Se la coppia si separa cosa succede alla famiglia?

Saper distinguere tra coppia coniugale e coppia genitoriale. Riuscire a rimanere genitori andando oltre alle difficoltà della rottura della coppia.

16 MAR 2015 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Se la coppia si separa cosa succede alla famiglia?

Una coppia senza figli, quando si separa, di solito tende a chiudere in maniera definitiva tutte le relazioni che riguardano la famiglia dell'ex coniuge, in modo da chiudere un capitolo della vita e avere la possibilità di aprirne uno nuovo.

Per una coppia con figli è diverso, poiché anche se la coppia coniugale si separa, continua a esistere la coppia genitoriale: si può smettere di amarsi, ma non si può smettere di essere genitori. Per il bambino, la famiglia, anche da divisa, continua a essere tale, pur con caratteristiche diverse.

Perché tutto questo possa realizzarsi, è importante che il periodo della separazione non sia vissuto come una guerra con vincitori e vinti, dove molto spesso sono i figli a subire i torti maggiori, ma che tutto sia gestito in una logica collaborativa con lo scopo di trovare le soluzioni migliori, sia per l'equilibrio dei due ormai ex coniugi, ma soprattutto per cercare di garantire al figlio la sicurezza di due genitori che fungano da supporto e sostegno.

Non c'è fretta

Troppo spesso i familiari vogliono un aiuto esterno, rapido e definitivo, e per questo si rivolgono alla legge, ma tutto ciò sminuisce il valore di un legame che fino a quel momento ha caratterizzato la coppia. Diventa quindi fondamentale analizzare la domanda degli ex coniugi più profondamente senza tralasciare i vissuti e le emozioni, cioè la parte più nascosta e meno esplicita che sta dietro alla scelta della separazione.

Non bisogna dimenticare che "separarsi" significa separarsi rispetto ai legami, dividersi, distaccarsi e una rottura porterà sempre dolore, rabbia, delusione e frustrazione.

Ma quando la coppia finisce, la famiglia può continuare

Effettuare questa transizione è sicuramente un lavoro difficile e lungo, e ritengo fondamentale l'utilizzo di interventi come la Mediazione Familiare che possano aiutare i due partner a concentrare le energie non per farsi la guerra, ma per cercare di salvare una parte del legame, che soprattutto in presenza di figli, li terrà sempre uniti. Un legame che si modifica, che cambia i suoi confini, che implica una perdita di un compagno, di un amore, di un futuro insieme, ma sicuramente non comporta la cancellazione di tutto ciò che è stato.

È per la coppia un lavoro complesso e faticoso da effettuare, un vero divorzio psichico che da una parte comporta il separarsi come marito e moglie, ma dall'altra significa continuare a essere padre e madre.

La Consulenza e la Mediazione Familiare rivestono un ruolo importante nell'aiutare quindi i membri di una coppia in crisi a cogliere i vari aspetti della loro storia, ponendo l'accento sulle relazioni e i vissuti emotivi, e impostando un percorso che permetta di mantenere una genitorialità condivisa che aiuti ad affrontare il cambiamento familiare tenendo conto delle necessità specifiche del partner e dei figli.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Maria Giovanna Giannini

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia familiare