Nessuno può decidere al posto tuo

Quando, finalmente, decidiamo di farci aiutare da uno psicologo, arriviamo al primo colloquio con tante aspettative.

22 OTT 2019 · Tempo di lettura: min.
Nessuno può decidere al posto tuo

Quando, finalmente, decidiamo di farci aiutare da uno psicologo, arriviamo al primo colloquio con tante aspettative. La prima è che questa persona ci aiuterà a superare le nostre difficoltà; ed è assolutamente legittima. Ma come? Come ci aspettiamo che possa davvero aiutarci?

Alcuni pensano che lo psicologo ci darà buoni consigli su come dovremmo affrontare i nostri problemi e che saprà sicuramente cosa fare, visto che è un "esperto di vita", una persona che "sa come va il mondo", una persona "sana".

In realtà lo psicologo è un essere umano come noi e portatore di valori personali come noi. Sa che non esistono decisioni sbagliate o giuste, ma soprattutto sa che non esistono soluzioni standard adatte a tutti.

Ciò che fa uno psicologo è, innanzitutto, comprendere insieme a noi qual è la situazione che percepiamo come problema. La analizza sulla base delle sue conoscenze e competenze; in seguito, ci restituisce una lettura del problema fondata sulla nostra personalità e sulla nostra storia di vita. Ci aiuterà a capire quali sono i nostri valori autentici (che sono diversi dai suoi e da altre persone), quindi cosa vogliamo davvero da noi stessi e quali sono le nostre risorse attuali.

Questo lavoro può essere rappresentato con una metafora. Immaginiamo di dover preparare una valigia per un viaggio. Alcuni vestiti usati sono già in valigia (i valori che ci hanno trasmesso i nostri genitori e la società in cui viviamo). Sceglieremo di tirarne fuori qualcuno e lasciarlo a casa (perché, per esempio, è un valore che non condividiamo e che non ci appartiene più). Alcuni, invece, li porteremo con noi (valori che abbiamo introiettato e condividiamo). Poi ci saranno i vestiti nuovi, quelli che abbiamo comprato noi da soli (valori che abbiamo scoperto nel tempo durante la nostra interazione col mondo e che sono nostri, scelti soltanto da noi).

Ognuno, perciò, "crea" la propria valigia.

Dopo questo lavoro di autoconsapevolezza, la soluzione verrà da sé; a volte, come una lampadina nel nostro cervello, si accenderà improvvisamente. Altre volte avverrà dopo un processo di lunga riflessione.

In conclusione, lo psicologo non decide al posto tuo, ma, tenendoti per mano, fa luce sul percorso di scoperta di te stesso e delle soluzioni più adatte a te.

Scritto da

Annalisa Cigliano

Lascia un commento

ultimi articoli su psicoterapia