Quali sono gli effetti delle nuove tecnologie sul cervello?

Computer, tablet e smartphone ci permettono di essere sempre connessi con il mondo e di avere accesso a un numero impressionante di informazioni.

8 feb 2018 Crescita personale - Tempo di lettura: min.

psicologi

"Una nuova tecnologia tende a favorire alcuni gruppi di persone e danneggia altri gruppi. Gli insegnanti delle scuole, per esempio, saranno, a lungo andare, resi obsoleti dalla televisione, come i maniscalchi furono resi obsoleti dalle automobili, come i cantastorie furono resi obsoleti dalle macchine da stampa. Il cambiamento tecnologico, in altre parole, produce sempre vincitori e perdenti", Neil Postman.

L'invenzione di internet ha cambiato profondamente la vita di ciascuno di noi. La creazione di diversi dispositivi, computer, tablet e smartphone, ci permette di essere sempre connessi con il mondo e di avere accesso a un numero impressionante di informazioni. Le nuove tecnologie facilitano enormemente la nostra vita, dalla possibilità di poter comunicare con persone di tutte le parti del mondo fino ad aiutarci nelle nostre attività quotidiane. Siamo sempre più esperti nel cercare sul web ciò di cui abbiamo bisogno.

Questo supporto consistente alle nostre attività, ovviamente, ha delle grandi conseguenze sul nostro modo di vivere. Si tratta di cambiamenti sia positivi che negativi.

Se da un lato le nuove tecnologie ci aiutano in molti compiti, dall'altro causano la perdita di alcune abilità che abbiamo sviluppato nel corso dei secoli. Lasciamo, infatti, che i nostri smartphone o i nostri computer facciano una parte del nostro lavoro. Quali conseguenze ha l'uso delle nuove tecnologie sul nostro cervello?

Appuntamenti, numeri di telefono, informazioni, sono tutti contenuti nei nostri apparati elettronici e ci permettono di poter dimenticare molte nozioni o cose da fare, visto che si trovano a portata di click. Le agende o gli appunti sono diventati piuttosto obsoleti e scriviamo a mano sempre meno. Ciò non ci dà la possibilità di continuare a mantenere allenata la nostra memoria.

Se non ricordiamo qualcosa, possiamo semplicemente cercarla su un motore di ricerca.

In più, siamo così tanto esposti a una marea di informazioni che tendiamo a dimenticare più facilmente ciò che abbiamo letto qualche minuto primo. Il nostro cervello viene bombardato costantemente da immagini, testi e pubblicità e la nostra attenzione è sempre più fragile.

Le reti sociali sono sempre al centro del dibattito negli ultimi anni. La possibilità di essere sempre online in molti casi ci rende quasi dipendenti dai social network. Chat, like, foto e commenti sono la normalità nelle giornate della maggior parte delle persone. Grazie alla loro immediatezza, le reti sociali stanno cambiando il modo di comunicare e di rapportarsi agli altri.

Attraverso le nuove tecnologie, inoltre, è possibile fare ovunque una partita ai nostri videogiochi preferiti. Questa possibilità ci permette di alienarci completamente dall'ambiente circostante, anche se i videogiochi possono avere dei benefici per la vista periferica dal momento che ci obbligano a fare attenzione a tutto lo schermo e ai dettagli. Nei casi più estremi, però, si può sviluppare una vera e propria dipendenza dai videogiochi così come da altri strumenti che ci mettono a disposizione le nuove tecnologie, come nel caso dei social network.

Pur sembrandoci la normalità, le nuove tecnologie sono relativamente recenti e sono in continua evoluzione. Nei prossimi anni sarà necessario eseguire sempre più studi sulle conseguenze che questi strumenti hanno sul nostro cervello e sul nostro modo di comportarci, sia in termini di vantaggi che di svantaggi.

Stai sperimentando qualche tipo di dipendenza dai dispositivi elettronici? Consulta il nostro elenco di professionisti specializzati.

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos

Commenti (1)

Articoli correlati