La relazione con un narcisista

Neutralizzare un narcisista manipolatore non è un compito facile, poiché sono molto persuasivi e hanno una profonda capacità di far avvicinare gli altri al loro modo di percepire il mondo.

28 SET 2020 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

La relazione con un narcisista

In un primo tempo vivere con un narcisista può essere intrigante.

Hanno una capacità unica di approccio: romantici, avventurosi e affascinanti, questi personaggi ambivalenti e seduttivi sanno farti toccare il cielo con un dito. È così che, nel primo tempo dell'innamoramento, ci si affida completamente all'altro, con cui si crea una sorta di dipendenza fisiologica. Tuttavia, con il passare dei mesi, il tratto narcisista inizia a mostrarsi, scende il velo dell’idealizzazione e lo si vede per quello che è. Ed è qui che iniziano i grossi problemi relazionali.

Per ovviare alla sua costante istanza manipolatoria potresti spingerti a dire: "Non mi piace sentirmi costretto/a a prendere una decisione frettolosa." Oppure: "Non mi sento a mio agio e non voglio." O ancora: "Ho bisogno di più tempo per pensare e decidere cosa fare."

Proverà quindi a surclassare completamente la tua autostima, comparandoti con chi ritiene essere migliore di te. Puoi dire allora: "Capisco e rispetto il tuo punto di vista, ma conosco i miei aspetti di forza, so chi sono e non perderò tempo con questo tipo di confronti. Per favore, non paragonarmi più agli altri."

Come regalarsi emozioni sane e combattere ad armi pari questi vampiri emotivi? Coltivando amicizie, affetti e relazioni, uscendo dall'isolamento, praticando con costanza i tuoi hobbies e le tue passioni; ossia dando forza alle tue risorse personali.

È la capacità di essere autonomi ad offrirci una grande garanzia: chiunque può cadere in una relazione tossica, anche se strumentato è profondamente attento alle relazioni, ma serve imparare a dichiarare la necessità di un aiuto per venirne fuori il prima possibile.

Per favore, non accontentarti: svaluti te stesso e il tuo valore. Qualcuno che è sicuro di se stesso, fiducioso e felice, è il miglior tipo di persona da amare. Ed è solo riconoscendo il proprio valore personale che ci si saprà mettere al riparo da relazioni ambigue, forme reiterate di dipendenza e fatiche emotive che possono ledere l’identità più profonda.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Silvia Tizzoni

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su dipendenza affettiva