Ciao, sono una ragazza di 20 anni, adottata, I miei giudicano il mio passato, la vita e altro...

Dany22Dany22
in Terapia familiare

Ciao, sono qui in Italia da quando avevo 7 anni, ho avuto un passato molto forte, di cui la morte di mia madre alla nascita e la violenza da parte di mio padre biologico.

Crescendo ho avuto due genitori adottivi meno male... Sono sempre stata giudicata dai compagni e ogni volta arrivavo a casa distrutta... I miei genitori adottivi mi hanno insegnato a non arrendermi... Infatti ho sempre lottato fino infondo.

Però ora ho 20 anni, mia madre è arrivata a dire "i figli adottivi portano problemi, guai e sono pericolosi"... Non è successo una volta ma di più... Mio papà si mette a piangere, sottomesso da mia madre, a volte sono io a coccolare e ad aiutare lui che il contrario.

Mia madre ha denunciato 3 volte mio fratello con la frase "mi ha alzato le mani"... Non è per niente vero... Ci hanno alzato le mani, tirato i capelli, calci presi per il collo e noi (io e mio fratello dalla nascita) ci siamo difesi allontanandoli. A MAGGIOR RAGIONE PER IL NOSTRO PASSATO.

A casa ormai volano sempre le parole di mia madre "dovete ritornare nella merda, siete solo dei figli viziati e presuntuosi ecc". Ora spiego il punto forte... Io ho sempre messo il cuore in tutto e un giorno dissi ai miei "ho bisogno di scoprire il mio passato, mi sento vuota e vorrei che voi mi diate forza e mi venite incontro" la loro risposta quale è stata? «se vuoi conoscere il tuo passato esci da questa casa, e lo stesso se vuoi conoscere tua madre»...mia madre biologica è morta.

Ho chiesto di andarmene di casa e mi dicono "non fare questo sbaglio che te ne pentirai", a 20 anni non ho ancora le chiavi di casa perché non ce le vogliono dare... Ogni volta che chiedo di aiutare in casa dicono "non sai fare nulla, vai che facciamo noi", non posso ordinare cibo in casa perché tante volte per punizione a 20 anni ci lasciano senza mangiare e io già 3 volte sono svenuta, ma ovviamente la colpa è mia.

Poi se ne saltano fuori con la frase del tipo "qua non siamo in un albergo, date una mano, noi vi abbiamo dato un tetto"....

Si è vero... Infatti quando a loro fa comodo (solo a parole) noi li aiutiamo... E appena stiamo per farlo ci dicono di non farlo perché non siamo capaci (come si può imparare in questa casa?)

Chiedo di andarmene e mi obbligano a stare a casa se no chissà cosa succede, sto a casa e non sto per niente bene a tal punto di aver detto a mia madre dopo tutti quegli insulti nei miei confronti... "mia madre è morta, non se n'è mai andata e resterà per sempre la mia prima madre".... Io mia madre adottiva non la ritengo più una madre, dopo le parole che mi ha detto... In una lite è giusto urlare e magari al massimo mandare a "fan****".... Ma mai dire... "vai a trovare tua made in cielo ed esci da questa casa, voi bambini adottivi portate solo problemi e siete pericolosi, tornatevene nella merda".

Non la ritengo più una madre, non provo più affetto ne amore, riguardo a mio papà sto perdendo pure affetto nei suoi confronti... Perché ogni volta piange perché sua moglie lo sgrida dicendogli che dovrebbe essere più cattivo con noi. Quindi non sa prendere posizione.... Al posto di consolare i figli dobbiamo consolarlo noi perché piange. Deve imparare a dire a sua moglie cosa è giusto dire e cosa no DA GENITORE *ADOTTIVO*.

Mio fratello e molto di più io ho rischiato il suicidio... Sono parole forti lo so.

Ma vorrei una mano da qualcuno... Sono stufa di lottare a vuoto.

Aggiungo anche che non mi hanno fatta continuare a studiare per i miei sogni (il problema non sono i soldi, perché pagano l'affitto e la vita a momenti di una cugina lontana... Per me e mio fratello manco le caramelle e non sto scherzando).

Io non ce la faccio più, vi prego, chiedo aiuto... Ci sarebbero molte altre cose... Ma è già lungo il poema... È solo che non so con chi sfogarmi.

Voglio denunciare tutto... Ma voglio avere consigli. Ho iniziato anche yoga per rilassarmi, ha funzionato... Ero tranquilla... Ora non più, manco yoga serve e mi hanno tolto tutti i miei sogni... Non so più come sfogarmi... Sto prendendo la strada nel capire se sono veramente io il problema,... Magari è colpa mia quando sono nata che mia madre non ce più... Magari lei mi sta aspettando... Ogni volta piango. Non ce la faccio davvero più.

Buona serata

Commenti

  • Cristina - AmmCristina - Amm

    Buongiorno @Dany22,

    Sono Cristina, benvenuta nella comunità di GuidaPsicologi.

    Mi dispiace molto per questa situazione che vivi nella tua famiglia, quando la famiglia dovrebbe essere il luogo più sicuro dove sentirsi sempre amati. Non hai nessun familiar con cui parlare? Ti consiglierei di parlarne con qualcuno di tua fiducia e che sappia ascoltarti.

    Prova a rivolgere una domanda pubblica ai nostri professionisti, sapranno orientarti al meglio su cosa fare: https://www.guidapsicologi.it/domande 

    Forza e buona fortuna!

    Cristina - Amm del Forum

Accedi oppure Registrati per commentare.
Nuovo tema

Categorie