La bulimia

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

La bulimia è una patologia difficile da riscontrare, poiché l'obiettivo dei soggetti che ne soffrono non è la riduzione del peso, bensì mantenerlo; in questo modo sul loro corpo non si notan

31 gen 2011 · Tempo di lettura: min.
Molte persone bulimiche hanno piccole ferite sulle mani.

La bulimia è una malattia basata su un disturbo psicologico e alimentare nella quale le persone che ne sono affette non sono in grado di controllare gli impulsi che le spingono a mangiare e poi si sentono colpevoli e provano vergogna, inducendo poi il proprio corpo a vomitare tutto ciò che hanno mangiato per non aumentare di peso. I bulimici, ovvero le persone colpite da questo disturbo, vivono almeno 15 episodi di vomito alla settimana e sebbene il loro peso si mantenga normale, in ogni episodio possono arrivare ad ingerire oltre 20.000 calorie.

Si tratta di una patologia difficile da riscontrare, poiché l'obiettivo dei soggetti che ne soffrono non è la riduzione del peso, bensì mantenerlo; in questo modo sul loro corpo non si notano cambiamenti ad una semplice occhiata.

Per poter riscontrare la patologia è necessario fare attenzione ai sintomi:

  • Molte persone che ne soffrono sono state obese o hanno fatto parecchie diete senza un controllo medico per perdere i chili in più accumulati e ciò li porta a costanti alternanze di peso
  • Mangiare grandi quantitativi di alimenti in un breve lasso di tempo, in modo incontrollato e con un'ansia che induce il soggetto a pensare di non poter smettere di mangiare
  • Utilizzo di lassativi, farmaci e diuretici per poter eliminare gli alimenti ingeriti ed eccessiva pratica di attività sportive
  • Livello di autostima estremamente basso
  • Parecchie visite al bagno, sempre dopo mangiato

Tra le conseguenze della bulimia, si possono notare:

  • Aritmie che possono provocare infarto
  • Disidratazione
  • Perdita di massa ossea
  • Perforazione dell'esofago
  • Lacerazioni gastriche
  • Pancreatite

Se credi che qualcuno che conosci ne soffra, parla con uno dei nostri specialisti nella cura della bulimia per poterlo aiutare in tempo.

psicologi
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento