Società in crisi…coppia in crisi!

Esiste un legame tra la società in crisi e la coppia in crisi?

21 GEN 2019 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Società in crisi…coppia in crisi!

Sempre più frequentemente le coppie imboccano oggi la strada della separazione: in Friuli Venezia-Giulia, la regione in cui vivo, secondo le statistiche, una coppia su tre si separa e questa è una delle percentuali più alte fra le regioni italiane.

La realtà sociale che ci circonda, fatta di tensioni collettive sempre più laceranti e trasformazioni epocali, dello scadere dei valori, quali la solidarietà e l’auto-mutuo aiuto non più solidi come un tempo, della fatica di vivere tra un lavoro che viene a mancare e l’accudimento dei figli secondo ritmi sempre più serrati, mette a dura prova la tenuta di una coppia.

Esistono delle spinte che provengono dal mondo esterno, a cui la coppia non può sottrarsi: fuori dalle mura domestiche, come dentro di esse, prevale un modello di relazione umana governata dalla contrapposizione dell’uno contro l’altro, piuttosto che ispirata all’integrazione dei reciproci bisogni.

Con il presente articolo, intendo proporre e mettere in luce un cambiamento sostanziale di modello teorico, di lente di ingrandimento, attraverso cui guardare alla coppia: quello dell’integrazione tra le diverse parti, che compongono l’individuo, come pure l’integrazione tra le diverse istanze rivendicate dai due componenti la coppia.

I conflitti potrebbero essere composti garantendosi reciprocamente un completo, ma anche solo parziale, soddisfacimento dei rispettivi bisogni emotivi. Il venirsi incontro l’un l’altro alle aspettative di entrambi favorirebbe l’uscire dal proprio egocentrismo e l’identificazione con l’altro, il dialogo costruttivo, permettendo, così, l’abbandono dell’arida e vana contrapposizione.

Anche qualora la coppia giungesse alla conclusione di separarsi, lo scoglio della separazione potrebbe essere affrontato e superato in un clima più disteso di reciproco rispetto, con netto beneficio sia a favore dei figli, sia a favore della salute dei due ex coniugi stessi.

Il concetto di “integrazione” viene desunto dalla psicologia ad indirizzo transpersonale. Tra i suoi esponenti cito, primo fra tutti, Carl Gustav Jung, poi Abraham Maslow  e in Italia Roberto Assagioli.

In relazione alla mia esperienza clinica, reputo tale concetto ed il suo approccio teorico di riferimento come del tutto efficace nell’affiancare, attraverso un percorso di psicoterapia, coppie che si trovino ad affrontare una fase conflittuale.

Bibliografia

  • Roberto Assagioli, Lo sviluppo transpersonale, Astrolabio, Roma, 1988.
  • Martin Buber, Il cammino dell'uomo, Edizioni Qiqaion, Comunità di Bose, Magnano (VC), 1990.
  • Piero Ferrucci, Esperienze delle vette, Astrolabio, Roma, 1989.
  • Abraham Maslow, Verso una psicologia dell'essere, Astrolabio, Roma, 1971.
  • Pier Luigi Lattuada, L'arte medica della guarigione interiore, Franco Angeli, Milano, 2008.
  • Pier Luigi Lattuada, Biotransenergetica, ITI edizioni, Milano, 2012.

Articolo scritto dalla Dott.ssa Annalisa Tirelli, iscritta all'Ordine degli Psicologi della regione Friuli Venezia Giulia

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Annalisa Tirelli

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia di coppia