La terapia sessuologica

Lasciamo la parola alla dottoressa Tiberi, psicologa e sessuologa clinica.

8 NOV 2016 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

La terapia sessuologica

La valutazione sessuologica è indirizzata a tutti coloro che vivano difficoltà sessuali o relazionali tali da impedire il normale godimento della propria vita sessuale.

Durante una consulenza sessuologica è possibile evidenziare, con un professionista, le differenti componenti che interagiscono nella vita sessuale e affettiva di ognuno e che determinano l'insorgenza di problematiche legate alla sfera sessuale.

La valutazione sessuologica sta alla sessualità come la valutazione medica sta alla salute fisica.

Un sessuologo clinico deve conoscere bene le componenti della funzionalità (ovvero della salute) sessuale che interagiscono nell'esercizio della sessualità delle persone che lo consultano, cercando poi di comprendere in che modo favorire un cambiamento che possa portare ad un concreto miglioramento della qualità di vita.

Due o tre incontri sono necessari per una corretta e precisa valutazione sessuologica poiché in essa esistono diverse sfaccettature.

Le più frequenti problematiche sessuali riguardano:

  • disturbi del desiderio sessuale;
  • eiaculazione precoce;
  • eiaculazione ritardata;
  • difficoltà erettili;
  • anorgasmia;
  • dolore alla penetrazione (dispareunia e vaginismo);
  • problemi di identità di genere;
  • dipendenza sessuale;
  • difficoltà relazionali;
  • perversioni/parafilie;
  • ripresa della vita sessuale dopo un trauma;
  • difficoltà legate al concepimento.

Problematiche maschili maggiormente diffuse

  • Eiaculazione precoce
  • Disfunzione erettile
  • Eiaculazione ritardata o impossibile
  • Dipendenza sessuale
  • Dipendenza dal web
  • Dipendenza dalla pornografia
  • Incapacità a entrare in relazione con una partner stabile
  • Difficoltà affettive
  • Mancanza di autostima
  • Difficoltà nell'incontrare una partner
  • Pene e sofferenze d'amore
  • Abusi sessuali
  • Difficoltà sessuali legate ad una malattia
  • Accettazione della propria omosessualità e dubbi a riguardo

Problematiche femminili maggiormente diffuse

  • Assenza di desiderio sessuale
  • Anorgasmia difficoltà a raggiungerlo
  • Vaginismo
  • Dispareunia dolore sessuale alla penetrazione
  • Assenza di lubrificazione
  • Menopausa e difficoltà sessuali
  • Abusi sessuali subiti
  • Timore della sessualità
  • Paura degli uomini
  • Difficoltà relazionali ed affettive
  • Incapacità di entrare in relazione con un partner stabile
  • Pene d'amore
  • Dubbi rispetto al proprio orientamento sessuale
  • Avversione sessuale
  • Mancanza di autostima e fiducia in se stesse
  • Difficoltà nell'accettazione corporea
  • Difficoltà sessuali legate ad una malattia
  • Relazione con la figura materna

Problematiche di coppia maggiormente diffuse

  • Problema di frequenza rispetto ai rapporti sessuali
  • Problemi di intimità
  • Disaccordi sessuali o relazionali
  • Eccessiva gelosia
  • Infedeltà e tradimento
  • Mancanza di comunicazione
  • Difficoltà a risolvere i conflitti
  • Desiderio di maternità
  • Gravidanza
  • Relazione con i figli
  • Rinnovamento della relazione dopo molti anni
  • Separazione e divorzio
  • Famiglie ricomposte ed allargate

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dr.ssa Tiberi psicologa sessuologa clinica

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su orientamento sessuale