Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

La crisi psicologica

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

In questo breve elaborato è riportata una definizione esaustiva e trasversale rispetto ai vari punti di vista teorici del concetto di "crisi psicologica.

28 NOV 2017 · Tempo di lettura: min.
La crisi psicologica

L'etimologia di crisi deriva senza dubbio dal verbo greco krino = separare, cernere, in senso più lato, discernere, giudicare, valutare.

In Psicologia con il termine crisi intendiamo "la presenza della rottura dell'equilibrio psichico precedentemente raggiunto" (Racamier, 1985). In tal senso è possibile ritenere il "momento di crisi" come il momento in cui uno strappo, un taglio, provoca una rottura del nostro equilibrio creando uno stato di stallo e l'impossibilità a tornare indietro, da quì la necessità di trovare, non senza fatica, un nuovo equilibrio con se stessi, con gli altri e con l'ambiente.La crisi psicologica spesso avviene nel momento in cui un evento, esterno o interno, di grande intensità emotiva supera le nostre capacità di elaborazione e di sopportazione provocando uno squilibrio che può manifestarsi con vissuti di impotenza, confusione, intensa tristezza e ansia, sensazione di vuoto o di essere bloccati. Basti pensare a tutte quelle comuni esperienze che chiunque si trova a vivere durate la propria esistenza, come il lutto o la separazione da una persona cara, il licenziamento o anche un importante evento positivo come il matrimonio o la nascita di un figlio. Malgrado la crisi comunemente tenda a risolversi spontaneamente può accadere che, in alcuni casi, superi le nostre capacità di sopportazione o ci colpisca in momenti della vita in cui non abbiamo sufficienti risorse per affrontarla.

Ma come si può arrivare ad un nuovo equilibrio?

Ovviamente non è né facile né immediato. Ma il percorso di Supporto Psicologico con uno specialista, quando adeguato, può essere molto utile in tal senso ed avere buoni effetti terapeutici. Il benessere psicologico poggia su un delicato equilibrio tra desideri, valori e credenze, che nel complesso formano l'identità di una persona, e il suo sistema di relazioni amorose, di amicizia, lavorative e con l'ambiente in generale. Da questa prospettiva, una crisi psicologica obbliga in molti casi a "rivedere" la propria identità. (Pensiamo ad esempio ad un imprenditore appassionato che dopo anni di duro ed emozionante lavoro è costretto a confrontarsi con il "vuoto esistenziale" derivante dalle solitarie e monotone giornate da pensionato). La crisi si affronta attraverso la riflessione con l'obiettivo di rielaborare i vissuti, i conflitti, e la propria storia personale. La crisi si affronta attraverso un faticoso viaggio interiore, affascinante ma spesso anche spaventoso, che ci permette di esplorare nuove possibilità esistenziali e riscoprire, con un nuovo equilibrio, la serenità.

Dott. Ferdinando Bortone Psicologo Esperto in Psicologia clinica e Neuropsicologia

Scritto da

Dott. Ferdinando Bortone

Lascia un commento

ultimi articoli su crisi esistenziale