L'abito è il monaco, non solo lo fa!

Quello che indossiamo ha una profonda capacità di influenzare la percezione che abbiamo di noi stessi e la nostra performance.

16 mag 2019 Crescita personale - Tempo di lettura: min.

San Martino di Lupari Padova

1 Raccomandazione

Da secoli ormai abbiamo capito che sicuramente l'abito fa il monaco… ovvero che gli abiti che indossiamo e il nostro look danno agli altri precise informazioni su di noi e influenzano il loro giudizio nei nostri confronti.

Quello che non è così scontato invece è che indossare un abito piuttosto che un altro esercita un forte potere nella percezione che noi abbiamo di noi stessi...

INSOMMA L'ABITO E' IL MONACO, NON SI LIMITA A FARE IL MONACO!

Per definire questo concetto gli psicologi parlano di "Enclothed cognition":

se mi vesto in modo appropriato e mi sento a mio agio aumento anche le mie capacità cognitive… che tradotto significa che sarò effettivamente

PIU' COMPETENTE

PIU' ESPERTO

PIU' PROFESSIONALE

PIU' EFFICACE

Ciò è dimostrato da diversi studi sperimentali. Ne cito uno ad titolo di esempio: Adam e Galisky (2012) hanno chiesto a 2 gruppi di studenti di fare un test di attenzione in laboratorio, in cui era necessaria una buona dose di concentrazione.

A tutti hanno fatto indossare lo stesso camice solo che al gruppo A hanno detto che si trattava di un camice da medico, al gruppo B che era un camice da imbianchino…

Secondo te chi avrà avuto le performance decisamente migliori? Il guppo A che credeva di indossare il camice da medico, o il gruppo B che indossava lo stesso camice ma pensando che fosse da imbianchino?

Non c'è bisogno che te lo dica, vero?

Ciò significa che le nostre autopercezioni e il nostro pensiero sono influenzati dal significato simbolico che attribuiamo inconsapevolmente all'abito che indossiamo, tanto da incrementare la influenzare le nostre prestazioni e l'immagine che abbiamo di noi stessi (Symbolic Self Completion Theory).

Ecco spiegato perché molte aziende pretendono che i loro dipendenti utilizzino un abbigliamento formale anche se non sono a diretto contatto con il pubblico e soprattutto perché in molti casi si pretenda addirittura la divisa: "indossare" l'immagine aziendale non può che migliorare l'identificazione del personale con i valori che l'azienda vuole rappresentare.

1 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos

Articoli correlati