo è comune a moltissime donne,moltissimi uomini, e non è indicatore di nulla in particolare.

    Se senti di aver avuto sentimenti reali nelle tue passate relazioni,(magari ci sarà stata quella più forte e vincente) però comunque di aver provato interesse, sincero, e ora ti senti spaventata, non capita da nessuno, vorrei dirti che non sei sola.

    Per arrivare a scrivere qui avrai cercato a lungo le cose che ti capitano, anche io come te.. Sentiamo mille pareri, a volte la giornata viene condizionata da un commento di qualcuno, o dalle esperienze degli altri.

    Ciò che è più importante è rimanere fedeli a sé stessi, avere fiducia, individuare le cause più celate sul perché avvertiamo questa ansia.. io personalmente ho capito che era perché frequentavo la persona sbagliata, perché mi serviva del tempo per me stessa prima di legarmi a qualcuno, e che mi forzavo a farmi piacere una persona che sotto alcuni aspetti non mi piaceva, per cui la soluzione più logica è che mi sia smarrita per i miei stessi comportamenti, non che sia lesbica o bisessuale. Nonostante abbia capito questa cosa, mi capitano ancora a volte quelle sensazioni strane nella zona genitale, a volte mi sento strana a guardare una donna, ma sono tranquilla. Ho cominciato anche a visualizzare delle donne mentre mi masturbavo, controvoglia sempre, e a volte il culmine delle mie azioni si legava ad un volto femminile per cui mi chiedevo se fossi eccitata per le ragazze veramente o meno. Sono tutte cose che prima non capitavano e che ora compulsivamente sono comparse per magia.

    Quante volte mi è capitato di sentirmi strana perché pensavo di essere dissociata da me stessa, come se fossi derealizzata.. ma una volta appurato che era solo ansia, prima che la sensazione passasse definitivamente ci vollero anni, scemava di volta in volta e piano piano non ho provato più quella sensazione orrenda.

    Per cui non spaventarti se queste sensazioni ti perseguitano.

    Se ti ritrovi in ciò che dico è molto probabile che anche tu stia provando una cosa simile alla mia. Lungi da me il fatto di persuadere persone che sentono attrazione per lo stesso sesso e si stanno scoprendo, è solo che non mi sembrava questo il caso.

    Buona fortuna in ogni caso!

  • fiore45fiore45

    Ciao luisa,ti ringrazio per aver impiegato un pochino del tuo tempo a raccontarmi la tua esperienza personale e ti dico che mi sento molto ma molto vicina alla tua situazione. Ieri ho avuto il primo colloquio di persona con una psicologa,dopo averne parlato e tornando a casa mi sento chiusa di nuovo in uno stato depressivo,ansia fortissima che mi porta a dolori alla pancia e ad un forte senso di nausea. Ho bisogno di scendere con le mie amiche per distrarmi un po’ altrimenti davvero diventa devastante la situazione. Io con il mio ex uscente ci parlo ancora e ieri l’ho anche incontrato e siamo stati un paio di ore insieme ma credo che questa relazione stia gravando ancora di più su me stessa. Anche a te sembrava che la tua vita non fosse più felice ? Ti sentivi persa ed estraniata dal mondo? Spero che tutto questo passi al più presto perché non ne posso più e soprattutto perché non voglio che tutto ciò possa distrarmi dal mio ultimo anno scolastico. Ci tengo alla scuola

Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie