Le forme dell'odio

Odiare è un esperienza che non va bandita e osteggiata ma vista come l'espressione della manifestazione più autentica della vita, di due persone che cercano di entrare in contatto tra loro.

12 MAG 2021 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Le forme dell'odio

L'odio oggi, si vedano i social, rappresenta una piaga, un fenomeno così presente nelle nostre vite tale da costringere le istituzioni pubbliche ad organizzare addirittura campagne pubblicitarie, decreti legge contro esso, contro i pericoli che genera.

Tuttavia l'impressione che sento come uomo e psicoterapeuta, è che esso sia trattato in modo superficiale, come un fenomeno che, seppur condannato e punito, non viene valutato nelle sue reali implicazioni, non viene trattarlo in modo analitico come meriterebbe poiché scomodo da pensare, tanto più se riferito a sé stessi, ai bambini, tanto più se si dovesse affermare che esso, l'odio, è costitutivo l'organizzazione nostra psiche.

L'odio è un sentimento antico, un sentimento che portò Freud a credere che fosse antecedente all'amore: un sentimento provato e "usato" dal bambino in opposizione ai pericoli e agli stimoli del mondo esterno; un sentimento che scaturisce dal ripudio primordiale di ciò che metterebbe in pericolo la sua vita.

L'odio - così visto - è la capacità di potersi difendere e salvaguardare dai pericoli esterni, da tutte le fonte di frustrazione. È una forma d'amore che odia tutti gli ostacoli. Ma non solo.

Se l'odio nasce dalla scoperta di questi stimoli esterni, stimoli che disordinano la propria onnipotenza narcisistica, la propria struttura omeostatica, essi son pur sempre "oggetti" con cui il bambino entra in contatto, e poi in relazione, con qualcosa di diverso, altro da lui, allargando i suoi orizzonti, innalzando, man mano che cresce, la soglia della sua frustrazione.

È tuttavia un processo che lui, da solo, non può certo affrontare, non può certo vivere senza paura. È necessario quindi che gli sia offerta, fin dall'infanzia, la possibilità di capire cosa gli succede, cosa sia l'odio che lo investe, che lo spaventa, che può portare alla sua distruzione, al pericolo di perdersi. È necessario che qualcuno gli dia questo diritto e questa libertà. È necessario che l'adulto capisca che odiare è un esperienza che non va bandita e osteggiata ma vista come l'espressione della manifestazione più autentica della vita, di due persone che cercano di entrare in contatto tra loro.

Però è uguale anche il contrario. È necessario cioè ammettere che, proprio perché l'odio è manifestazione autentica di vita, anche i genitori provano sentimenti tanto amorevoli quanto esecrabili, sentimenti d'affetto e tenerezza in egual misura a quelli d'odio. È necessario ammettere che ogni madre, come suggerisce Winnicott, odia il bambino prima che questi odi la madre.

Se quindi l'adulto è capace di capire i suoi sentimenti, quando odia e ama, il bambino stesso non può comprendere questa cosa, non può capire ancora questa differenza: l'aggressività fa parte dell'espressione primitiva dell'amore, ragion per cui il bambino non può rendersi ancora conto che ciò che distrugge e odia, nel momento dell'eccitazione, è identico a ciò che apprezza quando è sereno, quando è abbracciato ecc.

Alcune famiglie purtroppo non sono capaci di aiutare il figlio, esse sono costituzionalmente fredde e povere d'amore ragion per cui non riescono a dimostrare il loro amore e la loro amabilità. Il bambino che cresce in questo ambiente scopre che i suoi gesti e impulsi d'amore primitivo non sono rispecchiati in modo positivo dal genitore, il quale non può che interpretarli come un insulto, un difetto psicologico e morale del figlio. Il suo odio, la sua distruttività, non fa che percepire al bambino che non è rimasto nulla di prezioso dentro di lui: il vuoto di uno spazio deserto.

Queste sono le cosiddette "famiglie felici", famiglie per cui un sentimento negativo è solo un sentimento negativo e non ha ragione d'essere visto sotto un'altra luce, una nuova prospettiva. Queste sono le famiglie in cui manca la possibilità di spiegare, ogni possibilità di elaborazione, di comprendere e condividere. Queste sono le famiglie che si affidano solo ed esclusivamente a quei modelli comportamentali stereotipati e rigidi, modelli che fanno ben comprendere quanto tutti i membri della famiglia, siano incapaci di rispondere in modo autentico ad un semplice "come stai?". Se un amico fa arrabbiare loro, essi non riescono a comunicare questi sentimenti ma più confusivamente lo "cancellano". Se una storia d'amore finisce male, riescono a trovare altri partner, senza darsi la possibilità di comprendere cosa sia successo, come è stato possibile.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott. Aldo Monaco

Bibliografia

  • Bollas C, L'ombra dell'oggetto, Raffaello Cortina, 2018
  • Galimberti U., (2007) Psicologia, Garzanti, Milano
  • Laplanche e Pontalis, (1967) Enciclopedia della psicoanalisi, vol. II, Laterza, 2010
  • Mangini E., Lezioni sul pensiero freudiano, Milano, Edizioni universitarie di lettere economia diritto, 2001
  • Mangini E., Lezioni sul pensiero post-freudiano, Milano, Edizioni universitarie di lettere economia diritto, 2003
  • Thanopulos S. Il desiderio che ama il lutto, Quidlibet Studio, Macerata, 2016

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su relazioni sociali