La coppia: tra crisi e rinascita

​Per poter comprendere il vissuto della coppia di oggi, è necessario fare un breve confronto con la coppia delle generazioni precedenti.

14 APR 2021 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

La coppia: tra crisi e rinascita

Per poter comprendere il vissuto della coppia di oggi, è necessario fare un breve confronto con la coppia delle generazioni precedenti. Fino a qualche decennio fa, la convivenza era possibile solo all'interno del matrimonio e la famiglia che successivamente si veniva a creare era fondata sul sacrificio e sulla crescita dei figli. I ruoli di ciascun coniuge erano ben distinti, pertanto l'uomo provvedeva al mantenimento economico della famiglia mentre la donna aveva il compito di gestire la casa e di crescere la prole.

Oggi le cose vanno in modo diverso: la contraccezione ha reso la donna libera dal suo destino biologico. Il divorzio, l'indipendenza economica di entrambi, hanno fatto sì che uomo e donna si trovino su un piano di parità dove l'esigenza di realizzarsi anche a livello emotivo diventa prioritaria. È per questo che la separazione non viene più vissuta come fallimento ma come un momento per rimettere in discussione se stessi e i propri bisogni.

Auto-realizzarsi non significa più avere successo nel lavoro per l'uomo, e sposarsi ed avere un figlio per la donna, ma tutte e due le cose per ciascuno all'interno comunque di una relazione di coppia appagante. È indubbio che nella scelta del partner prevalgono aspetti razionali ed irrazionali non sempre decifrabili.

Perché ci innamoriamo di una persona piuttosto che di un'altra? Perché spesso capita di provare attrazione per la persona sbagliata? Nelle nostre scelte entrano in gioco sia il contesto sociale in cui l'individuo è inserito sia le motivazioni interne all'individuo stesso.

Tutti noi abbiamo subìto i condizionamenti del nostro modello familiare e la maggiore o minore influenza dipende dal livello di differenziazione che abbiamo raggiunto rispetto alla nostra famiglia d'origine. Quando nella scelta del partner prevale l'influenza dei nostri genitori, la scelta è orientata verso caratteristiche esteriori come la posizione o il prestigio sociale (l'idea di come deve essere una buona moglie o un buon marito). In questo caso l'altro viene vissuto e identificato per le caratteristiche utili alla propria "salvezza" dove sussiste una prevalenza di bisogni tesi a risolvere i problemi del passato. Spesso l'amore viene vissuto come un tutt'uno dove l'altro deve essere in grado di colmare la nostra solitudine e/o la nostra inadeguatezza. La coppia si struttura su uno sfondo di sfruttamento reciproco dove lo scambio d'amore diventa impossibile.

Su un piano più introspettivo potremmo dire che le esperienze vissute all'interno della nostra famiglia ci inducono a seguire un copione che cerchiamo di rappresentare attraverso le nostre relazioni interpersonali sentimentali.

È proprio per questo che tendiamo ad innamorarci dell'uomo o della donna che crediamo sia in grado di essere ciò che desideriamo. Se abbiamo vissuto in una famiglia che ci ha accolto con amore tenderemo a dar vita a legami basati sulla fiducia reciproca. Il nostro livello di consapevolezza circa la relazione ci permetterà di trovare adeguate strategie nei momenti di crisi rigenerando continuamente il nostro rapporto. Esistono anche modelli di attaccamento dove prevalgono sentimenti negativi di estrema gelosia e di ansia da separazione. Quando inconsciamente non ci si ritiene degni d'amore, proprio perché non l'abbiamo ricevuto, potremmo vivere relazioni deludenti per il bisogno di colmare il nostro senso di incompletezza e di guarire con l'aiuto dell'altro le nostre antiche ferite.

Spesso una delle cause di separazione più riscontrabile consiste proprio nel raggiungimento consapevole (da parte di uno dei due partner) dei propri disagi inconsci che sono stati il motivo della scelta dell'altro. Pertanto quando riusciamo a capire il problema che spesso ci lega ad una situazione di bisogno, si interrompe anche quella dinamica attrattiva che ci ha portato verso quel partner. Da quel momento siamo liberi e in grado di orientarci così verso scelte mature e non condizionabili.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott. Alessandro Papagni

Bibliografia

  • "Illusioni d'amore", Jole Baldaro Verde, Ed. Raffaello Cortina

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su terapia di coppia