Pensieri automatici negativi

Sappiamo davvero cos'è un pensiero negativo in quanto tale? Questo articolo parla del pensiero negativo automatico, come rilevarlo e cosa farne.

5 NOV 2019 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Pensieri automatici negativi

I pensieri sono il modo in cui dobbiamo dialogare con noi stessi e interagire costantemente con il mondo esterno. I pensieri in sé non sono altro che eventi cerebrali che interpretiamo come informazioni, quindi il significato di ogni pensiero è determinato dall'interpretazione che ne facciamo.

Possiamo parlare di 2 tipi di pensieri, razionali e irrazionali.

Quando parliamo di pensieri razionali stiamo parlando di pensieri basati sulla logica, che hanno una rappresentazione nella realtà e che ci consentono di verificare la loro veridicità attraverso prove oggettive. In altre parole sono pensieri che, dal punto di vista dell'adattamento, ci consentono di valutare e agire in modo funzionale e adattivo all'ambiente. Hanno una funzione e un'utilità.

Ma che dire dei pensieri irrazionali? Beh, i pensieri irrazionali sono un'altra cosa, poiché sono pensieri che ci limitano nella vita, poiché assorbono energia e ci fanno interpretare la realtà in modo errato, deformandola e dando un significato non adeguato, il che comporta un carico emotivo negativo che si traduce in comportamenti che non ci portano benefici, ma piuttosto il contrario.

I pensieri automatici, irrazionali e negativi, sono quelli che appaiono nella nostra mente senza che possiamo fare nulla per impedirne l'arrivo. Sono automatici e involontari. Spesso compaiono sotto forma di immagini negative che presentano situazioni catastrofiche. In breve, sono pensieri che appaiono spontaneamente e rimangono nella mente inviandoci messaggi negativi, impegnativi e molto dannosi. Ad esempio, sarebbero pensieri come "Non mi piacerà mai nessuno", "Non troverò lavoro perché sono inutile", "Tutti ridono di me", "Sono inutile", "Sono una persona cattiva" ....

Come possiamo vedere, sono messaggi molto negativi e limitanti, poiché uno dei maggiori problemi che questo tipo di pensiero provoca è che il soggetto gli crede nel momento in cui appare. Ciò significa che non lo mettiamo in discussione, non ne dubitiamo, ma ci crediamo e questo ci fa identificare con il contenuto del pensiero e lo incorporiamo nel nostro modo di essere, dunque inizia a far parte di noi perché abbiamo imparato a interpretare tutto sotto l'influenza di quei messaggi.

Da un punto di vista psicologico questo argomento è trattato da diverse prospettive. Uno di questi, quello cognitivo, postula che non sono le situazioni in cui viviamo o gli eventi che ci accadono a generare i diversi stati emotivi, ma il modo in cui interpretiamo gli eventi. Molte persone possono vivere lo stesso evento in modi totalmente diversi.

Ciò significa che non tutti avranno la stessa reazione emotiva di fronte a una situazione o un fatto. Ogni persona darà significato a quell'esperienza in base a diversi fattori, come esperienza precedente, età, personalità ... ecc.; ciò farà in modo che il suo modo di sentirsi di fronte a tale evento sia determinato dal significato di ciò che è accaduto (e non dal fatto in se stesso).

Prendiamo come esempio il fatto di sostenere un esame. Prima di questo evento troviamo tre persone che l'hanno interpretato in modo diverso e vediamo come ognuna ha generato un diverso stato emotivo. Se il primo pensa "Ho studiato molto e penso che sia andato molto bene", probabilmente la sua emozione è soddisfacente. Il secondo invece ha pensato "Ho sicuramente sbagliatp nelle risposte", che potrebbe causare ansia e paura di fronte a un possibile fallimento. Infine, il terzo ha pensieri del tipo "Non ho studiato e non passerò l’esame, non valgo nulla" e la risposta potrebbe essere il rifiuto e l'impotenza, che possono portare all'evitamento.

Come abbiamo visto, l'interpretazione o il significato che diamo alla situazione ci fa sentire cose diverse e ci fa comportare di conseguenza. La situazione è la stessa in tutti i casi, ma vediamo come i pensieri danno un tono diverso in ciascuno degli esempi.

Pertanto, il benessere emotivo dipende fondamentalmente dalla nostra consapevolezza dei pensieri automatici e delle loro caratteristiche negative.

Quindi possiamo dire che:

  • sono irrazionali, cioè non aderiscono a fatti oggettivi, alla realtà. Sono interpretazioni errate delle situazioni che stiamo vivendo;
  • sono automatici, appaiono involontariamente. Possiamo incoraggiarli, ma in linea di principio sono spontanei;
  • sono catastrofici, esagerano la realtà in modo amplio. Ingrandiscono la negatività;
  • possono apparire come un'immagine, o talvolta sembra che possiamo "visualizzarne" il contenuto nella nostra mente. Possono consistere in una sola parola o intere frasi. Cioè, non hanno una forma definita, ma possono apparire in diversi modi;
  • ci crediamo quando appaiono, cioè tendiamo a renderli validi semplicemente pensando.

Cosa fare per sapere se ho pensieri negativi?

  • Cerca di capire se stai provando qualche emozione. I pensieri sono ciò che creano emozioni, quindi per identificare se c'è un pensiero negativo, la prima cosa che dobbiamo comprendere è come ci sentiamo.
  • Chiediti cosa ti sta causando esattamente quell'emozione. La risposta a questa domanda sarà probabilmente il pensiero negativo o una sua variante. Es. Sono angosciato. > Che cosa mi angoscia esattamente? > La possibilità che domani non ottenga il lavoro dopo il colloquio.
  • Vedi se quel pensiero si basa su evidenze reali o se si tratta di un'opinione o di una valutazione personale. Ad esempio, nel caso precedente, si tratta di un'anticipazione di un evento che non si è ancora verificato, di cui non ho prove a favore ma sto credendo che accadrà: questo mi sta causando angoscia.
  • Se non hai prove a favore ma ne hai contrarie a quel pensiero, allora puoi essere certo che si tratta di un pensiero automatico negativo.

Cosa fare dei pensieri negativi?

Questa è probabilmente la parte più complicata, dal momento che dobbiamo lavorare con questi pensieri dandogli una prospettiva diversa e cercando di vederli in un modo più oggettivo. Per riuscirci usiamo tecniche e risorse diverse, proprio per capire come siano capaci di deformare la realtà e passando successivamente a una ristrutturazione dei pensieri, così come delle basi che li incoraggiano, ovvero le credenze che abbiamo su ciò che è la la vita e sul nostro passaggio attraverso di essa.

Se pensi di avere pensieri negativi che non riesci a gestire, se questi ti fanno sentire sempre peggio e ti stanno portando a comportarti in un modo che ti sta causando complicazioni, ti consiglio di contattare un professionista in modo da poter lavorare insieme. Parlarne con un professionista ti aiuterà ad acquisire alcune linee guida e alcuni strumenti di lavoro per imparare a gestire bene questi pensieri e per evitare che ti causino così tanto disagio.

Articolo di Antonio Guerrero pubblicato su MundoPsicologos.com

PUBBLICITÀ

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su autorealizzazione e orientamiento personale