Terapia di coppia: alcune tecniche utili

Se le coppie in difficoltà sono relativamente stabili e sono genuinamente desiderose di raggiungere una relazione armoniosa, queste tecniche sono particolarmente utili.

17 GIU 2019 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Terapia di coppia: alcune tecniche utili

Nella terapia di coppia l'enfasi principale dovrebbe essere posta sull'incoraggiare la coppia ad abbandonare tattiche coercitive, a lasciar perdere ideali romantici impossibili, ad apprezzare il valore della reciprocità, a comportarsi secondo le regole del buon senso e a trovare soluzioni e compromessi costruttivi alle situazioni negative di stallo.

Una prima tecnica utile è quella di consegnare alla coppia tre copie delle seguenti "sette regole basilari" (una per la moglie, una per il marito e una da attaccare al frigorifero):

  1. non criticare mai una persona: chiedere invece, una specifica modifica del suo comportamento;
  2. non violentare la mente (per esempio, non dire ad un'altra persona quello che essa pensa o sente);
  3. evitare di dire : "Tu fai sempre…", o "Tu non fai mai…". Essere specifici;
  4. evitare di utilizzare le categorie giusto/sbagliato, buono/cattivo. Quando emergono differenze, cercare dei compromessi;
  5. usare messaggi "Io sento" al posto di messaggi come "Tu sei". Per esempio dire "Mi sento ferito quando mi ignori", ma non dire: "Tu sei egoista e priva di riguardi perché mi ignori";
  6. essere diretti e onesti. Dì ciò che pensi e pensa ciò che dici;
  7. io sono Ok, tu sei Ok. Io valgo, tu vali.

La tecnica del Triplo - Aumento

Una seconda tecnica utile con le coppie che sembrano vivere un periodo di stallo è la tecnica del Triplo - Aumento: si chiede a ciascun partner di elencare tre comportamenti specifici che vorrebbe che il coniuge sviluppasse. Questo perché richiedere un cambiamento in termini di aumento piuttosto che di diminuzione tende ad essere più positivo. Ad esempio la frase "Vorrei che ti facessi crescere le unghie così le tue mani sarebbero più belle" è migliore rispetto a "Vorrei che smettessi di morderti le unghie così le tue mani non sarebbero più così brutte". Inoltre nel compilare la lista, si insegna alle coppie a non rimanere troppo vaghe e generiche utilizzando frasi come "Vorrei che lui/lei diventasse più affettuoso/a e premuroso/a", ma sostituendo queste affermazioni con comportamenti più specifici dicendo per esempio "Dopo cena, invece di chiacchierare per 5/6 minuti, mi piacerebbe che lo facessimo per 15/20 minuti?".

L'intercomunicazione limitata nel tempo

Una terza tecnica utile è l'intercomunicazione limitata nel tempo: la coppia deve fissare almeno 2/3 appuntamenti di mezz'ora la settimana per parlare e scambiarsi comunicazioni. Sono necessarie 5 cose: una stanza tranquilla dove non possono essere disturbati, un cronometro, una matita, un pezzo di carta ed una monetina.

Si lancia la monetina per decidere chi debba parlare per primo. Il cronometro viene fissato su 5 minuti. Durante i primi 5 minuti, chi ha la parola discute di qualsiasi argomento gli/le piaccia. Chi ascolta non deve interrompere. Può prendere nota per chiedere una chiarificazione o ribattere, ma non può fare nessun intervento verbale finché non siano passati i 5 minuti e non suoni il timer. Quando il tempo è passato, colui che ha la parola deve interrompersi immediatamente. A questo punto l'ascoltatore parafrasa il messaggio di colui che ha parlato affinché ci si possa accertare che il messaggio sia stato compreso bene, senza nessun fraintendimento. In una seduta di mezz'ora, ogni persona ha l'opportunità di parlare per almeno due volte. Alla fine della seduta i partner dovrebbero abbracciarsi e lasciar cadere ogni ulteriore discussione sui problemi che sono emersi fino all'appuntamento successivo. Anche quando le cose vanno meglio, alcune coppie riferiscono di utilizzare questa tecnica una o due volte al mese per levarsi alcuni pesi sullo stomaco e per assicurarsi che nessun problema possa marcire sub rosa (nella segretezza).

La proporzione magica

Come disse Gottman (1994) una coppia per essere stabile ha bisogno della "proporzione magica" di 5 a 1: "Fintantoché si verificano 5 volte sentimenti e interazioni positivi tra moglie e marito e una sola volta negativi, abbiamo un matrimonio stabile". Quello che invece non dovrebbe mai esserci sono l'eccessiva prevaricazione, la critica personale, rinvangare il passato, accusare, incolpare, minacciare e imporre ultimatum, perché sono tutte cose destinate a minare e distruggere l'amore e la fiducia che caratterizzano una relazione efficace.

Articolo scritto dal Dott. Alessandro Centini, iscritto all'Ordine degli Psicologi della regione Lazio  

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott. Alessandro Centini

Psicologo Nº iscrizione: 16613

Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, iscritto all'ordine degli psicologi del Lazio (n°16613), svolge la libera professione nel suo studio di Colleferro (RM). Il suo approccio si concentra soprattutto sul disagio che il paziente vive nel presente, nelle sue relazioni e nella sua quotidianità. Il suo intervento è rivolto all'individuo, alla coppia ed alla famiglia.

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia di coppia