DISTURBO EVITANTE DI PERSONALITÀ ho provato di tutto

FabriziocassaniFabriziocassani
modificato October 2019 in Disturbi della personalità
Salve a tutti, ho 36 anni e convivo fin dalle adolescenza con questo disturbo, ho provato di tutto, dalla psicoterapia individuale, a quella cognitivo comportamentale, fino allo psicodramma analitico .... I farmaci li ho provati po' tutti e devo dire che quelli che mi hanno fatto sentire diverso non senza effetti collaterali sono il seroxat ed il rivotril.
Per via di questi effetti collaterali non mi va di prenderli e quindi negli ultimi anni sono sempre più a disagio e restio a cercare la compagnia di chi mi conosce e mi sento sempre più spesso in ostilità con le persone.. Se qualcuno si rispecchia in questi disturbi e ha voglia di raccontare la sua storia sarò ben lieto di ascoltarlo

Commenti

  • Lisa56Lisa56
    Se sei stato ferito molto, diventi intollerante su ogni tipo di atteggiamento o parole degli altri. Ti crei barriere e vedi offese e complotti dappertutto. Mi sorprende che ne' psicoterapia ne' farmaci ti aiutino. Probabile, se tu vivi vicino a chi ti considera una nullità, continui a ricevere stimoli negativi e a dover stare sulla difesa. Siamo in due, ma io per ora non ho la possibilità di iniziare un percorso con una psicologa, ho fatto solo due colloqui e ho letto alcuni libri interessanti che descrivono cosa succede nel cervello.
  • ModeratoreGuidaPsicoModeratoreGuidaPsico
    Ciao Fabrizio,
    benvenuto nel Forum di GuidaPsicologi. Tendi ad evitare le situazioni che possano provocare intensità emotiva? Eviti i conflitti e quindi finisci per evitare le persone? Ti consiglio anche di rivolgere una domanda pubblica ai nostri professionisti: https://www.guidapsicologi.it/domande Sapranno orientarti al meglio.

    Facci sapere e ricorda che noi siamo qui.
    A presto
  • FabriziocassaniFabriziocassani
    Ma lisa per risponderti devo dirti che il fatto che io faccia fatica ad aprirmi e a fidarmi delle persone ha fatto sì che ogni tipo di terapia non abbia Contato più di tanto... Credo che per quanto riguarda le terapie quella più adeguata a me sia individuale più terapia di gruppo... Mi avevano trovato pure un terapeuta molto bravo a Bologna che lo faceva, ma venivo a spendere molto e quindi ho sempre fatto solo il gruppo conqualche seduta individuale, tutto questo per svariati anni fino a che mi sono stufato e ho interrotto tutto. Ultimamente sono andato da una psicologa di tipo sistemico relazionale per un paio d anni ma la rabbia che spesso provavo non si placava
  • Sandra66Sandra66
    La rabbia viene dalla frustrazione. Hai ricevuto le attenzioni che chiedevi da piccolo? Sei in grado di dire apertamente quello che vuoi e non accettare solo le volontà degli altri per evitare un conflitto? Sei consapevole dei tuoi diritti? Ti hanno insegnato tecniche di assertività?
  • FabriziocassaniFabriziocassani
    Ciao sandra tutte le risposte alle tue domande sono "no"
  • FabriziocassaniFabriziocassani
    Purtroppo
  • Tania28Tania28
    Ecco, allora hai già una bella pista delle cause e dei rimedi. Forse potresti evitare i farmaci e lavorare su questi aspetti non credi?
  • Lisa56Lisa56
    Hai qualcosa su cui "appenderti"? Nel senso, qualche interesse, lavoro, oppure qualche qualità che serva agli altri per farli stare meglio? Oppure ti senti un inutile peso morto ? La mia è solo una domanda, non cominciare a crederla una critica, un'accusa o un inizio di complotto.
  • Leonardo56Leonardo56
    L'ostilità e la rabbia ti vengono dal fatto che non ti senti in diritto di far valere la tua volontà, accetti tutto e ti adatti per piacere agli altri, ma alla fine accumuli frustrazione che prima o poi esce in modo incontrollato.
  • FabriziocassaniFabriziocassani
    Fortunatamente il lavoro ce l ho, anche se è molto meno appagante e soddisfacente di qualche anno fa.
    Per esempio mi stanno talmente li i miei colleghi che non riesco nemmeno a mangiare con loro.. Non li tollero più perché chi più chi meno mi ha deluso
  • FabriziocassaniFabriziocassani
    Per quanto riguarda le psicoterapie, da quando avevo 23 anni, ne ho intraprese tante, ho speso parecchi soldi, ma devo dire che ho visto miglioramenti solo nel periodo in cui ero in terapia.. Nel momento in cui interrompevo i disagi tornavano
    Devo dire che la terapia che mi ha dato i risultati migliori è stata lo psicodramma analitico
  • Mafalda2Mafalda2
    Non ti hanno dato un metodo che puoi seguire anche in autonomia?
  • FabriziocassaniFabriziocassani
    Di recente ho fatto qualche seduta da uno psicanalista che in base a quello che gli ho detto mi ha detto che secondo lui i farmaci nel mio caso devono essere parte integrante della terapia.. Credo abbia ragione perché altrimenti non riuscirei a sostenere il peso di una terapia oltre al fatto che non prendendoli è come se nella mia testa ci fosse un muro che non mi permette di aver delle cose da dire in terapia
  • MarcomasiaMarcomasia
    ciao Fabrizio,
    leggendo le tue parole ho sentito molta rabbia, frustrazione, incatenamento, diffidenza, stanchezza, delusione, sconforto perché forse non vedi soluzioni ancora ad oggi dal momento che già hai tentato varie volte con psicologi e medicine
    Quasi quasi ti do anche ragione della rabbia che porti
    Che consiglio umile posso darti allora ?
    Gira più posti possibili conoscendo più gente possibile di modo che alla fine trovi il tuo habitat ideale e con la forza interiore che ti appartiene migliorerai di sicuro o almeno te lo auguro
  • FabriziocassaniFabriziocassani
    Grazie marcomasia
  • SaraAsaroSaraAsaro

    Ciao Fabrizio, a distanza di anni, come stai adesso?

Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie