Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Nuove tecnologie e figli: consigli per le famiglie

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Tanti genitori ormai conoscono i rischi e i benefici dell'uso delle nuove tecnologie per bambini e adolescenti. Nell'articolo possono trovare qualche consiglio sul come agire. nella pratica.

11 DIC 2019 · Tempo di lettura: min.
Nuove tecnologie e figli: consigli per le famiglie

Riguardo rischi e benefici dell'utilizzo dei media (TV, social, videogame, …), da parte di bambini e adolescenti, è stato scritto di tutto e di più.

Ma gli adulti come possono affrontare questo fenomeno in aumento?

L'America Academy of Pediatrics viene in soccorso alle famiglie con qualche consiglio molto pratico:

  • Costruire, seguire con costanza e modificare all'occorrenza un piano di famiglia sull'utilizzo dei media (per grandi e piccini!). Nel piano va inserito come e quanto i bambini e gli adolescenti di casa (ma non solo loro…) possono usare le nuove tecnologie, in modo appropriato alla loro età. (Per prendere qualche spunto: www.HealthyChildren.org/MediaUsePlan).
  • Promuovere, come raccomandato, almeno un'ora al giorno di attività fisica e un adeguato numero di ore di riposo (dalle 8 alle 12 ore, in base all'età).
  • Fare in modo che i bambini non dormano con i dispositivi nella loro stanza (inclusa la TV, il computer e lo smartphone).
  • Evitare che i bambini utilizzino i media un'ora prima del riposo notturno.
  • Evitare l'uso dei media durante lo svolgimento dei compiti a casa.
  • Organizzare del tempo di famiglia libero dall'utilizzo delle nuove tecnologie.
  • Individuare degli spazi in casa liberi dai media e mantenerli tali (le stanze da letto, per esempio).
  • Promuovere attività sane, che includano il coinvolgimento dei genitori, come la lettura, il gioco, il chiacchierare.
  • Comunicare le linee guida scelte in famiglia sull'utilizzo dei media, anche alle altre persone che si prendono cura dei bambini (babysitter, nonni…).
  • Impegnarsi nel selezionare e vedere particolari contenuti insieme ai bambini, che stimolino la loro creatività e che diano alla famiglia un'occasione per passare del tempo insieme.
  • Insegnare ai bambini ad avere rispetto delle altre persone sia online che offline e a non comunicare online informazioni personali e private.
  • Costruire una rete di adulti fidati (zii, maestri, allenatori) che interagiscano con i bambini via rete e a cui i bambini possano chiedere aiuto in caso di necessità.

Le evidenze scientifiche mostrano che i bambini e gli adolescenti hanno bisogno di un'adeguata quantità di sonno, di attività fisica e di tempo lontano dai media. I pediatri possono aiutare le famiglie a costruire il loro piano di utilizzo dei media, in modo che sia adeguato all'età di ciascuno.

 

Scritto da

Dott.ssa Spirito Marcella Maria

Bibliografia

Lascia un commento

ultimi articoli su psicologia infantile