Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Maltrattamento psicologico: i campanelli di allarme

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

L'aggressore arriva travestito da persona estroversa, gentile, attenta e inizialmente il suo lato manipolatore è impercettibile dall'esterno.

30 AGO 2017 · Tempo di lettura: min.
Maltrattamento psicologico: i campanelli di allarme

Come riconoscere la violenza psicologica? Perché le vittime non riescono a uscire facilmente da questo circolo vizioso?

Sempre più spesso, si sente parlare della cosiddetta violenza di genere. Analizzando i numerosi casi di violenza presenti all'interno delle famiglie, si ricorda un passo indispensabile per arrivare alle botte o, nei casi più estremi, all'omicidio: la violenza psicologica. Qualsiasi persona, indipendentemente da genere, età o condizione economica e sociale, può essere una potenziale vittima di questo tipo di maltrattamento.

Si tratta di una violenza silenziosa, che non lascia segni visibili sul corpo, non sempre e non immediatamente, ma che può rivelarsi ancor più subdola perché non viene scoperta rapidamente. La vittima si abitua pian piano ai maltrattamenti, giustificando il partner o qualsiasi altra persona che esercita violenza psicologica nei suoi confronti. "Poverino, è molto stressato", "Mi sono vestita troppo provocante", "L'ho fatta ingelosire parlando con un'altra ragazza" o "Non ho pulito abbastanza" sono alcune delle mille scuse che si possono utilizzare con se stessi per discolpare il maltrattamento e l'aggressore.

La violenza psicologica arriva in punta di piedi e quando i campanelli di allarme stanno suonando risulta complesso allontanarsi dalla relazione tossica. L'aggressore arriva travestito da persona estroversa, gentile, attenta e inizialmente il suo lato manipolatore è impercettibile dall'esterno. Arriva il momento in cui ci si ritrova in una gabbia invisibile: la vittima non riesce a vedere le sbarre che la circondano e, per questo, la via d'uscita sembra irraggiungibile.

Per le persone che osservano questa relazione dall'esterno la soluzione è semplice e immediata ma per la vittima non è così facile. Si tende a portare avanti la relazione, sperando che il partner cambi e facendo passi nella direzione più pericolosa, ad esempio decidendo di sposarsi o di avere un figlio, sperando così che la situazione migliori.

Ma la violenza non si affievolisce nonostante gli sforzi della vittima.

Ogni piccolo complimento, sorriso o momento felice di colpo viene affossato dalle urla, dagli insulti o dai commenti che annullano l'autostima. In più, nei momenti di lucidità della vittima, l'aggressore riesce a incastrarla facendo leva sul suo senso di colpa. Un circolo vizioso, alti e bassi che tendono a rendere il rapporto ancora più tossico. In molti casi la vittima è in fondo consapevole che l'altra persona non la sta rendendo felice ma non riesce a staccarsi, la dipendenza ha ormai raggiunto livelli considerevoli. Questa subordinazione può anche avvenire a livello economico perché, per esempio, l'aggressore non permette alla vittima di lavorare. Può essere sociale perché la allontana dagli amici e dalla sua famiglia. Può essere anche puramente psicologica quando distrugge la sua autostima e la rende incapace di fare qualsiasi cosa senza il suo aiuto.

In questi casi, è indispensabile l'aiuto della famiglia e degli amici per poter mettere fine a questa situazione. Le persone care non devono giudicare ma dare appoggio alla vittima per agevolare la sua fuga da questo circolo vizioso e dall'aggressore. È così fragile che potrebbe non avere la forza sufficiente per uscirne da sola o sopportare di sentirsi giudicata dagli altri. Può essere di grande utilità anche l'aiuto di uno psicologo o di uno psicoterapeuta per poter rompere le catene della dipendenza e per recuperare l'autostima perduta durante la relazione.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in violenza domestica.

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento
2 Commenti
  • Maddalena Michelin

    Condivido appieno l'articolo, la descrizione è semplice e veritiera. Siamo tutti potenziali vittime di violenza psicologica. Trovo conforto nel vedere descritte situazioni che ho vissuto in prima persona e che non riuscivo a descrivere neanche a me stessa tanta era la confusione che avevo.

  • Cristina Bozzato

    Questo comportamento può essere subito anche da un mobber al lavoro.

ultimi articoli su violenza di genere