Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

L’amore ai tempi del porno: porn addiction e vita reale

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Il sesso è il volano della vita sul nostro pianeta. La porn addiction può ledere la vita di un individuo a a livello sessuale e relazionale. Lo psicoterapeuta può essere d'aiuto.

6 SET 2018 · Tempo di lettura: min.
L’amore ai tempi del porno: porn addiction e vita reale

L'amore ai tempi del porno:

porn addiction e vita reale

Il sesso è il volano della vita sul nostro pianeta senza il quale essa non si sarebbe sviluppata per come la conosciamo; si sarebbe probabilmente limitata a forme di batteri, forse qualche pianta e qualche animale poco evoluto. Questo perché è nella ricombinazione dovuta alla nascita di un individuo che è un mix di 2, che arrivano da altri 4, che arrivano da altri 8 individui e moltiplicando indietro per le generazioni precedenti, che si ottiene l'evoluzione verso esseri più adattati all'ambiente e quindi più funzionanti.

Tutto ruota intorno al sesso quindi, almeno questo è quello che pensava Sigmund Freud e ciò che pensano molte altre persone ed organizzazioni di persone.

Più o meno alla stessa maniera la 'pensano' alcune piante: esse infatti utilizzano strategie molto articolate per spingere i maschi di alcuni insetti alla copula con il proprio fiore. Ma con quale scopo lo fanno?? A loro volta si occupano di potersi riprodurre portando gli stami da un fiore ad un altro!! E come fanno?

Una delle strategie più evolute riguarda piante che hanno all'interno della corona del fiore una zona che ha assunto la forma di una bellissima silouette di femmina di quell'insetto. E' talmente fatta bene che questi (fortunatissimi, ma guarda che combinazione!) rinunciano alla ricerca di femmine della loro specie per copulare senza esiti con questi surrogati di partner. Le piante sono molto astute, utilizzano l'inganno tattile, visivo ed olfattivo.

Sulla testa dei poveri malcapitati, durante quella che potremmo definire umanizzandola, una masturbazione, vengono poggiati dalla pianta alcuni stami che vengono portati sul fiore su cui il nostro amico andrà a cercare il prossimo partner sessuale surrogato. Gli insetti che cadono in questa trappola perdono completamente la possibilità di riprodursi e non hanno nessun vantaggio. Dobbiamo queste informazioni agli studi del Professor Stefano Mancuso.

Cosa fanno queste intelligentissime piante? Per tornaconto creano delle condizioni che spingono degli esseri in modo istintivo ed automatico ad avere un comportamento di servizio per il quale non avranno, non avvedendosene, nessun tipo di ricompensa. L'essere in questione non si accorge per nulla di essere sfruttato dalla pianta; 'crede' invece di espletare le sue funzioni riproduttive, di fatto dissipando le sue energie, il suo tempo e le sue possibilità di vivere e di riprodursi.

Queste strategie, potremmo dire con una punta di ironia, sono vecchie come il mondo!

Sfruttano circuiti cerebrali molto antichi ma presenti in tutti gli esseri animali. Noi non facciamo eccezione.

Proviamo a fare un esperimento insieme: sostituiamo alle piante delle organizzazioni di persone, e sostituiamo al malcapitato insetto delle altre persone, cosa immaginate?

Abbiamo esseri umani che per un proprio tornaconto personale creano le condizioni che spingono altri esseri umani in modo 'inconscio' ed 'automatico' ad avere comportamenti di servizio per i quali non hanno nessuna ricompensa se non la soddisfazione del piacere sessuale. L'essere umano in questione non si avvede (o non si cura) per nulla di essere sfruttato, sente in fondo un profondo appagamento sessuale, forse non si fa le giuste domande e certo dissipa le proprie energie, il suo tempo, ed importanti occasioni di vivere e dare un senso alla propria vita. La tattica si può tranquillamente applicare a tutte le dipendenze.

Vi sono varie manifestazioni di ciò, ma una delle più estreme è la dipendenza dalla pornografia.

Una vera e propria dipendenza, come quelle da nicotina, farmaci, gioco d'azzardo, alcool, ecc.

La porn addiction può spingere un individuo a rinunciare alla vita sessuale con un/una partner, a rinunciare alle altre attività sociali, addirittura a separarsi pur di poter dare sfogo al proprio bisogno di pornografia con o senza masturbazione.

Vi sono persone che si masturbano guardando un filmato hard core nel letto affianco alla partner che dorme, che evitano completamente il sesso reale, che passano ore ed ore a masturbarsi mantenendo un'eccitazione prolungata per poi eiaculare dopo tempi molto lunghi con dolori lancinanti agli organi sessuali.

La persona in questione, percentualmente maschio nell'80% dei casi, può avere aspettative da parte di se stesso o della partner sessuale di comportamenti, misure e prestazioni da filmato pornografico, senza curarsi dei desideri dell'altra persona, senza sentire il proprio essere ed allontanandosi completamente dal senso personale e condiviso dell'incontro sessuale, che sia connotato da amore più o meno profondo, o anche da aspetti più giocosi od avventurosi. Ciò può portare ad un disinteresse e disinvestimento rispetto ad attività che vengono a questo punto vissute come poco intense, spiacevoli, non coinvolgenti.

Tutto ciò chiaramente non può che manifestarsi in seguito con vissuti negativi di colpa, frustrazione, vergogna e solitudine, con una importante ferita dell'autostima e del sè e con l'aumento della probabilità della rottura della coppia, o difficoltà ad investire su incontri e su una relazione duratura.

Difficile dire se la porn-addiction aumenti la tendenza all'isolamento o viceversa: ci sono sicuramente dei fattori psicologici ed emotivi predisponenti, sui quali si vanno a caricare, come pesantissimi zaini, tutte le opportunità, ormai sempre più immediate e percepite come gratuite di avere a che fare con la pornografia.

Ben distanti dal voler demonizzare i filmati hard core, bisogna però considerare che questo tipo di prodotti, che su alcune menti ha effetti ludici a volte di stimolazione della fantasia, od anche utili alla comprensione base di alcune pratiche sessuali, danno se visti 'alla lettera', troppo continuativamente, e senza un lucido distacco, delle immagini distorte della sessualità. Ciò è ben più evidente e dannoso se si tratta di adolescenti o comunque persone che non hanno ancora avuto esperienze sessuali. Vi sono caratteristiche tipiche personologiche e morfologiche dei personaggi dei filmati che possono portare a desiderare ed aspettarsi atteggiamenti sessuali completamente privi di senso nel rapporto con il partner storico o anche occasionale, perdendo molto del contatto con il qui ed ora, o spogliandolo del tutto di significato e della condivisione dello stesso con chi è con noi a vivere questa esperienza di comunicazione, crescita, cura reciproca, amore, gioco, ecc.

La sessualità reale può essere investita da aspettative prestazionali esagerate, di dominanza/sottomissione, richieste sgradite ed egoistiche, giudizi negativi rispetto al corpo del/della partner, vissuti di inadeguatezza di vario genere, ecc.

Fortunatamente non siamo automi, non lo è chi ha un'attività sessuale soddisfacente, chi non ce l'ha, neanche chi è porn-addicted, quindi non essendo obbligati a rispondere automaticamente a ciò che ci viene proposto, a differenza del nostro amico insetto che è inevitabilmente vittima del tranello, siamo noi che possiamo scegliere di aderire o no ad uno stimolo. Siamo noi che possiamo scegliere di curarci, anche chiedendo aiuto.

Il sesso è e può essere molto di più che provare piacere fisico o un innalzamento mometaneo dell'autostima o una sensazione forte. Noi possiamo, dovremmo essere nel qui ed ora a goderci il momento presente nel contatto con il/la nostro/a partner in un ciclo nutriente del nostro corpo, della nostra mente, dell'anima e quando c'è, della coppia.

La porn addiction fa parte di un gruppo di dipendenze sessuali che vanno dalla masturbazione, alla dipendenza dal sesso, o dal sesso virtuale, ed è lesiva poiché determina una qualità della vita ridotta.

Lo psicoterapeuta può aiutare a capire le cause ed i meccanismi della messa in atto di tale comportamento, guidare la persona verso una maggior comprensione di sé e verso un rinnovato interesse verso l'incontro vero e vissuto con un/una partner.

E' importante quindi riconoscerne le caratteristiche e rivolgersi ad uno specialista per iniziare un percorso di psicoterapia qualora ce ne riconosciamo affetti.

Scritto da

Dott. Sandro Lingua

Lascia un commento

ultimi articoli su sessualità e problemi sessuali