Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Psicologia della Bellezza

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Come ritrovare la "bellezza" nella vita di tutti i giorni: cos'è la Psicologia della Bellezza, in cosa consiste, a cosa porta, chi può rivolgersi.

15 SET 2016 · Tempo di lettura: min.
Psicologia della Bellezza

Psicologia della Bellezza, come ritrovare la "bellezza" nella vita di tutti i giorni.

A chi non è mai capitato di passare una brutta giornata? Caratterizzata, ad esempio, da tristezza, stress e delusione. Spesso accompagnata dall'occuparsi di altri o altro, rispetto a sé stessi.

E come abbiamo reagito a questa brutta giornata? Spesso ci si "consola" attaccandosi al frigorifero oppure alla televisione. Oppure, frustrati, trattando male chiunque si avvicini a noi in questo brutto momento. Tali reazioni rappresentano tuttavia la giusta soluzione?

Queste riflessioni creano i presupposti della Psicologia della Bellezza.

Cos'è la Psicologia della Bellezza? Questo nuovo approccio della Psicologia si basa sul fatto che la Bellezza rappresenta un linguaggio universale, comprensibile e apprezzabile da chiunque, capace di suscitare emozioni profonde e farci riflettere. Permette, inoltre, di concentrarci sul momento presente e su noi stessi, distraendoci dalle bruttezze della quotidianità. A chi non è capitato, infatti di essere rapiti di fronte ad un piccolo o grande spettacolo della natura, ad esempio un fiore o un tramonto? Quali emozioni riesce a suscitarci un'opera d'arte? Come si spiega sennò il successo della moda?

In cosa consiste

Lo Psicologo che utilizza questo nuovo approccio propone percorsi individuali e personalizzati mirati innanzitutto all'apprezzare le "cose belle" che già abbiamo delle quali però spesso non siamo consapevoli poiché offuscati da altro (ad esempio, emozioni e pensieri negativi). L'obiettivo successivo consisterà nel diffondere la Bellezza nella vita di tutti i giorni, nei diversi settori (individuale, familiare, sociale e professionale), anche in quelli momentaneamente più brutti.

A cosa porta

Grazie alla maggiore consapevolezza di sé stessi e delle proprie esigenze, risulterà più facile e gratificante prendersi cura della propria persona. Inoltre, il percorso porta ad un miglioramento dell'aspetto esteriore, finalmente coerente con la personalità e lo stile di vita individuale. Alla conclusione del percorso sarà possibile quindi ammirare la Bellezza nella propria persona e quotidianità, rilevando miglioramenti nel proprio benessere psico-fisico, nelle relazioni interpersonali e nella professione.

Chi può rivolgersi

Tutte le persone che desiderano rendere più bella la propria vita, cambiando modo di affrontarla. In particolare, si rivolge a persone con disordini alimentari, che desiderano eliminare la cattiva abitudine di saltare i pasti oppure sovra-alimentarsi quando passano un brutto momento oppure a persone con depressione, che "vedono" brutta la loro la vita.

Scritto da

Dott.ssa Isabella Brega

Lascia un commento

ultimi articoli su autorealizzazione e orientamiento personale