Oggi piove! Quanto influisce il clima sul tuo stato d'animo?

Gli psicologi e gli scienziati confermano che il clima influenza la chimica del cervello e la felicità percepita dalle persone.

16 mag 2019 Crescita personale - Tempo di lettura: min.

Tombolo Padova

8 Raccomandazioni

Gli psicologi e gli scienziati confermano che il clima influenza la chimica del cervello e la felicità percepita dalle persone.

Cambiamenti improvvisi di temperatura, pressione e umidità possono causare disturbi nel sistema nervoso e generare una maggiore predisposizione a sentirsi depressi. Quali effetti producono e come prevenirli?

La sveglia suona, apri un occhio e vedi un raggio di sole passare attraverso la finestra…non hai avuto bisogno della coperta stanotte (il clima è mite), e alzarsi dal letto non costa così tanta fatica: puoi andare a piedi nudi dritto in doccia e ti senti subito energico!

Il giorno dopo, quando il "Riiing" fa la sua prima apparizione, senti un tuono e una pioggia pressante...la temperatura della stanza si è abbassata, accoccolato e coperto fino al naso con un paio di coperte, il sol pensiero di mettere un piede fuori ti fa rabbrividire e in più ti immagini che arriverai in ufficio tardi e magari bagnato dalla pioggia…

Non sei l'unico, quasi tutti soffriamo delle improvvise variazioni del tempo atmosferico!".

La genetica, la salute generale e la presenza di malattie influenzano il modo in cui reagiamo alle condizioni metereologiche. Le nostre difese rispondono ai cambiamenti con un maggiore impegno del sistema immunitario e soprattutto quando c'è una variazione improvvisa di temperatura, pressione o umidità, l'organismo accusa questi eccessi e aumentano i rischi di patologie (allergie, asma, coliche, disturbi dell'umore etc.).

Il clima freddo è noto per rallentare il metabolismo. Ecco perché, in inverno, finisci di mangiare e vorresti andare a dormire e l'umore scende un po', diventi meno attivo. D'altra parte, in estate il metabolismo è più accelerato: in generale, l'umore migliora e le persone sono più motivate a fare esercizio all'aperto.

Esiste però nelle persone, un'ampia variabilità nei gusti e nelle preferenze rispetto al clima: ci sono persone che preferiscono una giornata piovosa ad una assolata mentre altre per cui la pioggia genera scoraggiamento.

Questi effetti del tempo sull'umore sono stati a lungo studiati e hanno rilevato, in particolare, una forte influenza stagionale rispetto ad alcuni disturbi dell'umore, come nel Disturbo bipolare: si osserva una differenza psichica molto marcata in estate piuttosto che in inverno.

Inoltre, in uno studio pubblicato nelle rivista Nature Scientific Reports si è rilevato un collegamento tra aumento delle emergenze psichiatriche nei giorni nuvolosi o piovosi (con un'umidità superiore al 60%) e un aumento del disturbo ossessivo-compulsivo quando le temperature erano superiori a 30º C.

È stato notato (anche se difficilmente dimostrabile sperimentalmente) che c'è un cambiamento di umore nel momento prima delle tempeste. Nell'aria c'è un forte aumento di ozono e ioni negativi prima di una tempesta e questo è stato associato ad infiammazioni nei muscoli e nei bronchi, rigidità delle ossa e variazioni nel tono dell'umore. Questo tende a portare ad irritabilità.

In relazione all'influenza del cambiamento climatico sul tono dell'umore, sono stati rilevati alcuni aspetti comuni (C. Rivadeneira), vale a dire:

  • i giorni di pioggia possono causare tristezza in alcune persone. Se questi giorni si protraggono troppo a lungo potrebbero alla fine causare uno stato depressivo;
  • le alte temperature generano una certa euforia, ma soprattutto se la persona è in piscina o al mare. Al contrario, le alte temperature senza acqua vicino, provocano un affaticamento psicofisico legato soprattutto alla perdita di sali minerali e all'abbassamento della pressione. Quando è molto caldo notiamo anche che le persone sono più suscettibili e irritabili;
  • il freddo intenso, all'inizio, provoca iperattività (come un tentativo di riscaldarsi) ma, se persiste e non c'è modo di ripararsi, provoca sonno e svogliatezza.

In un altro studio del 2008, i ricercatori hanno valutato la personalità e gli stati d'animo di oltre 1.200 uomini e donne adulti attraverso questionari quotidiani. Si è rilevato che le persone sono alla ricerca di un certo "comfort climatico", vale a dire, vogliono essere soddisfatte dell'ambiente termico in relazione a determinati parametri di temperatura (20-25 º C), umidità (40-70%), pressione (1.013,2 MB) e velocità dell'aria (0.15-0.25 m/s).

Cosa succede quando questo comfort sembra alterato?

"È stato riscontrato che alcuni bruschi cambiamenti di temperatura, pressione atmosferica e umidità ambientale, determinano alterazioni nel sistema nervoso e vascolare dei pazienti. Si è anche scoperto che la luce del sole può influenzare il modo in cui i partecipanti si percepiscono stanchi." (Rivista Emotion, 2008).

L'importanza della luce solare

Esistono molti studi sui ritmi circadiani: sono un meccanismo che regola il nostro ciclo di sonno-veglia. Questo ciclo dipende da una parte dai cambiamenti dell'illuminazione e dall'altra, da meccanismi biologici chiamati "orologi interni". Entrambe queste cose sono sincronizzate ogni mattina con la luce del sole.

Il sole è davvero importante per il nostro umore: è determinante sui livelli di serotonina nel nostro cervello. La serotonina è un neurotrasmettitore molto importante in termini di felicità: è la sostanza chimica responsabile di mantenere in equilibrio il nostro umore e la sua riduzione è associata alla Depressione.

In breve, la luce del sole ci aiuta a sentirci felici e attivi, aumenta la predisposizione alle relazioni sociali e riesce a diminuire la quantità di pensieri negativi che possiamo avere.

Cosa succede quando piove?

I giorni di pioggia, così come i giorni invernali, in cui c'è meno luce, rendono il nostro livello di serotonina inferiore. E con esso, aumentano le sensazioni di tristezza e nostalgia, così come l'apatia.

È stato dimostrato che nei paesi più caldi il numero di persone affette da depressione è molto più basso che nei paesi freddi; allo stesso modo, è stato anche dimostrato che in luoghi dove c'è più umidità, molte più persone hanno problemi di concentrazione e affaticamento.

Naturalmente: non tutti vengono influenzati dal cambiamento climatico allo stesso modo, né con la stessa intensità. Tuttavia ci sono persone che vengono molto influenzate al livello emotivo da questi cambiamenti.

C'è un disturbo, clinicamente riconosciuto, chiamato Disordine affettivo stagionale (SAD), caratterizzato dall'insorgenza di sintomi depressivi con l'avvento dell'inverno; questo tipo di condizione è più frequente in luoghi dove le notti sono più lunghe. Gli esperti hanno rilevato appunto, tra le cause del disturbo, una risposta del cervello alla diminuzione dell'esposizione alla luce naturale.

Il clima influenza il gruppo?

Sul piano intuitivo, siamo consapevoli del fatto che il clima influenza il nostro stato d'animo. I recenti dati scientifici sembrano confermare questo fatto. I nuovi risultati suggeriscono anche che il clima non solo colpisce l'umore individuale, ma il comportamento di grandi gruppi di persone.

Tale questione sta sollevando ulteriori indagini, considerando le possibili conseguenze di un siffatto effetto, tenuto conto degli attuali pericoli del cambiamento climatico. Il riscaldamento globale è, senza dubbio, qui, e quindi, gli eventuali effetti del clima sull'umore possono aumentare nei prossimi anni.

Il crimine violento aumenta con il calore

Un'indagine suggerisce che il clima può svolgere un ruolo importante nell'incidenza dei crimini violenti, insieme ad altri fattori. I ricercatori dell'Università della California a Berkeley hanno analizzato 60 studi precedenti negli Stati Uniti sui tassi di criminalità violenta e hanno trovato un legame tra violenza e calore, nonché precipitazioni estreme.

Hanno scoperto che in tali circostanze i conflitti tra gruppi (guerre, conflitti armati) sono aumentati del 14%, mentre i casi di violenza interpersonale (stupri, violenza domestica, omicidi) aumentano del 4%.

"Considerando che la temperatura globale dovrebbe aumentare nei prossimi decenni, le prospettive sono preoccupanti".

La gente è più felice nei climi miti

Alcune ricerche hanno identificato un legame tra il clima e i livelli di felicità. Così, le temperature medie più calde in inverno e le temperature medie inferiori in estate sembrano essere correlate con l'aumento della felicità.

Inoltre, inverni miti e estati più fredde rendono facile per godersi l'aria aperta tutto l'anno, non solo perché facilitano l'attività fisica, ma perché trascorrere del tempo al sole è stato associato con bassi livelli di stress e l'aumento del benessere.

Predire il tempo, anticipare l'umore

Come è difficile controllare il clima, non è altrettanto facile controllare le possibili influenze dello stesso sul nostro umore. È vero che, sapendo che di base ne siamo tutti in parte influenzati, ne possiamo regolare un po' l'intensità e fare qualcosa che migliori il nostro stato d'animo. Per esempio, quando piove per molti giorni di fila in vacanza, sta a noi la scelta di andare a comprare un mazzo di carte e organizzare una bella gara con la famiglia. Da questo punto di vista, ci sarà sempre qualcosa per rendere migliore la nostra giornata, per mostrare coraggio ed inventiva, al di là del clima!

"La cosa importante è l'atteggiamento! Fare buon viso a cattivo tempo"

Anche se piove molto e fa un freddo insopportabile, la forza emotiva dell'essere umano è sorprendente! Un caffè in compagnia, una riunione di famiglia o un film a casa sono solo alcune delle opzioni con cui è possibile mantenere il buon umore anche a basse temperature.

Una vera predisposizione a godersi la vita, una buona tolleranza alla frustrazione e una sufficiente flessibilità per adattarsi compongono un ventaglio perfetto per mantenere il nostro umore al sicuro dal tempo...

Cosa fare se i giorni di pioggia influenzano il nostro umore?

Il cambiamento climatico potrà cambiare sia le nostre attività che il nostro umore. Pertanto, sarà necessario compiere uno sforzo consapevole perché quei giorni più bui non finiscano per oscurare anche noi.

Quindi, se sei una di quelle persone che diventa triste per una giornata piovosa, tieni a mente che puoi pianificarla in modo diverso e sorprendente per il tuo umore.

  • Organizza un piano di attività all'interno della casa

Il fatto che questo pomeriggio tu non possa fare la solita passeggiata non significa che lo dovrai trascorrere a letto! È possibile organizzare qualcosa con la famiglia, qualche gioco da tavolo per esempio.

Ma si può anche organizzare uno spuntino con gli amici: concentrarsi su tutti i dettagli dell' "evento" vi farà divertire e aiuterà a migliorare il vostro umore!

  • Approfittane per dedicarti al riordino e alla pulizia della casa

Potrebbe non sembrare un piano molto divertente ma se normalmente non hai molto tempo per questi compiti, potresti usare un pomeriggio piovoso per ordinare gli armadi, per esempio.

Ricordate, quando c'è ordine intorno a voi, e avete gettato via le cose che occupavano spazio ed erano inutili, il vostro senso di benessere aumenterà e di molto!

  • Fai quella telefonata che hai rimandato

Si può anche approfittarne per chiamare quell'amico che si ricorda frequentemente e che si finisce per non chiamare mai. Parlare con qualcuno è salutare per la nostra mente; e vedrete che dopo una buona conversazione, il vostro umore sarà cambiato molto.

  • Fai attività fuori da casa

Che il giorno sia piovoso non deve costringerti a rimanere a casa, anzi è per questo che esistono gli ombrelli! Le attività possono essere svolte anche fuori casa: andare al cinema, visitare un amico, una mostra, ecc.

Tutto ciò che ti fa alzare dal divano, può tirarti su. Anche se, trascorrere del tempo guardando il tuo programma televisivo preferito, non è un cattivo piano... finché non rimani tutto il pomeriggio lì bloccato e con pensieri negativi.

"Ricordati che, anche se a volte le nuvole oscurano, il sole esce sempre".

Articolo della Dr.ssa Nadia Calderaro, iscritta all'Ordine degli Psicologi della regione Veneto.

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos

Articoli correlati