Test: Scopri che tipo di persona sei

Non esistono persone negative o positive in assoluto, ma soltanto maniere diverse di vedere e di affrontare la vita.

17 MAG 2019 · Ultima modifica: 11 SET 2020 · Tempo di lettura: min.
Test: Scopri che tipo di persona sei

Che tipo di persona sei?

Che tipo di persona sei? Sei una persona positiva o negativa? Scoprilo facendo il nostro test!

Sei una persona positiva o negativa? Scoprilo facendo il nostro test!

 

 

Il nostro comportamento viene influenzato da una grande quantità di elementi. In particolar modo, l’educazione che riceviamo durante l’infanzia e l’esperienza formano il carattere che ci accompagna nel corso della nostra vita, anche se ciò non vuol dire assolutamente che non possiamo cambiarlo, se abbiamo la volontà di farlo.

Una delle classificazioni più comuni è quella che facciamo fra persone negative e positive.

Quali sono le principali differenze tra le persone negative e le persone positive?

Le persone negative sono quelle che si sentono spesso poco contente, si lamentano in continuazione. Una delle principali conseguenze è quella di demoralizzare sia se stesse che gli altri. Nessuna situazione, nella vita delle persone negative, è abbastanza soddisfacente. Non si tratta di una negatività che serve ad adattarsi all’ambiente circostante, quanto più una negatività tossica che porta gli individui a essere sempre pessimisti. Ecco alcune delle caratteristiche principali delle persone negative:

  • si concentrano su ciò che è successo nel passato, su quegli eventi che non si possono cambiare;
  • utilizzano il linguaggio “autodistruttivo”;
  • si arrendono immediatamente quando appaiono i primi ostacoli;
  • fanno costantemente comparazioni negative;
  • hanno paura del fallimento.

Le persone positive, invece, sono quelle che utilizzano un punto di vista positivo nella vita di tutti i giorni che le porta a essere ottimiste. Al contrario di quelle negative, riescono sempre a vedere il “bicchiere mezzo pieno”, per cui riescono a godersi con più calma e soddisfazione tutte le situazioni che si presentano. Questa positività “contagia” le altre persone che circondano questi individui, migliorando l’ambiente circostante. Alcune delle caratteristiche principali delle persone positive sono:

  • si lasciano il passato alle spalle;
  • cercano di superare i propri limiti;
  • non danno la colpa agli altri di quello che non va nella loro vita;
  • affrontano le critiche in maniera positiva.

Ovviamente, questa classificazione non è altro che una semplificazione. Non esistono persone negative o positive in assoluto ma maniere diverse di vedere e di affrontare la vita. La negatività non è un “marchio a vita”: con impegno, è possibile cambiare il proprio punto di vista e trasformarsi in una persona più positiva.

Qualche consiglio per ridurre la negatività

Quando tendiamo a ripetere un comportamento in continuazione, ciò che accade è che si trasforma in un procedimento abituale per il nostro cervello. Se siamo costantemente negativi, infatti, staremo creando una realtà in cui tutto tende a essere negativo. Ecco alcuni consigli per poter ridurre la propria negatività:

  • per poter spezzare questo circolo vizioso è necessario rendersi conto dei pensieri negativi;
  • ricordare costantemente il passato è una delle peggiori abitudini delle persone negative, per questo è necessario concentrarsi sul momento presente;
  • sorridere spesso è un ottimo rimedio per combattere il pessimismo;
  • iscriversi a un corso di meditazione, yoga o mindfulness aiuta a ridurre lo stress;
  • fare sport aiuta ad avere un atteggiamento positivo;
  • imparare a godersi i piccoli momenti felici della vita, senza pensare al passato o al futuro;
  • circondarsi di persone positive;
  • evitare le comparazioni e di dare la colpa agli altri;
  • uscire dalla propria zona di comfort;
  • accettare le critiche e smettere di giudicare costantemente gli altri.

test che tipo di persona sei

Persone negative e tossiche

L’epoca in cui viviamo è caratterizzata da un’alto livello di tossicità a cause soprattutto delle incertezze e della mancanza di stabilità della vita quotidiana in tutte le sfere della nostra vita, da quella affettiva a quella interiore o lavorativa. Per questo è importante imparare sia riconoscere le persone tossiche ed allontanarle dalla nostra vita, ma anche imparare a non trasformarci noi stessi in persone tossiche. Le persone tossiche come abbiamo visto non sono persone che semplicemente stanno attraversando un momento difficile, ma sono persone che assumono comportamenti tesi a danneggiare gli altri e loro stessi, per traumi o caratteristiche irrisolte (come la bassa autostima, l’insoddisfazione, la mancanza di affetto, etc).

Per questo se sentite che qualcuno intorno a voi vi sta togliendo energie e apportando malessere, o vi rendete conto che siete voi a comportarvi in maniera tossica e state diventando quel tipo di persona, non abbiate paura a chiedere aiuto a un familiare e a un terapista, per analizzare e sbrogliare i vostri pensieri negativi e portarvi verso comportamenti più costruttivi e positivi.

E se sei  un tipo realista?

Ed eccoci arrivati a parlare delle persone realiste. Vedere anche il lato negativo delle cose fa parte della nostra evoluzione! Significa, infatti, prevedere le conseguenze negative che possono scaturire da un nostro comportamento o dalle varie situazioni. Per questo, le persone effettivamente realiste cercano di valutare attentamente gli eventi, basandosi su fatti reali. Ciò vuol dire che, al contrario delle persone negative, non si aspettano che tutto vada male, semplicemente sono in grado di affrontare l’eventualità che una determinata situazione possa andare in maniera positiva o negativa, senza però essere pessimiste e godendosi il momento.  

La caratteristica più distintiva delle persone realiste è che, normalmente, non anticipano giudizi di valore mantenendo dunque una posizione più neutrale. Non solo si preparano mentalmente per ciò che potrebbe andar male, ma si preparano anche a godere di ciò che potrebbe andar bene, in entrambi i casi tenendo conto dei fatti obiettivi. Sono quindi capaci di prepararsi a qualsiasi tipo di risultato, sia che si tratti di un successo sia che si tratti di un fallimento.

tipo di persona positiva

Essere una persona positiva e come diventarlo

Le persone positive sono persone che cercano di affrontare la loro vita con una forte dose di ottimismo e motivazione. Non sono persone che sono sempre felici né che non si crucciano dei pensieri della vita o che non hanno problemi, ma sono persone che cercano di affrontarli e superare le avversità della vita da un altro punto di vista.

Risolvere i conflitti, trovare la motivazione, superare le paure, migliorare sé stessi e condividere con gli altri la propria energia, sono caratteristiche di una persona positiva. Se vi ritrovate in questa descrizione, o se avete amici o famigliari che vi sembrano così, lasciatevi travolgete da questa ondata di ottimismo per provare a guardare il mondo con altri occhi.

Caratteristiche delle persone positive

Ma quali sono le caratteristiche delle persone positive? Alcuni tratti comportamentali delle persone positive sono:

  • Sono responsabili della loro felicità. Le persone positive sanno che la felicità è prima di tutto un processo interiore e che occorre una certa predisposizione d’animo per essere felici. Per questo non incolpano l’ambiente esterno o gli altri o la sfortuna per quello che succede, ma cercano di vivere e superare gli ostacoli, cercando soluzioni.
  • Vivono le emozioni, dolore compreso, cercando di affrontarle, elaborarle e superarle. Ovviamente i periodi bui, il dolore e le esperienze negative capitano a tutti, ma è importante viverle, elaborarle e lasciarle andare, senza reprimere ciò che si sente o al contrario far finta di niente. L’intelligenza emotiva e l’esperienza ci possono aiutare molto a vivere bene le nostre emozioni, sia belle che brutte.
  • Le persone positive hanno fiducia in loro stesse. Non è facile avere una buona autostima e volersi bene, ma si può imparare attraverso un percorso di crescita, amore e riflessione. Essere responsabili delle proprie scelte e di sé stessi ci può aiutare a vivere meglio, e a credere in progetti che magari tutti gli altri criticano, ma che per noi sono vitali e ci possono fare vivere meglio.
  • La natura e l’esercizio fisico portano benessere. Uno studio realizzato dai ricercatori dell’Università di Exter ha mostrato come le persone che vivono vicine al mare  godono di  una qualità di  vita migliore, con maggiore benessere fisico e mentale e felicità. Questo è un esempio per dire che il contatto con la natura, insieme all’esercizio fisico, ci porta benessere (in particolare l'esercizio  fisico attiva gli ormoni del benessere).
  • Si assumono le proprie responsabilità. Assumersi la responsabilità dei propri errori (ma anche dei propri successi) è sintomo di un buon rapporto con gli altri e con sé stessi. Al contrario, come abbiamo visto in altri articoli che parlano di persone tossiche o nevrosi o disturbi la deresponsabilizzazione è uno dei punti in comune a questo tipo di responsabilità (per esempio è una caratteristica del narcisista perverso).
  • Non cercano approvazione o riconoscimento dagli altri. Le persone positive come abbiamo visto, tendono ad essere persone abbastanza sicure di sé stesse (o per lo meno si impegnano per esserlo) e pertanto non hanno bisogno del riconoscimento o dell’approvazione degli altri, per le loro scelte o le loro idee.
  • Soluzioni, non problemi. Le persone positive cercano di avere un punto di vista sulle cose che tende alla soluzione dei problemi, e non alla complicazione.
  • Evitano situazioni e persone negative. Le persone positive hanno imparato a dire no e lasciare andare situazioni o persone nocive per loro. Il nostro ambiente e le relazioni influiscono sul nostro stato d’animo: circondarci di persone che trattano bene e ci fanno bene è un punto importante.

come diventare più  positivi

Diventare più positivi

Come fare per diventare più positivi e affrontare la vita da un altro punto di vista? Vi piacerebbe di diventare un tipo di persona più positivo? Molti studi hanno dimostrato come pensare positivamente possa aiutare a gestire l’ansia e lo stress e porti anche benefici fisici, come capacità di recupero migliore dalla malattie, migliore salute fisica e mentale, livelli di energia più alti e… meno raffreddori!

Ovviamente non ci sono ricette magiche per cambiare in un secondo il nostro modo di pensare, però alcune modi di fare possono aiutarci ad eliminare cattive abitudini e prendere la vita con più energia. Vediamone alcuni.

  • Obiettivi a breve termine. Cercate di porvi degli obiettivi a breve termine che vi stimolino o vi motivino. Non devono essere per forza grandi cose, possono essere passatempi, un viaggio, un corso, un incontro con le vostre amiche, qualsiasi cosa che vi piaccia e vi porti soddisfazione. In questo modo riuscirete a svegliarvi la mattina con più energia ed emozione. Questo non vuol dire che non ci saranno obblighi e noie quotidiane da risolvere, ma sapendo che c’è qualcosa che vi piace che vi aspetta, potrete viverle in una maniera più leggera.
  • Obiettivi a lungo termine: si o no? Ovviamente è importante avere obiettivi anche a lungo termine, rispetto a quello che vogliamo fare e diventare: in questo senso una capacita fondamentale che dobbiamo allenare è quella di prendere scelte e decisioni e portare avanti anche progetti che durano anni (un lavoro, gli studi, una relazione, un trasferimento, …) pero è importante non lasciarsi sopraffare: una volta che la scelta è stata presa bisogna focalizzarsi sul presente, cercando di vivere quello che stiamo facendo senza proiettarci troppo nel futuro, perché sennò corriamo il rischio di farci prendere dall’ansia. Anche in questo senso, possiamo pensare di intercalare a obiettivi a lungo termine, alcuni obiettivi a corto termine che ci rendano più piacevole e meno stressante i nostri impegni.
  • Festeggiare anche i successi più piccoli. Sempre relazionato ai due punti precedenti è quello di festeggiare ogni successo ed essere soddisfatti anche delle piccole cose. Se aspettiamo di essere felici solo quando si avverano i nostri grandi sogni, rischiamo di aspettare molto tempo e di sentirci frustrati. Invece ogni giorno può essere una conquista e possiamo imparare a godere delle cose belle della vita. 
  • Imparare a dare. Aiutare chi ha bisogno, essere generosi, partecipare alla vita sociale o comunitaria, sono atteggiamenti che vi possono fare capire come dare in modo incondizionato e partecipare rendono le persone più positive. 
  • Sorridere. Ridere aiuta a sentirsi meglio e crea buona energia. Sorridere alle persone che incontrate, scambiare due battute con un collega o un amico, danno un senso al momento che stiamo vivendo e cambiano l’energia dell’ambiente. Anche se può sembrare un consiglio banale, provate a sforzarvi di sorridere un po’ di più, vi sorprenderete dell’effetto che ha sulla gente e su di voi.
  • Vivere il presente. Come abbiamo visto anche in altri post sulle persone tossiche e negative, chi vive nel passato tende ad avere un atteggiamento malinconico e negativo nei confronti del presente, perché non sarà mai all’altezza di ciò che è stato. Quindi cercate di vivere il presente e abbracciate il passato come qualcosa di voi che amate, ma che è giunto il momento di lasciare andare. Come diceva Gabriel Garcia Marquez: “Non piangere perché qualcosa finisce. Sorridi perché è accaduta.”
  • Non lasciare che la paura vi immobilizzi: se vi lasciate sopraffare dalla paura per non correre il rischio di sbagliare o di essere feriti, correte il rischio di rimanere immobili e non vivere più. Affrontate le vostre paura poco a poco, concedetevi il rischio di sbagliare e soprattutto ricordatevi che sono veramente poche le scelte nella vita che sono definitive. Molto spesso c’è sempre un margine in cui possiamo rivedere i nostri progetti o pensieri. Quindi lasciatevi andare, usando la testa e il cuore, per provare nuove possibilità ed esperienze.

carattere e personalità

Temperamento, carattere personalità

In psicologia si tende a differenziare i tratti di una persona in tre tipologie: temperamento, carattere e personalità. Vediamoli più da vicino. Secondo la teoria bio-psicosociale, di cui uno degli esponenti è Cloninger, la personalità sarebbe la somma del temperamento e del carattere, dove il temperamento è dato da una base biologica e rappresenta la spinta ad agire in modi diversi, mentre il carattere è dato dalle interazioni della persona con l’ambiente. Il temperamento pertanto è presente già alla nascita ed è stabile durante tutta la vita, mentre il carattere dipende fortemente dalla influenze che l’ambiente e le relazioni hanno sull’infanzia e sullo sviluppo del bambino. La personalità secondo Cloninger è pertanto qualcosa di dinamico nell’arco di una vita di una persona.

Da un punto di vista scientifico la personalità viene analizzata secondo due punti di vista: la struttura e la dinamica della personalità.

Dal punto di vista della struttura della personalità si prendono in considerazione i tratti della personalità come evidenza di come si manifesta. Un tratto è una disposizione ad agire in un dato modo, indipendentemente dal variare dei contesti o delle situazioni, ovvero una caratteristica che compare sempre in una maniera uniforme. Molte teorie hanno cercato di spiegare i numerosi tratti esistenti di personalità e la loro origine.

La dinamica della personalità invece fa riferimento alla parte dinamica appunto: ossia come l’individuo rispecchi su sé stesso l’interagire con l’ambiente che lo circonda per raggiungere determinati scopi. In questo senso fa riferimento alla costruzione dell’identità e a quelle caratteristiche che permettono all’individuo di adattarsi alle situazione e soddisfare i suoi bisogni.

Non solo positivo e negativo: le mille caratteristiche della personalità

All’interno della teoria dei tratti della personalità, troviamo il Myers Briggs Type Indicator (MBTI) uno strumento utilizzato dai professionisti della psicologia che aiuta ad individuare alcuni tratti della personalità dell’individuo e che incrociandoli suggerisce 16 tipi di personalitàLa personalità è quindi il risultato di diverse componenti e contesti e puòvariare a seconda della nostra biologia ed esperienza.  Pertanto il tipo di persona che  abbiamo analizzato in questo test è solo una sfacettatura dei diversi tratti della personalità che può avere una praona.

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Bibliografia

  • https://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/stress-management/in-depth/positive-thinking/art-20043950
  • https://libraryguides.mayo.edu/c.php?g=280317&p=1867087
  • https://www.healthline.com/health/how-to-think-positive
  • https://www.exeter.ac.uk/news/university/title_806076_en.html
  • https://en.wikipedia.org/wiki/C._Robert_Cloninger

Lascia un commento

ultimi articoli su autorealizzazione e orientamiento personale