Un approccio relazionale efficace in famiglia

“Tutti i genitori avrebbero bisogno di essere aiutati nel loro difficile mestiere”. Thomas Gordon Una riflessione sull'efficacia di alternative alla tradizionale disciplina punitiva.

12 FEB 2020 · Tempo di lettura: min.
Un approccio relazionale efficace in famiglia

Causa più comune di discussioni fra i genitori e oggetto di animate discussioni è la disciplina nei confronti dei propri figli, che siano piccoli o grandi.

Il tema della disciplina è estremamente dibattuto e complesso.

Innanzitutto ci sono diversi tipi di disciplina, e molto diversi, alcuni che hanno un impatto positivo e altri no, fatto che molti trascurano. Per molti disciplina si traduce in utilizzare metodi di ricompense e punizioni, come facciamo con gli amati animali domestici.

Sappiamo però con la nostra esperienza che le ricompense non funzionano sempre e che le punizioni per funzionare devono essere dure. Talvolta se sono lievi, possono essere percepite paradossalmente come una ricompensa. La punizione non è la cura per i comportamenti violenti dei bambini, come il dare le botte al fratellino, ma è spesso la causa di comportamenti aggressivi verso gli altri. Si può quindi facilmente capire perché il ricorso a ricompense e punizioni è inefficace.

Fortunatamente vi sono delle alternative alla disciplina punitiva, non connesse al potere e con effetti positivi importanti:

  • aumentano l'efficacia nel gestire comportamenti inaccettabili dei bambini,
  • rimpiazzano la disciplina imposta con l'auto-disciplina,
  • mutano il controllo da parte degli adulti con l'auto-controllo dei bambini,
  • convertono limiti e regole stabiliti solo dagli adulti con limiti e regole che bambini e adulti insieme hanno scelto,
  • sostituiscono soluzioni a conflitti di tipo vinci-perdi con soluzioni differenti, eliminando il risentimento.

Oggigiorno usiamo strategie sbagliate per ridurre i comportamenti inaccettabili dei ragazzi: alcolismo, fumo, abuso di droghe, abbandono degli studi, guida ius stato di ebbrezza, vandalismo, bullismo….

Il crescente aumento di questi comportamenti è prova inconfutabile del fatto che il modo in cui abbiamo per tradizione imposto disciplina ai piccoli non ha funzionato. Infatti questo modo può essere più una causa che la cura di questi comportamenti inaccettabili.

Le strategie che fanno qualcosa al bambino, che provano a spaventarlo sui rischi, a persuaderlo a dire di no, che promettono di aumentare la severità delle pene, del controllo non hanno l'efficacia auspicata.

Un approccio diverso per la prevenzione dovrebbe focalizzarsi unicamente nell' aiutare gli adulti ad apprendere un nuovo metodo per gestire le relazioni in famiglia e in generale nel mondo, che non sia autoritario e neppure permissivo, che sia democratico, cooperativo, rispettoso, autorevole. Questo nuovo approccio implica l'opportunità di fornire competenze utili e fruibili nell'ambiente familiare, in modo che il clima sia più democratico e meno dispotico. Si può fare!

"Tutti i genitori avrebbero bisogno di essere aiutati nel loro difficile mestiere". Thomas Gordon

A cura della Dott.ssa Simona Volpi Psicologa - Psicoterapeuta - Formatrice Gordon

Scritto da

Dott.ssa Simona Volpi

Lascia un commento

ultimi articoli su terapia familiare