Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

L’obesità infantile si cura anche con un terapia psicologica

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

I bambini obesi hanno bisogno di un supporto psicologico specifico per combattere questa malattia.

28 MAR 2014 · Tempo di lettura: min.
L’obesità infantile si cura anche con un terapia psicologica

Il numero crescente di casi di obesità infantile in Italia colloca questo disturbo vicino ad una vera e propria epidemia.

Secondo i dati pubblicati da Slow Food, il 20% dei bambini italiani è in sovrappeso e tra questi il 4% è obeso. Le fasce d'età più colpite sono quelle dei bambini fino ai 13 anni, infatti, tra questi il 25% sono in sovrappeso e il 5% sono obesi.

Quindi, un bambino su tre è in sovrappeso e uno su dieci è addirittura obeso. Con questi dati l'Italia si colloca al primo posto tra gli stati europei ad essere afflitto da questa problematica seguito da Malta, Spagna e Grecia.

Molti studi dimostrano che per affrontare in maniera coerente e decisa questa problematica, oltre al supporto medico, per un aiuto dal punto di vista alimentare, i bambini, così come ogni altra persona affetta da obesità, avrebbe bisogno di un accompagnamento psicologico per curare questa malattia.

Non basta curare l'obesità solo attraverso una dieta appropriata e un costante esercizio fisico. Molto spesso, l'obesità osservata dal punto di vista psicologico, può rivelare alcune problematiche connesse al rapporto che si ha con se stessi e con la socialità.

Oltre agli effetti che l'obesità provoca sulla salute che già conosciamo, alcuni studi americani dell'Università di New York dimostrano una diminuzione nella velocità celebrale del 100% dei bambini analizzati, la quale risultava inferiore perché l'ippocampo in essi si era minormente sviluppato.

La connessione di questa patologia con la psicologica è bilaterale, infatti, da un lato alcuni problemi psicologici possono essere uno dei fattori che provocano l'obesità, dall'altro la stessa obesità può aggravare gli stessi e aggiungerne degli altri.

È stato dimostrato che i bambini, come succede agli adulti, possono manifestare alcuni disturbi psicologici e sociali derivanti da difficoltà in famiglia e a scuola attraverso un cattivo rapporto con il cibo e un'iperalimentazione. Infatti, sempre più professionisti sono a favore di un accompagnamento psicologico come uno dei percorsi con cui combattere l'obesità infantile.

Rischi e difficoltà

Diabete, difficoltà respiratorie, problemi ortopedici, piaghe e lesioni per il peso in eccesso, sono solo alcuni dei possibili effetti sulla salute dell'obesità sin dall'età infantile, i quali possono divenire patologie complesse in età adulta.

Dal punto di vista psicologico, l'obesità può provocare insicurezze nei bambini, depressione, ansia, isolamento sociale. Inoltre, come frequentemente è possibile vedere da video sul web, i bambini con queste tipologie di problemi, possono divenire prede di risa e scherni di coetanei o delle vere e proprie vittime di bullismo.

I rischi di problemi psicologici connessi all'obesità, in realtà, sono tanto più difficili da individuare quanto più il bambino è piccolo. Infatti, spesso la sofferenza indiretta nei bambini di tenera età non viene comunicata in maniera esplicita, ma solo sintomatizzata ed espressa in maniera poco visibile nei comportamenti.

psicologi
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento

Ultimi articoli su Bambini e adolescenti