Non ci sono fallimenti

I fallimenti non esistono. Esistono, le evoluzioni, i cambiamenti e i tentativi. È giusto e coraggioso provare a cambiare strada, a cimentarsi in qualcosa di nuovo, a sperimentarsi.

4 FEB 2019 · Tempo di lettura: min.
Non ci sono fallimenti

Sì, i fallimenti non esistono. Esistono, invece, le evoluzioni, i cambiamenti e i tentativi. È giusto e coraggioso provare a cambiare strada, a cimentarsi in qualcosa di nuovo, a sperimentarsi in qualcosa che non avevamo mai preso in considerazione. Anche se il risultato non sarà quello che ci aspettavamo, qualcosa in noi stessi si è modificato, abbiamo aggiunto informazioni al nostro archivio, abbiamo capito che ci sono cose che possiamo fare e cose che non possiamo fare. Tentare e non riuscire non è un fallimento, ma aumenta l'esperienza. A volte dobbiamo confrontarci con i nostri limiti e ammettere che non sappiamo o possiamo fare tutto. Non possiamo neanche controllare tutto. La mente funziona così, infatti. Deve sbagliare per apprendere a far bene. Ma cos'è bene e cos'è sbagliato? Non esiste una verità assoluta che valga per tutti.

Quando dobbiamo scegliere, prendere una decisione, facciamo una scommessa. Non sappiamo come andrà a finire. Prendiamo una decisione sulla base delle nostre precedenti esperienze e sulla base delle nostre intuizioni.

È perciò inutile giudicarsi per scelte effettuate in passato e che adesso riteniamo sbagliate. Quando le abbiamo prese, pensavamo che fossero per noi giuste. Poi, col passare del tempo, a volte ci giudichiamo per aver "sbagliato", ma questo ha poco senso. Pensateci: quando per esempio oggi, a 40 anni, pensiamo di aver sbagliato a non studiare, lo pensiamo perché adesso ci piacerebbe.

Tuttavia, allora, da giovani, abbiamo pensato non fosse giusto per noi, in quel momento e con gli strumenti (culturali, psicologici e caratteriologici) e le risorse che avevamo allora. Lo stesso ragionamento possiamo farlo per altre aree della nostra vita, la famiglia, gli amici, le relazioni amorose, il lavoro, etc.

Accettare sé stessi incondizionatamente vuol dire semplicemente essere consapevoli di sè stessi e capire che l'essere umano è, per sua natura, imperfetto. Per fortuna!

Sì, dico "per fortuna" perchè non sbagliare mai è noioso, perchè diventa tutto prevedibile, perchè niente è rischioso. Quindi niente adrenalina. Volete davvero una vita così scontata? Non credo. Allora accettate di sbagliare e non vivete le vostre evoluzioni come fallimenti. Ricordate: "non esistono fallimenti".

Scritto da

Annalisa Cigliano

Lascia un commento

ultimi articoli su psicoterapia