Mamma, io non la faccio la popò!

Molti bambini trattengono le feci per manipolare i genitori.

22 MAG 2015 · Tempo di lettura: min.
Mamma, io non la faccio la popò!

Fare la cacca è come il mangiare, respirare, dormire, uno dei meccanismi fisiologici naturali per eccellenza.

Ma pochi potrebbero immaginare che molti bambini trattengono le feci proprio come strumento di manipolazione genitoriale.

Almeno due sono i motivi per cui i bambini trattengono la cacca:

- il primo è senz'altro perché in questo modo hanno la continua attenzione degli adulti su un problema così importante e attenzionato;

- il secondo è perché, in maniera inconsapevole, i piccoli possono avere il comando emotivo su tutto e tutti e decidono loro come e quando gestire qualcosa che dovrebbe essere, per l'appunto, fisiologico e non manipolabile.

In pratica il trattenimento delle feci diventa una potente arma di scambio: più non la faccio, più mi coccolano; più non la faccio, più dimostro di gestire io loro e non loro me.

Per risolvere il problema definitivamente e in tempi brevi, la soluzione non può che essere strategica, del resto dobbiamo combattere contro un nemico abile che ci tiene emotivamente in scacco, modificando, dopo averle individuate, tutte le tentate soluzioni messe in atto dagli adulti per risolvere il problema.

La strategia da adottare è quella di disarmare il nostro nemico e riportare alla giusta normalità la piramide gerarchica per cui è l'adulto a gestire ed il piccolo ad adeguarsi.

Scritto da

Dott.ssa Rachele Falcone

Lascia un commento

ultimi articoli su psicologia infantile