Le potenzialità del suono: la musicoterapia

Tra i nuovi orizzonti che le cure alternative propongono, la musicoterapia contribuisce al benessere psico-fisico dell'individuo grazie all'uso della musica come terapia riabilitativa.

7 NOV 2011 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Le potenzialità del suono: la musicoterapia

Il compito della musicoterapia è quello di aprire dei canali comunicativi che sono presenti nella parte più profonda di ogni individuo, attraverso l'uso dei suoni e della musica.

La musica è una forma di espressione non-verbale ed è un linguaggio al pari di quello corporeo, visivo e verbale; la musica esprime concetti e sentimenti propri di ogni individuo e può accendere in noi ricordi sedimentati nel nostro inconscio.

Attraverso la musicoterapia il paziente esprime le proprie emozioni e il suo stato d'animo.

Gli elementi essenziali affinchè una terapia basata sulla musica funzioni, sono ovviamente la centralità del paziente e la volontà attiva di quest'ultimo nella partecipazione. La tecnica da seguire viene di solito stabilita volta per volta, a seconda della conoscenza che il musicoterapeuta inizia ad avere del suo paziente e dopo la creazione di un legame di intesa particolare nato grazie al suono.

Quando è consigliabile?

La musicoterapia è spesso usata per la cura dei disturbi dell'umore, ritardo mentale, autismo infantile, Alzheimer e altre patologie.

Solitamente il trattamento prevede incontri settimanali che ovviamente possono variare a seconda delle esigenze del paziente. Gli incontri possono essere individuali o di gruppo.

La musicoterapia è utilizzata anche durante la gravidanza e il parto poichè aiuta a raggiungere uno stato di relax e di gestione dell'ansia.

Anche nella terapia con gli anziani la musica è molto importante, soprattutto per coloro che vivono in case di cura e che sentono un forte disagio emotivo. Ma i risultati migliori ottenuti grazie alla musicoterapia, riguardano i bambini che risultano essere più ricettivi e sensibili agli stimoli sonori.

Attualmente lo Stato italiano promuove la musicoterapia ma non la riconosce a livello nazionale.

Tra le associazioni più importanti in Italia, ricordiamo la AIM (Associazione Italiana Musicoterapisti) e la FIM (Federazione Italiana Musicoterapeuti). La AIM divide i suoi soci in supervisori, formatori e musicoterapisti (ruolo più tecnico rispetto al musicoterapeuta) mentre la FIM aggiunge anche le categorie di coterapeuta e musicoterapeuta.

Vuoi parlare con un professionista? Qui trovi il nostro elenco di professionisti esperti in musicoterapia.

PUBBLICITÀ

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su crescita personale