Stili di attaccamento attraverso i personaggi di Harry Potter

Per capire meglio gli stili di attaccamento prenderemo in esame tre protagonisti di una meravigliosa storia che ancora oggi affascina grandi e piccini: Harry Potter.

26 APR 2019 · Ultima modifica: 25 APR 2019 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Stili di attaccamento attraverso i personaggi di Harry Potter

La teoria dell'attaccamento è stata ideata da John Bowlby, un medico e psicoanalista inglese, nella prima metà del '900. Il suo obbiettivo era spiegare il legame tra madre e figlio. L'idea di Bowlby era che il bambino svilupasse un certo tipo di attaccamento in relazione al tipo di rapporto che si creava col genitore: un bambino sicuro era portato a scoprire ed esplorare il mondo esterno e a creare relazioni positive, maggiormente rispetto a un bambino con un attaccamento insicuro.

Per capire meglio i tre stili di attaccamento di cui si parla ancora oggi prenderemo in esame tre protagonisti di una meravigliosa storia che ancora oggi affascina grandi e piccini: Harry Potter.

Hermione Granger e lo stile di attaccamento sicuro

Questo pattern o stile di attaccamento si può trovare in bambini che hanno avuto genitori affidabili, stabili, sensibili, responsivi; i bambini con questo stile di attaccamento saranno più socialmente adattati, più competenti in alcune situazioni sociali, ovvero avranno maggiore autostima e fiducia verso il prossimo.

I genitori di Hermione si "percepiscono" poco nella storia: di loro sappiamo che quando la figlia ha ricevuto la lettere di Hogwarts sono sempre stati supportivi nei suoi confronti, riconoscendo la grande opportunità che questa scuola sarebbe stata per la loro figlia, incoraggiandola a scoprire un posto nuovo; ogni anno la accompagnavano a Dragon Alley per l'acquisto dei materiali scolastici. Del rapporto tra Hermione e i suoi genitori sappiamo che la figlia scrive spesso loro lettere dalla scuola, che in alcune occasioni pensa a loro con nostalgia e che il primo pensiero va a loro quando lei diventa prefetto.

Durante il primo incontro con Ron e Harry, mentre i primi due sono intenti a stare da soli e imbarazzati, lei aiuta Ned a trovare il suo rospo perduto, mostrandosi generosa e fiduciosa con chiunque abbia bisogno di una mano, anche durante la scena del Cappello Parlante è serena e fiduciosa, al contrario di Harry e Ron terrorizzati per quello che potrà dire il Cappello.

Anche nelle relazioni amorose si può notare il carattere sicuro di Hermione, per esempio durante il Ballo del Ceppo è chiaro che lei vuole che Ron la inviti, ma è cosi sicura di sé da non aspettare per sempre e da cercare cosi qualcuno che mostri sinceramente un interesse per lei come Victor Krum. Lei conosce bene i suoi sentimenti per Ron ma non è disposta ad essere la "ruota del carro". La relazione inizia solamente quando anche Ron inizia a capire i propri sentimenti per Hermione.

shutterstock-381287275.jpg

Ron Weasley e lo stile di attaccamento ambivalente

Questo stile di attaccamento ha origine in genitori incoerenti, supportivi e amorevoli in alcune situazioni ma assenti e distratti in altre.

Questi bambini crescono con bassa autostima e mancanza di fiducia rispetto al fatto che qualcuno che loro amano possa amarli. Sembrano spaventarsi facilmente, si irritano facilmente quando qualcosa sembra andare storto. Le persone con questo stile di attaccamento hanno un estremo bisogno di vicinanza e attenzione da parte degli altri e, allo stesso tempo, hanno una costante paura di essere rifiutati.

È facile ricordarsi come la famiglia di Ron sia caratterizzata da genitori instabili e distratti: avendo sette bambini la signora Weasley non riesce a concentrarsi su tutti loro, e finisce spesso per rimproverare i suoi figli. Ci ricordiamo tutti la "strillettera" che Ron riceve dopo aver preso la macchina del padre: nessuna parola di supporto ma di sicuro è stato un modo per ottenere tutta l'attenzione del figlio. Non ci sono dubbi che la sig.ra Weasley ami la sua famiglia, anche se è spesso tesa per loro. Per esempio, lei crea maglioni tutti gli anni per i suoi figli, tuttavia non si accorge mai o non si ricorda che Ron odia il colore marrone, che è proprio il colore che lei sceglie per il suo maglione.

La mancanza di attenzione e la qualità del tempo con i propri genitori porta Ron ad essere molto ansioso, cerca l'attenzione ma allo stesso tempo ha paura di essere rifiutato, e spesso si mostra geloso verso gli altri. Il suo più grande obbiettivo è quello di essere il ragazzo più popolare della scuola. Ron è insicuro di se stesso e del fatto che gli altri lo possano amare per quello che è, ha paura di essere rifiutato da Hermione per questo sceglie di invitare al Ballo del Ceppo qualcuno di cui non gli importa veramente.

Un'altro tratto delle persone con attaccamento ambivalente è la loro difficoltà nel portare a termine le relazioni: la paura di rimanere da soli le porta ad allontanarsi senza riuscire ad esprimere i loro veri sentimenti. Nella famiglia Weasley ogni figlio sembra avere questo stile di attaccamento, questo bisogno di attenzione porta Charlie a lavorare con i draghi, Percy ad essere un perfetto prefetto e ragazzo, Fred e George a creare strani e pericolosi scherzi e Ginny a diventare la ragazza più popolare della scuola.

shutterstock-1107356717.jpg

Harry Potter e lo stile di attaccamento evitante

I bambini evitanti sono spesso trattati come stranieri dai loro genitori e viceversa, non si stressano quando i parenti si allontanano e spesso si sentono più rilassati. Quando i genitori di Harry vengono uccisi lui ha solo un anno e va a vivere con gli zii e il cugino; questi non lo accoglieranno mai veramente nella loro famiglia, al contrario, concentreranno tutte le loro attenzioni verso il loro unico figlio.

Harry sentirà per tutta la sua infanzia di non essere amato e penserà che gli altri sono poco affidabili. Questa mancanza di fiducia in sé e nelle proprie capacità lo accompagnerà per tutta la vita. Durante la cerimonia del cappello è terrorizzato dall'idea che il capello non scelga per lui nessuna casa e che per questo debba tornare dai Dudley. Nonostante tutti i successi che raggiungerà negli anni, continuerà a non avere fiducia in sé e negli altri, si sentirà spesso abbandonato dagli amici e vorrà fare tutto da solo. Un'altra caratteristica delle persone evitanti è che le emozioni provate sono spesso negative, tendono a scagliarsi contro gli altri e a punirsi; spesso durante le vacanze Harry pensa che i suoi amici lo vogliano lasciare da solo per divertirsi insieme, è ossessionato quindi da pensieri negativi nei loro confronti.

Un'altra caratteristica tipica è la tendenza all'isolamento: Harry cerca di evitare di farsi amici perchè ha paura che questi poi lo tradiranno e lo lasceranno, sappiamo però che alla fine Ron e Hermione gli sono sempre stati vicini nonostante in diverse occasioni lui abbia provato ad allontanarli. Anche nelle relazioni d'amore Harry mostra di avere forti difficoltà ad esprimere emozioni positive: anche quando riuscirà ad esprimere il suo amore per Ginny finirà per dirle che non possono stare insieme perchè lui deve concentrarsi su Voldemort senza pensare a lei.

Sappiamo però come andrà a finire, grazie a Ginny e alle persone che gli staranno vicino Harry riuscirà a crearsi una famiglia e un bel gruppo di amici leali.

Biografia

  • "Attachment Styles at Hogwarts", Wind Goodfriend
  • "Attaccamento e costruzione evoluzionistica della mente. Normalità, patologia, terapia", Grazia Attili

Articolo scritto dalla dottoressa Guendalina Giurso, iscritta all'Ordine degli Psicologi della Lombardia.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Guendalina Giurso

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

1 Commenti
  • Samuele

    O non avete letto i libri, e quindi è molto sbagliato scrivere un articolo su ciò che non si conosce, oppure avete distorto di proposito la realtà della storia per adattarla a queste teorie, cosa ancora più sbagliata.

ultimi articoli su autorealizzazione e orientamiento personale