La rappresentazione infantile del rapporto fraterno e amicale

L’ indagine ha inteso rilevare se ed in che misura le rappresentazioni infantili dei legami amicali e fraterni sono influenzate da fattori culturali, sociali ed economici.

23 MAR 2016 · Tempo di lettura: min.
La rappresentazione infantile del rapporto  fraterno e amicale

L'indagine ha inteso rilevare se ed in che misura le rappresentazioni infantili dei legami amicali e fraterni sono influenzate da fattori culturali, sociali ed economici, o/e contengono elementi di natura universale.

Nello specifico la ricerca ha rilevato, su un campione di 142 bambini boliviani (età da sei a undici anni), le rappresentazioni grafiche e verbali delle relazioni con l'amico e con il fratello in situazioni di armonia e conflitto.

Il campione è suddiviso in tre gruppi caratterizzati da uno status socioeconomico diverso:

a) svantaggiati (scuola pubblica),

b) avvantaggiati (scuola privata),

c) fortemente svantaggiati (internato).

È stata inoltre considerata come variabile la condizione di permanenza dei soggetti entro il gruppo familiare o l'allontanamento da esso. La metodologia ha previsto l'utilizzo integrato tra il disegno tematico ed un questionario sulla qualità emotiva delle relazioni.

I risultati suggeriscono che le caratteristiche connotative di questi legami sono di natura universale, variano, al contrario, le modalità di gestione dei rapporti che si mostrano influenzate sia da modelli educativi familiari e scolastici, sia dalla condizione di istituzionalizzazione

Lascia un commento

ultimi articoli su psicologia infantile