Legami faticosi e dipendenza affettiva

Insicurezza..socio economica e psicologica. Nel clima di insicurezza attuale, le persone sono sempre più orientate a cercare, esplorare, a non fermarsi..

5 MAR 2015 · Tempo di lettura: min.
Legami faticosi e dipendenza affettiva

Come nel mondo del business così nelle relazioni affettive lo scegliere e il fermarsi può essere poco conveniente (siamo nella logica del 'Chi si ferma è perduto!' ) spesso impauriti dalla perdita di libertà, si sceglie di lasciare le porte sempre tutte aperte, e, quando le relazioni diventano difficili, le s'interrompe (Cianconi, 2011, p. 289).

Questa forma di insicurezza è una minaccia a instaurare rapporti stabili, motivo per il quale oggigiorno le relazioni sono sempre più caratterizzate dalla dipendenza. Ci si percepisce estremamente bisognosi e si va in cerca di un partner che ci consoli e ci ripaghi di una ferita profonda che ha a che fare spesso con il mancato amore per noi stessi.

Il frame che si ripete

Chi sperimenta il desiderio di essere amato, approvato, apprezzato finisce per incappare in un partner che lo illude di ripagarlo e colmare tutto il suo bisogno, ben presto però si rivela inadeguato a soddisfarlo, riportandolo a sconforto e solitudine. Chi si avvicina a una persona con questo tipo di bisogni affettivi, spesso ha la stessa difficoltà ma lo nega, ha sviluppato infatti una modalità che potremmo chiamare di "evitamento", si toglie dalla relazione, minaccia l'abbandono e si rende così interessante solo fuggendo. In realtà chi più sembra dipendere alla fine è la figura meno sofferente da un punto di vista psichico, dei due. Entrambe le figure sono bisognose!

Tuttavia chi implora presenza e continuità, almeno riesce a dare voce al proprio vuoto affettivo, da' voce alle proprie emozioni. Chi invece sembra "fare senza", rischia di "espellere" l'altro senza mettersi in contatto col proprio bisogno negandolo. Chi evita di entrare in intimità con l'altro ne è terrorizzato. Entrambi i partner per esistere hanno bisogno dell'altro (cfr. A.G.Canovi, web).

Secondo, D. Miller (1994) la Dipendenza Affettiva, così possiamo chiamare questo stato di insicurezza e di bisogno affettivo di cui sopra, colpisce nella stragrande maggioranza dei casi, circa per il 90%, donne di diverse fasce di età dalle più giovani alle donne mature.

Tutto ciò perché la consapevolezza delle dinamiche nelle quali siamo immersi ci aiuta a vivere con maggiore autonomia psicologica la nostra vita e ad intraprendere un percorso di salute, anche affettiva!

Scritto da

Dr.ssa Laura Bernardi

Lascia un commento
1 Commenti
  • Raffaella Miale

    È vero io ho sete e fame d'affetto che mi porta ad avere una paura tremenda e folle di essere sempre esclusa, messa da parte, lasciata sola e abbandonata per sempre ho troppa paura degli abbandoni, distacchi e degli addii infatti sono cose che odio

ultimi articoli su dipendenza affettiva