Quando andare dal dentista fa paura

Odontofobia: la paura del dentista. Per alcune persone può essere così intensa da bloccare qualsiasi cura odontoiatrica, con evidenti effetti negativi sulla salute. Come superarla?

22 GEN 2018 · Tempo di lettura: min.
Quando andare dal dentista fa paura

Per alcune persone andare dal dentista può essere un fattore di notevole stress. A volte la paurapuò essere talmente forte da impedire qualsiasi trattamento odontoiatrico, in questi casi si parla allora di "odontofobia".

Chi soffre di odontofobia tende a rimandare continuamente le visite dal dentista, solitamente usa l'automedicazione per cercare sollievo e spesso preferisce il dolore e i fastidi associati pur di evitare la visita odontoiatrica. Si tratta di una paura piuttosto diffusa che può colpire sia adulti che bambini.

Quali sono le cause?

A volte ci possono essere state delle esperienze traumatiche in passato che hanno scatenato la paura verso le successive visite odontoiatriche. In altri casi invece la persona è stata influenzata da condizionamenti esterni come ad esempio racconti di episodi dolorosi o traumatici accaduti ad altri o giudizi negativi.

E' importantissimo tenere conto della singolarità di ogni paziente, infatti i timori associati alla visita dentistica possono essere diversi da persona a persona: sentire dolore, ago o anestesia, paura del sangue o possibili contagi, paura di svenire ecc..

La paura del dentista può essere superata attraverso tecniche molto efficaci.

E' fondamentale che il medico instauri un rapporto di fiducia con il paziente che deve sentirsi compreso grazie ad un clima empatico e accettante, per questo è bene rivolgersi ad un dentista di fiducia che conosca il problema.

E' possibile programmare con il medico degli appuntamenti a difficoltà graduale, da incontri molto brevi e poco invasivi per arrivare via via a quelli più complessi; in questo modo il paziente acquisterà maggiore fiducia e dimestichezza.

Può essere molto utile imparare delle tecniche di rilassamento da utilizzare prima delle sedute odontoiatriche così da favorire lo stato di benessere.

Una tecnica molto usata è quella della desensibilizzazione sistematica, efficace per la cura degli stati ansiosi associati alle fobie e quindi adatta anche nel caso dell'odontofobia.

Con i bambini è importante avere delle accortezze particolari.

L'atteggiamento dei genitori ad esempio è fondamentale: la mamma e il papà non devono mai sommare la propria ansia e preoccupazione a quella dei bambini, anzi è importante mostrarsi comprensivi ma fermi.

Bisogna evitare assolutamente di associare la figura del dentista ad una punizione, ad esempio dicendo al bambino che se non si comporta bene lo si porterà dal dentista; proporre invece esempi positivi e motivanti, come il medico che aiuta ad avere un sorriso più bello e a stare bene.

L'incontro con il dentista dovrà basarsi su prevedibilità e gioco: il medico allora può mostrare al piccolo la stanza con la poltrona e spiegare con parole molto semplici in cosa consiste la visita odontoiatrica, stimolando la curiosità grazie ad un approccio ludico e coinvolgente.

Scritto da

Dott.ssa Nicoletta Agozzino

Lascia un commento

ultimi articoli su fobie