Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

L'utilizzo dei Social Network negli interventi psicologici con gli adolescenti: il modello strategico integrato

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Come psicologi è importante imparare a saper parlare il linguaggio delle nuove generazioni, primo tra tutti il linguaggio dei Social Network.

26 AGO 2015 · Tempo di lettura: min.
L'utilizzo dei Social Network negli interventi psicologici con gli adolescenti: il modello strategico integrato

Negli ultimi anni, a seguito della loro diffusione, si è aperta un'accesa riflessione sull'utilizzo o meno dei Social Network negli interventi psicologici con gli adolescenti.

In base ai principi teorici del Modello Strategico Integrato (Watzlawick, P., Nardone, G., 1997), piuttosto che chiederci "perché" utilizzare o meno i Social Network, dovremmo semplicemente chiederci "in che modo" utilizzarli. Più in generale il passaggio dal "perché" al "come" è fondamentale per poter confezionare gli obiettivi terapeutici e le strategie per raggiungerli (Watzlawick, P., Weakland, J. H., Fish, R., 1974).

Un materiale importante per la vita degli adolescenti

Nel caso specifico dei Social Network, capita sempre più spesso che durante i colloqui psicologici gli adolescenti raccontino di sé, del loro rapporto con i genitori, dei loro amori e dei loro problemi prendendo spunto dai link e dai video che pubblicano sui loro profili virtuali. Il terapeuta ad orientamento strategico integrato accetta tutto questo materiale, in quanto viene considerato la base fondamentale per la costruzione del progetto terapeutico.

L'approccio strategico integrato rappresenta, infatti, un'evoluzione del modello strategico con il quale condivide la matrice sistemico – costruttivista, che viene ulteriormente integrata con i contributi di altri approcci, quali quello psicodinamico, cognitivo e narrativo, partendo dal presupposto che l'integrazione amplia la facoltà di manovra del terapeuta e l'efficacia e l'efficienza della terapia.

Il progetto terapeutico

La costruzione del progetto terapeutico, intesa come la pianificazione del percorso terapeutico, degli indicatori di cambiamento e delle tecniche d'intervento terapeutico, nel nostro lavoro clinico si basa quindi sul presupposto che "è la terapia che deve adattarsi al paziente e non il paziente alla terapia" (Nardone e Watzlawick, 1990).

La costruzione del progetto terapeutico è quindi completamente centrata e confezionata sul singolo paziente e non su implicazioni teoriche e metodologiche precostituite e si articola attraverso alcune fasi del percorso terapeutico che assumono una forte valenza sul buon esito della terapia quali il primo colloquio clinico, la formulazione della diagnosi complessa, la formulazione degli obiettivi terapeutici, la progettazione delle strategie e delle tattiche di intervento e il consolidamento degli obiettivi e la chiusura del trattamento.

Come terapeuti abbiamo quindi il compito, arduo e affascinante al tempo stesso, di ascoltare, accettare e utilizzare tutto quello che il paziente ci porta in terapia per costruire delle ipotesi di lavoro e delle strategie di intervento.

Prendiamo, come esempio, un adolescente che ci racconta che trascorre il tempo a pubblicare sui Social Network link e video tristi come il suo umore. Seguendo il modello strategico integrato e, in particolare, i criteri stabiliti da Bandler e Grinder (1975), al termine del primo colloquio dovremmo concordare e confezionare su misura del paziente un obiettivo:

1) specifico, ovvero descritto in termini concreti e definito in positivo;

2) misurabile, ossia che contenga indicazioni precise di ciò che dovrebbe accadere per considerarlo raggiunto;

3) raggiungibile, ovvero che tenga conto del contesto, delle risorse e dei vincoli della persona;

4)realistico, ossia che sia definito in termini sensoriali e concretamente raggiungibili dalla persona;

5) temporizzato, ovvero la scadenza del raggiungimento deve essere specificata, così che l'obiettivo costituisca un impegno e non un'utopia. Per il raggiungimento dell'obiettivo dovremmo poi formulare delle prescrizioni, che rappresentano dei compiti che il terapeuta richiede di eseguire al pazientedurante l'intervallo tra due sedute e il cui esito verrà discusso nella seduta successiva.

Seguendo i criteri stabiliti da Bandler e Grinder (1975) sulla formulazione dell'obiettivo terapeutico e delle prescrizioni per raggiungerlo e il concetto di utilizzazione, con il quale si intende l'accettazione incondizionata di tutto il materiale proposto in terapia dai pazienti (Watzlawick, P., 2004), potremmo quindi concordare come primo obiettivo lo sperimentare un umore felice almeno una volta nella seguente settimana e potremmo prescrivergli di:

  • pubblicare un link felice da qui a una settimana
  • pubblicare un video felice per ogni video triste
  • pubblicare un link felice ogni tre link tristi


e così via....

Usare il social all'interno del progetto

Questo ci darà modo di far sperimentare all'adolescente una modalità nuova di utilizzo dei Social Network e ci permetterà di affrontare con lui la scelta di effettuare o meno le prescrizioni, la scelta dei link e dei video pubblicati e, più in generale, ci permetterà di raggiungere un obiettivo terapeutico utilizzando il linguaggio stesso del paziente.

Il concetto di utilizzazione implica necessariamente da parte del terapeuta un atteggiamento elastico e creativo: per utilizzare efficacemente il materiale proposto dagli adolescenti il terapeuta deve saper estendere e utilizzare il proprio "bagaglio" di esperienze e di conoscenze, non necessariamente attinenti al campo clinico. Metaforicamente si potrebbe affermare che quanto più il terapeuta imparerà a "parlare" il linguaggio dei Social Network, tanto più facilmente potrà comprendere questo linguaggio ed utilizzarlo nel lavoro terapeutico con gli adolescenti.

BIBLIOGRAFIA

  • Watzlawick, P. (2004). Il linguaggio del cambiamento. Elementi di comunicazione terapeutica. Feltrinelli: Milano.
  • Watzlawick, P., Nardone, G. (1997). Terapia breve strategica. Raffaello Cortina Editore: Milano.
  • WATZLAWICK, P., NARDONE, G.(1990). L'arte del cambiamento. PONTE ALLE GRAZIE SRL: Milano.
  • BANDLER, R., GRINDER, J. (1975). La struttura della magia. ASTROLABIO: Roma.
  • Watzlawick, P., Weakland, J. H., Fish, R. (1974). Change. Sulla formazione e la soluzione dei problemi. Casa Editrice Astrolabio: Roma.
Scritto da

Dott.ssa Fabiola Trojani

Lascia un commento

ultimi articoli su crisi adolescenziali